Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Albenga mercato droga che spadroneggia
Il cavallo e calessi con il consigliere Tomatis

Negli ultimi 10 giorni i carabinieri della Compagnia di Albenga hanno assestato diversi colpi a spacciatori di droga al minuto. Manco a dirlo extracomunitari e dintorni. Ma c’è chi, il consigliere leghista Roberto Tomatis continua a denunciare che il mercato degli stupefacenti galoppa impunito e spara sulla giunta del suo omonimo Tomatis, con una costante omissione mediatica. Lui non cita mai l’Arma, ma in genere ‘forze di polizia’. In città operano la Benemerita e uno dei più attivi corpi della Polizia locale della provincia, unici nel servizio notturno 12 mesi l’anno. E qui ha sede il comando di Compagnia della Guardia di Finanza e la Polstrada. Leggi anche ad Albenga nuova segnaletica orizzontale e verticale, dichiarazioni dell’assessore avv. Vannucci.

Albenga come si possono controllare le vie cittadine in tempi di coronavirus, in calessi e mascherina. Immagine postata sulla sua pagina Facebook dal consigliere Roberto Tomatis con dubbiosi commenti di amici

Il pubblico amministratore eletto nelle file dell’opposizione non risparmia invece il prefetto: “Mi sono appellato al Prefetto, gli ho chiesto l’intervento dell’esercito per presidiare a dovere la città e allontanare gli spacciatori che l’hanno presa in ostaggio. Ma poco o nulla è stato fatto”.

Mimmo Lombezzi giornalista savonese, vignettista satirico, ha scritto di recente: “Tg1: Lamorgese dice che bisogna intensificare l’azione di prevenzione e contrasto contro la criminalità organizzata che sta approfittando della crisi. La ministra ora dovrebbe far due viaggi: uno in Liguria per spiegare il concetto a Toti che propone di “abolire i certificati antimafia…”, l’altro in Calabria dove Jole Santelli propose di abolire il commissariamento dei comuni infiltrati dalle cosche.”

LA CORAGGIOSA CROCIATA DEL LEGHISTA TOMATIS SU IVG.IT: “Il mercato della droga ad Albenga non si ferma, nonostante l’emergenza Covid-19. Gli spacciatori non hanno alcun rispetto per la vita e la salute degli altri e continuano a radunarsi e a vendere dosi, anche a minorenni, totalmente indisturbati. E intanto la cittadinanza, da ormai due mesi e mezzo, si è dovuta adeguare alle nuove disposizioni ministeriali ‘Restando a casa’ e chiudendo forzatamente le proprie attività, con un danno economico incalcolabile, mentre questi, fregandosene di tutto e di tutti, si radunano indisturbati a qualsiasi ora del giorno e della notte per spacciare, compiere atti di vandalismo, fare risse per strada”

E rincara: “Ma gli stessi cittadini che restano a casa e rispettano le leggi, dimostrandosi parte integrante di una comunità che deve essere tutelata e protetta, sono stanchi di dover assistere inermi allo smercio della droga che continua ad essere attivo in città, mettendo a rischio la vita anche dei giovanissimi. Tra le numerose segnalazioni che continuo a ricevere da quando ho attivato il filo diretto con gli albenganesi, c’è anche un vero e proprio grido d’allarme di alcuni cittadini che chiedono un intervento immediato da parte delle istituzioni e delle forze di polizia per mettere fine allo spaccio di hashish, marijuana ed eroina in piazza Europa e a Vadino, nei pressi del distributore di carburante, nella zona del ponte rosso anche a ragazzini di poco più di 20 anni”.

Un bellissimo esemplare di cavallo per hobby e per amico da esporre con orgoglio, come non essere affascinati dal combattente consigliere comunale Roberto Tomatis

Per concludere: “Anche la droga è un ‘virus’ che miete vittime, da sempre, ogni giorno. Ma, a differenza del “coronavirus”, per cui si impiegano elicotteri, droni e app, l’amministrazione Tomatis continua a non fare nulla, se non sminuire una problematica enorme per cui si dovrebbe usare il pugno di ferro.  Ora è necessario agire con rapidità per tutelare anche i nostri ragazzi da un mercato illecito che non può e non deve essere tollerato”.

Se le cose stanno così, con l’inerzia e la resa del sindaco. primo responsabile dell’ordine pubblico e della sanità nel suo Comune, non resterebbe che sollevare il caso, con gli attivissimi parlamentari e senatori leghisti savonesi,  ai ministri dell’Interno e della Difesa, e perchè no, fino al comandante generale dell’Arma dei Carabinieri. Ad Albenga, con la droga tutti se ne lavano le mani, si voltano dall’altra parte, dice in pratica il consigliere eletto dai cittadini Tomatis. E gli arresti ?  a ripetizione. La procura della Repubblica ?  Per ora  sulla città veglia un Tomatis , è già qualcosa. Gli spacciatori sappiano.

