Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Andora, ‘camminamenti’ antivelocità
Dopo l’emergenza pioggia di opere pubbliche

Anche Andora mette in atto i ‘camminamenti rialzati’. Riguardano la strada provinciale, nelle vicinanze del casello autostradale e tra via San Damiano e via Clavesana. La speranza è che non si segua in toto l’esempio di località che hanno posato sulle carreggiate veri e propri rialzamenti (bande rialzate) che ostacolano moltissimo le autoambulanze (di fatto obbligandole a fermarsi per evitare sbalzi ai trasportati) facendo perdere preziosi minuti, spesso importanti per salvare una vita umana. Si pensi solo a infarti, ictus, feriti gravi ‘appesi ad un filo”. Chi ha dubbi si rivolga ai militi e autisti. A medici dei Pronto soccorso.

Un sistema che a Loano ha la sua ‘capitale’ indiscussa, con almeno una cinquantina di ‘barriere’, dall’Aurelia alle vie interne e periferiche. Un ‘disincentivo antivelocità’ che non ha pari in altri paesi europei, diciamo pure più ‘all’avanguardia’. Dove la velocità e i trasgressori sono colpiti pedissequamente e gli indisciplinati che  mettono a rischio l’incolumità altrui non possono scommettere nell’alternanza dei controlli a raggiera. Nei centri urbani i limiti di velocità sono ben visibili sull’asfalto, nell’immediata periferia si ricorre all’autovelox, oltre a servizi con pattuglie mobili. Sulle autostrade e  superstrade diversi paesi operano anche con ‘auto civili’ dotate di rilevatori di velocità e farla franca è molto difficile o quasi impossibile.

Invece siamo il paese  dove è più facile scansare le sanzioni, rispetto a paesi dove bisogna pagare in contanti, in alternativa si scontano giorni di galera, Così gli automobilisti stranieri lo sanno e si comportano, sulle nostre strade ed autostrade, di conseguenza, persino nell’indisciplina dei parcheggi. Mentre nelle loro città si ricorre puntualmente alle ‘ganasche’ blocca ruote e per gli intralci interviene il corro attrezzi. La repressione non è saltuaria, di fatto finisce per educare volenti o nolenti. Un disincentivo serio. E niente lungaggini dei verbali.

Ne sanno qualcosa gli automobilisti italiani che magari per la prima volta viaggiano sulle strade de centro e nord Europa. Con implacabili e puntuali sanzioni. C’è da dire che una certa severità è attuata anche in certe località della Bella Italia. Non si pensi solo a cattivi esempi napoletani, tanto per non fare nomi. Scene che non di rado finiscono nei servizi di Striscia la Notizia. Con pattuglie della Polizia locale (e non solo) che magari si voltano dall’altra parte.

Andora che resta l’unica località balneare della provincia dove non c’è la ‘tassa’ dei park a pagamento. Ci sono comuni anche piccoli (Noli) che a bilancio possono mettere fino a 450 mila euro di incassi. Che quasi raddoppiano in località maggiori (Alassio, Loano, Finale, Savona, Varazze). E ormai di pari passo gli introiti della Imposta di Soggiorno. Insomma ‘mungere’ il turista e ‘ringraziarlo’. Forse gli amministratori locali si perdono molti commenti sui social delle aree di provenienza degli ospiti per capire tutto il gradimento. Le lettere pubblicate dai media locali. I più ‘incazzati’ solitamente sono i leghisti che invocano la ‘ramazza di Salvini’ contro chi ‘spella’ il turista che porta soldi.

PER RALLENTARE IL TRAFFICO IN STRADA PIANGRANDE
AL VIA LA POSA DEGLI ATTRAVERSAMENTI STRADALI RIALZATI
COMUNICATO STAMPA – Demichelis: “Parte una nuova stagione di opere pubbliche pianificate durante l’emergenza covid-19”
Il consigliere Corrado Siffredi

Iniziati i lavori di realizzazione dei camminamenti pedonali rialzati in strada provinciale Pian Grande, sita nella immediate vicinanze del casello autostradale e principale via di collegamento con l’entroterra di Andora e Stellanello.  Un intervento  molto atteso dagli abitanti della zona alla cui realizzazione hanno lavorato congiuntamente il Comune che ha finanziato i lavori e la Provincia di Savona che ha realizzato il progetto, individuando le zone che, a norma del codice della strada, potevano ospitare i camminamenti e garantivano maggiore sicurezza per i pedoni.

“Con l’intervento in Pian Grande prende il via una nuova stagione di lavori pubblici preparati e pianificati nel periodo di emergenza covid-19 che riguarderanno Andora. Strada Pian Grande è in gran parte un rettilineo che invita gli automobilisti a schiacciare sull’acceleratore: siamo in una zona abitata e i residenti chiedevano da sempre un intervento risolutivo che garantisse sicurezza ai pedoni – ha annunciato il sindaco Mauro Demichelis che con il Consigliere Ilario Simonetta, questa mattina, ha effettuato un sopralluogo sul cantiere.
A curare  in particolare il progetto è stato il consigliere comunale Corrado Siffredi.  “Dovendo risolvere la problematica e tenendo conto delle ben note ristrettezze economiche della Provincia di Savona, che ringraziamo per la collaborazione,  è stata creata una sinergia per raggiungere risultati concreti – spiega il Consigliere Corrado Siffredi – In strada Pian Grande è stata autorizzata la realizzazione di fino a quattro passaggi pedonali rialzati. Subito ne saranno posati due e successivamente partirà un periodo di verifica dei risultati. La Provincia ha ritenuto essere l’intervento più adatto per garantire la sicurezza escludendo la soluzione dell’autovelox richiesto da alcuni cittadini. L’opera del valore di 50mila euro prevede inoltre la realizzazione di un altro attraversamento pedonale rialzato fra via San Damiano e via Clavesana”.
RIFACIMENTO DEI MARCIAPIEDI DELLA CENTRALE VIA USODIMARE 
UTILIZZATE LE PIASTRELLE RECUPERATE DALLA RIQUALIFICAZIONE DI VIA CLAVESANA
Il sindaco Demichelis in cantiere

COMUNICATO STAMPA – Al via il rifacimento dei marciapiedi della centrale via Usodimare che collega le aree commerciali di via dei Mille e di via Clavesana per poi proseguire verso il mare.  Resi più sicuri e agevoli i camminamenti, per la pavimentazione verranno utilizzate  le piastrelle dismesse e recuperate a seguito della riqualificazione di via Clavesana. Oltre al risparmio, si è creerà anche  armonia con i marciapiedi  esistenti e già rinnovati con lo stesso materiale.

“Si risolve un problema di sicurezza eliminando i marciapiedi sconnessi che saranno rifatti completamente su entrambi i lati – spiega il sindaco Mauro Demichelis –  Si effettua un intervento economicamente virtuoso utilizzando le piastrelle recuperate quando è stata rifatta via Clavesana. Si tratta di materiali che si sono rivelati poco adatti ad una strada fortemente trafficata, ma ideali per le aree pedonali. Una soluzione che abbiamo già attuato con altri marciapiedi recentemente rinnovati. Con quanto risparmiato, verranno realizzati altri piccoli interventi di manutenzione sul territorio”.
Avatar

Trucioli

Torna in alto