Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Disastro ‘Sanità savonese’
Testimone Ciangherotti e pazienti
Lunghe attese, fughe in Piemonte.
E test sierologici gratis: Albenga Covid free?

Scrive sulla sua pagina Facebook il combattente rimasto fedele a Forza Italia Eraldo Ciangherotti,  medico dentista affermato, capogruppo consiliare e provinciale, in predicato da candidato in Regione: “Questa mattina, ho ricevuto un cittadino di Albenga, per altro anche mio paziente, un anziano disabile, con in mano una ricetta medica mutualistica urgente (con barrata la lettera B) per effettuare un esame diagnostico entro dieci giorni”. Chi è “senza santi in paradiso….’

CIANGHEROTTI CHIEDE TEST SIEROLOGICI PER IMPRENDITORI TURISTI

MA ANCHE SACERDOTI. ALBENGA DEVE DIVENTARE UNA CITTA’ COVID FREE

COMUNICATO STAMPA – “Test sierologici per imprenditori turistici e commercianti per far diventare Albenga una città Covid free”. Lo chiede il consigliere comunale di Forza Italia Eraldo Ciangherotti che propone all’Amministrazione comunale di istituire un fondo per contribuire alle spese che le partite Iva dovranno sostenere per farsi sottoporre ai test e mappare l’eventuale diffusione del virus “ma l’obiettivo – precisa Eraldo Ciangherottiè soprattutto quello di offrire una sorta di bollino di sicurezza ai turisti che decideranno di trascorrere le vacanze ad Albenga. Sapere che non ci sono situazioni a rischio in città potrebbe essere determinante per scegliere la destinazione delle ferie estive”.

Prosegue Ciangherotti: “Questa estate i turisti sceglieranno mete vicine a casa. Favorito quindi il cosiddetto “turismo di prossimità” e anche il “turismo religioso” visto che Albenga è tra i primi posti in Liguria. Rendere Albenga una città Covid Free potrebbe rappresentare un valore aggiunto per il turista. Quello che propongo è di concedere ai  titolari delle 141 strutture ricettive tra alberghi,  B&B, campeggi, villaggi turistici, agriturismi, proprietari di case vacanze, ai 34 concessionari delle spiagge e anche ai sacerdoti della nostra Diocesi una sorta di bonus che possa invogliare le categorie a farsi sottoporre ai test che vengono effettuati nei centri medici. Sarebbe un modo per incentivare il comparto turistico per ottenere un “certificato sanitario di garanzia” che costituisce un prezioso riconoscimento per la nostra città. In questo periodo gli operatori turistici – continua Ciangherotti – sono alle prese con mille incombenze e incertezze dettate dalla riorganizzazione della riapertura e dalla necessità di seguire tutti i protocolli e le linee guida ministeriali. Per le categorie è fondamentale potersi proporre al mercato non solo con una struttura che dimostra di seguire tutte le procedure ma che in più ha fatto un test sierologico a tutti i collaboratori e a tutti coloro che gravitano nella struttura. Potersi presentare come struttura “Covid free” rappresenta un’importante rassicurazione prima di tutto per gli ospiti ma anche per gli stessi collaboratori che potranno lavorare in sicurezza essendo stati tutti sottoposti allo screening sierologico”.

LA MIA TESTIMONIANZA  DA MEDICO –

Il dr.Eraldo Ciangherotti medico dentista

“Dopo aver perso quasi  un’ora del mio tempo al telefono contro la burocrazia più assurda, ho scoperto che il paziente non può prenotare direttamente la prestazione ma è obbligato a passare dal suo medico curante che avrebbe l’obbligo (non previsto) di telefonare in reparto, tra i vari ospedali, per cercare chi sia disponibile ad effettuare questo esame entro dieci giorni.

Immagino, perchè lo vivo quotidianamente sulla mia pelle, il da farsi (esponenzialmente aumentato) dei medici curanti che sono costretti già a lavorare al rallentatore, per riuscire a visitare tutti i loro pazienti in questa fase di post Covid ancora non ben definita, figuriamoci se debbono ancora stare appresso prima di tutto al centralino telefonico dell’ospedale che non sempre ti risponde, poi alla ricerca del reparto ospedaliero, quindi al colloquio con un responsabile in grado di fissare un appuntamento, e infine con tutte le volte che casualmente cade la linea tra un passaggio di telefonata e l’altra.
Ecco,  io vorrei che i vertici della direzione della sanità nella nostra provincia si mettessero nei panni dei pazienti “sfigati” che, senza “santi in paradiso”, tra un problema e l’altro di questa difficile quotidianità, sono in attesa di ricevere riscontro dal Sistema sanitario nazionale alle loro necessità mediche e non fanno altro che passare da una telefonata all’altra, fino a quando, stufi e non per scelta, sono obbligati a ricorrere al privato… “.

COMMENTI E TESTIMONIANZE- Rosaria Navone: Direi che siano venti anni che la medicina pubblica è allo sbando, ed in vent’anni si sono alternati i partiti, ma hanno sempre attuato una politica di “privatizzazione” della sanità. Gemma Ferrari: Stesso problema, dopo essere andati di persona al S.Corona, x ché x tel mi avevano detto che dovevo andare di persona, hanno detto niente prenota. Deve farlo il medico, dott. Tel x ore nessuna risposta poi risposto un dott dicendo ha sbagliato num fatta RM con contrasto a Bra tramite amici. Franca Gian Balocco: “Bisogna andare in Piemonte per avere termini brevi.

È assurdo, ma è la verità. Rosa Maria Torchio: “Ha centrato il problema… Sto diventando letteralmente ‘matta’ per un’esenzione ticket per patologia rara…….. Tutto chiuso, numeri verdi e se trovi qualcuno ti rimandano a qualcun altro….. È veramente una situazione deprimente…. Oltretutto il privato di ogni settore ha aperto in toto, mentre gli sportelli pubblici, comunali, di riscossione, nonché bancari continuano il lock down pagati da chi???!!!!…… Ma da tutti noi!!! Martino Bolla: “E’successo anche a mia zia che deve essere visitata al p.s.di Santa corona per sostituzione gesso (e aveva gia le richieste pronte, mancava solo la data),andando avanti cosi l’assessore Viale e la sua Alisa faranno perdere migliaia di voti aToti in questa zona e non solo! Silvia La Scala: “E’successo anche a mia zia che deve essere visitata al p.s.di Santa corona per sostituzione gesso (e aveva gia le richieste pronte, mancava solo la data),andando avanti cosi l’assessore Viale e la sua Alisa faranno perdere migliaia di voti aToti in questa zona e non solo! Piera Serafini Titti: “Ciao Eraldo, lo capisco, stessa cosa x me, purtroppo ho dovuto fare un altra scelta, andare a pagamento, e domani farò la RM e venerdì la visita. Non è giusto, io ” posso pagare” facendo uno sforzo, ma chi nn ha i mezzi! Che sanità! Un saluto Titti. Giovanna Santoro: “Veramente una vergogna.. Sembra che ora esista solo il virus… Non si possono fare più esami analisi… Non si sa come muoversi… Poi dicono di fare prevenzione!!!! Però a pagamento funziona tutto… A pagamento il virus non esiste!!!! Veramente uno scandalo”.
Avatar

Trucioli

Torna in alto