Ridefinizione della segnaletica orizzontale ad Albenga

COMUNICATO STAMPA – L’assessore Vannucci: “Presto provvederemo anche alla sistemazione del sottopasso tunnel San Gottardo”.Continua la revisione e ridefinizione della segnaletica orizzontale e verticale ad Albenga.

Mauro Vannucci assessore alla Polizia Urbana

Questi interventi hanno come obiettivo primario quello di migliorare la sicurezza stradale per mezzi e pedoni.

Afferma l’assessore Mauro Vannucci: “La nostra Amministrazione è sempre attenta alle tematiche relative alla sicurezza stradale e il rifacimento della segnaletica orizzontale è di primaria importanza in quest’ottica. Dopo aver effettuato interventi nelle frazioni, aver eliminato alcuni dossi e averne sostituito altri per rendere meno difficile, in particolare, il passaggio dei mezzi di soccorso, in questi giorni siamo intervenuti in via Pagliari, via Esperanto, Piazza Nenni e nelle aree limitrofe al Parco Peter Pan (Piazza Panizza) ridisegnando strisce e parcheggi.  Presto provvederemo inoltre alla sistemazione del sottopasso tunnel San Gottardo un intervento lungamente atteso ad Albenga.”

“Continueremo a lavorare in questa direzione e, infatti, sono previsti altri interventi di questo tipo in tutta la nostra bellissima città” conclude Vannucci.

Il vicesindaco Alberto Passino con delega ai lavori pubblici afferma: “Si tratta di lavorazioni a cura degli operai della nostra viabilità. Voglio sottolineare che, nonostante l’emergenza sanitaria, il Comune di Albenga non si è mai fermato e gli interventi di pulizia e manutenzione della nostra città sono continuati, compatibilmente con le disposizioni normative e le norme di sicurezza. In questa “fase 2” il nostro obiettivo è quello di riprendere tutti i cantieri che si erano fermati perché riteniamo che sia importante non solo per dare risposte lungamente attese dai nostri concittadini, ma anche per cercare, per quanto possibile, di dare nuovo impulso anche a questo settore”.

Fioriere segnaletiche per informazioni museali

Arrivano nel Comune di Albenga le “fioriere segnaletiche per informazioni museali”, un progetto a cui hanno partecipato il Comune di Albenga, la Fondazione Oddi, il Museo Diocesano, l’Istituto Studi Liguri e l’Associazione Tra le Torri.

Afferma il Vicesindaco Alberto Passino: “Il progetto ha avuto spinta propulsiva dalla Fondazione Oddi che ha incaricato l’architetto Zunino di intraprendere il percorso al fine di ottenere tutte le autorizzazioni del caso dagli enti sovraordinati come la soprintendenza, mentre il Comune, attraverso l’ufficio turismo, ha incaricato il grafico Gabriele Pugelli di comporre il pannello tenendo conto di tutte le indicazioni dei vari partners di progetto, oltre che delle info sui musei.

L’associazione Tra le Torri ha finanziato la realizzazione delle strutture in ferro autoportanti e l’acquisto di piante a decoro dell’impianto. L’istituto Internazionale di Studi Liguri ha contribuito a livello di contenuti storico scientifici, riportanti sulle stesse  pannellature, stampate attraverso il sostegno del museo Diocesano, che ha anche acquistato le fioriere in graniglia (zavorra naturale delle strutture in questione). A tutti i soggetti coinvolti, va il più sentito ringraziamento a nome dell’amministrazione, che vede anche questa iniziativa come risposta ad una fruibilità maggiore dei nostri monumenti e musei riconosciuti a livello ministeriale, per un turismo culturale che tornerà a visitare la nostra città! Le lavorazioni si stanno completando a cura degli operai dei servizi manutentivi e dei nostri giardinieri che ringrazio per la perizia.”

Ringraziamenti a cui si aggiunge la consigliera delegata al centro storico Marta Gaia che prosegue: “Un centro storico importante come il nostro necessita di cartellonistica che guidi il turista alla scoperta di tutte le sue meraviglie. Valore aggiunto delle nuove cartine è stato il lavoro di squadra tra enti e associazioni che gravitano nel centro storico, colgo l’occasione per porgere loro i miei ringraziamenti. Auspico che questa collaborazione, dove ciascuno a messo a disposizione competenze e risorse per il bene comune, sia la prima di una lunga serie.”

 

Avatar

Trucioli

Torna in alto