Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Alassio: io ipovedente bagnante derubata della borsa. Ho pianto in una città sorda e ceca anche con anziani. Eppure i sensibili…

LETTERA SUL WEB – Alassio- 3 luglio 2020- “Che umiliazione ho subito oggi !”  Leggi anche il Comune eroga altri 75 mila euro di contributi straordinari a famiglie bisognose e in difficoltà economica. Vedi anche alcuni post polemici e immagini di giardini in centro città con mini accampamento di nomadi.

Un venditore abusivo di indumenti femminili quelli più richiesti (secondo una consolidata a tradizione sulla spiaggia alassina). Ma sarebbe ingiusto accomunarli a ‘topi’ di borse del lungomare.

“Fare  il bagno nel mare di Alassio, città così bella ma tanto avida e cinica,  è diventato un  vero problema  di questi tempi .  Infatti, dopo  il bagno (15 o 20 minuti  a mollo e a riva perché non so nuotare) ho pensato a come avrei potuto fare per tornare a casa in bikini e a piedi nudi , visto  che i miei abiti erano nella  borsa che avevo appeso ad un palo piantato a un metro dalla riva.

La borsa era sparita e nonostante, credo, mi abbiano vista  cercarla ripetutamente con tanta tanta fatica perché sono IPOVEDENTE,  nessuno ha mosso un dito ( e vabbè siamo in tempi di Covid) ma neanche una parola  per aiutarmi. Il bagnino me l’aveva portata su nella passeggiata, in strada, depositata sopra una panchina dove chiunque avrebbe potuto portarmela via compreso il bastone bianco che era pure in vista.
Un insulto!!  Non sono arrabbiata col bagnino perché lui esegue degli ordini dall’alto ma sono furente con l’Amministrazione e le tante persone  < ignoranti  crudeli menefreghiste  ed insensibili>.  Vorrei provassero loro a trovare la via del ritorno se fossero immerse in una nebbia visiva come me che ho rari sprazzi di residuo visivo. Solo per un paio di ore, non per sempre.
Per favore aiutateci a vedere: il mondo è anche nostro. Noi possiamo essere persone autonome e non di peso alla collettività se non fate come oggi. Cambiarci  o spostarci i punti di riferimento è disastroso per noi che dobbiamo affidarci alla memoria. Mi è venuto un groppo in gola ed ho pianto perché è stato veramente difficile tornare a casa. Mi sono persa ma poi ho messo da parte l’orgoglio ed ho chiesto aiuto. E le persone sensibili c’erano anche ad Alassio, città che continua a dimostrarsi sorda e cieca non solo per chi ha disabilità ma anche per le persone su d’età.
Eppure, come diceva Flaubert “ Il cuore è una ricchezza che non si vende e non si compra, ma si regala.” Ora ho un dilemma: domani farò il bagno in mare vestita e coi sandali oppure pagherò 40 /45 euro per affittare ombrellone e sdraio ?  La spiaggia libera e quella per i disabili non esiste. Non l ho trovata   Mah. Però c è un articolo curioso”. Jolanda Bonino

Alassio: incontro in Questura del vice sindaco galtieri e comandante Polizia locale

COMUNICATO STAMPA – Galtieri: incontro costruttivo. Siamo lieti di aver registrato

Incontro di lavoro tra il vice sindaco di Alassio, Galtieri, il questore Giannina Roatta, la dirigente del locale commissariato Gilda Pirré ed il comandante la Polizia locale Francesco Parrella

l’attenzione da parte del Questore di Savona. Ci sarà un rafforzamento della copertura sulla nostra città e un coordinamento ancora più serrato con tutte le Forze di Polizia.

Un incontro costruttivo e proficuo quello di stamani in Questura a Savona tra il vicesindaco di Alassio Angelo Galtieri, il Comandante della Polizia Municipale di Alassio Francesco Parrella, la dirigente del Commissariato di Polizia di Alassio, Gilda Pirrè e il Questore di Savona, Giannina Roatta.

Sollecitata dall’amministrazione alassina, prontamente accolta dalla Questura, l’occasione è stata quella di illustrare nel dettaglio la situazione che da qualche settimana sta destando preoccupazione presso l’amministrazione stessa e le forze dell’ordine attive sul territorio della Città del Muretto.

“Siamo una città a vocazione turistica – ha voluto sottolineare Galtieri – e se è vero che la nostra risposta è stata pronta ed efficace, è anche vero che vogliamo garantire alla cittadinanza e ai turisti che sceglieranno la nostra città come meta delle loro vacanze, un luogo sicuro e accogliente, privo di fenomeni riconducibili a bande di ragazzotti ubriachi e in vena di creare disordini: non è questa l’immagine di Alassio, non lo è mai stata e non vogliamo la diventi”.

“Dopo i servizi speciali adottati – prosegue il vicesindaco – i numeri sono in netta discesa, ma non sono ancora quelli che vorremmo. E in questo senso siamo lieti di aver potuto registrare l’attenzione da parte del Questore di Savona. Ci sarà un rafforzamento della copertura sulla nostra città e un coordinamento ancora più serrato con tutte le Forze di Polizia per la sorveglianza delle zone maggiormente sensibili”. “Per quanto attiene il distaccamento di ulteriori risorse – aggiunge Galtieri – dovremo attendere risposta da parte del governo centrale che deciderà sulla scorta del grado di criticità delle diverse situazioni segnalate. In questo senso, proprio grazie ai servizi messi in essere da Polizia Municipale, Polizia di Stato e Carabinieri siamo soddisfatti dei risultati conseguiti ma non abbasseremo la guardia, e continueremo a lavorare per migliorare questi risultati”.

75mila euro per il sostegno alle famiglie

Erogati in questi giorni i contributi straordinari tra 600 e 250 euro alle famiglie in difficoltà a causa del lockdown. Battaglia: “un sostegno tangibile in una situazione che sta mettendo a dura prova tutta la società”.

“L’impatto che le misure restrittive adottate a livello nazionale per contrastare l’emergenza sanitaria ha avuto sulla società non cessano di destare preoccupazione – Giacomo Battaglia, Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Alassio, non nasconde la preoccupazione – i mancati guadagni, in taluni casi addirittura la perdita del lavoro, stanno mettendo a dura prova numerosi nuclei famigliari della nostra città. Quotidianamente l’Ufficio Politiche Sociali registra richieste di aiuto economico, che palesano situazioni di grave difficoltà e sofferenza da parte delle famiglie, a cui è necessario rispondere. Nel giugno scorso a tale scopo con l’Assessore al Bilancio, Patrizia Mordente, abbiamo cercato di individuare risorse da destinare alle situazioni più critiche, stanziando 75mila Euro provenienti dai capitoli dell’Assessorato alle Politiche Sociali e aprendo un bando per stilare una graduatoria degli aventi diritto”.

Gli uffici, coordinati dalla funzionaria Ivana Sirtori hanno seguito l’iter, e verificato le numerose domande pervenute.

“Alla fine sono 172 i cittadini le cui istanze hanno trovato accoglimento e cui stiamo assegnando contributi straordinari nell’importo massimo di €600,00 e minimo di €250,00. Proprio in questi giorni gli aventi diritto stanno ricevendo sui rispettivi conti correnti gli importi stabiliti: non certo una ricchezza, ma un sostegno tangibile in una situazione che, ne siamo consapevoli, sta mettendo a dura prova tutta la società”. “Doveroso – conclude Battaglia – il ringraziamento agli uffici delle Politiche Sociali per come anche in questa occasione abbiano saputo gestire una situazione inedita e interpretare i malesseri della nostra comunità, spendendosi in termini di tempo e lavoro per dare risposte e un aiuto concreto a quanti quotidianamente si rivolgono agli uffici segnalando problematiche e disagi”.

UN’ISTANTANEA TESTIMONIANZA DA ALASSIO
Giardini Charlie Chaplin ad Alassio
RABBIA E POLEMICA DI DOLORES D’AVANZO AFFIDATA AI SOCIAL

Continuo battibecco tra  Nieddu fidanzata del sindaco Marco Melgrati e Dolores. C’è chi ricorda che l’anno scorso di questi tempi lei ha pubblicato un articolo  sottolineando  di essere tra gli ospiti d’onore della serata.

L’idillio è finito ? Dolores accuserebbe di favoritismi e presunti di conflitti d’interesse Melgrati, rivelando, parrebbe, di una società fittizia della Nieddu per evitare che si risalga a lei. Solo panzane è la secca reazione.
ALASSIO –Attivata la Casa dell’Acqua

COMUNICATO STAMPA – Un’iniziativa sperimentale che potrà essere ampliata con ulteriori punti di distribuzione in altre zone della città, frazioni comprese.Alassio sempre più nel segno del Plastic Free. E’ infatti attiva da pochi giorni la Casa dell’Acqua sita nello spazio antistante il Palazzetto dello Sport Lorenzo Ravizza.

“Abbiamo completato  l’allaccio all’acquedotto e alla linea elettrica e dallo scorso fine settimana la Casa dell’Acqua è operativa – spiega Angelo Galtieri, vicesindaco di Alassio – con pochi centesimi l’utenza potrà riempire le proprie bottiglie con acqua microfiltrata e sterilizzata sia naturale, sia gassata”.

“Un’iniziativa avviata in via sperimentale – aggiunge Galtieri – che se troverà il gradimento della cittadinanza, potrà essere ampliata con altre casette distribuite in altre zone della città e delle frazioni”

Avatar

Trucioli

Torna in alto