Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Loano, 6 morti da coronavirus?
Una trentina in quarantena. Gravi un affermato professionista e un panettiere

L’automezzo della protezione civile, due volte al giorno, da una decina di giorni, percorre le strade di Loano e di Verzi per avvertire di uscire di casa solo per necessità.  Non è allarmismo, né generare allarme tra la popolazione. Come non dovrebbe esserlo quello di un’informazione puntuale, corretta, ufficiale (o ufficiosa) per combattere le fake news che purtroppo inondano i social, i post.

Il comunicato dell’Associazione della Framacie della Liguria porta la data del 25 marzo

Loano che tifa per un affermato professionista e un panettiere finiti in rianimazione ( e di cui una parte della cittadinanza ha saputo). Dopo i giorni buoi e di ansia per i congiunti e gli amici, le ultime notizie  parlano di un miglioramento promettente. Hanno ripreso a respirare senza l’ausilio di ventilatori polmonari. Loano che, come tutte le altre località della Riviera, è strettamente sorvegliata, dal litorale (dove operano i volontari dei Bagni Marini) alla periferia. Loano che con la sua Residenza protetta (Ramella) pare abbia superato meglio di altre realtà della provincia la ‘prova del fuoco’ mettendo in pratica una saggia prevenzione, anche se non è un mistero che sarebbe andata meglio per tutti se si fosse intervenuti, in tutte le regioni, al Nord in particolare, già con la fine di gennaio.

Ormai guardare indietro è inutile (mentre diverse Procure della Repubblica hanno già avviato accertamenti preliminari con varie ipotesi di reato colposo, compresa la  magistratura di Savona), come è provvidenziale l’arrivo di mascherine chirurgiche per i cittadini e che, visto che siamo a Loano, non si trovavano nelle farmacie cittadine già dai primi di marzo. E’ notizia di oggi, 9 aprile, che alla Farmacia Saettone di Savona (la più importante del capolguogo) sono “arrivate mascherine ffp2 confezione (vedi foto ) da 2 al costo di 22€ in vendita da domani, con allegata anche certificazione”. Visto che il titolare nei giorni corsi si era trovato al centro di un  sequestro ad opera della guardia di Finanza per un partita senza presunti requisiti di legge.

La provincia di Savona che, tra i primi casi in Italia, aveva vissuto il ‘dramma virus’ in due hotel di Alassio, con un’onda mediatica in Italia e all’estero, nella città sicuramente più conosciuta oltre i confini liguri e del Bel Paese. L’amministrazione comunale si è mossa, bisogna riconoscere, senza nascondere la testa sotto la sabbia. Solo in un caso (trasmissione a Canale 5 con Barbara D’Urso) ha urlato alla ‘diffamazione’. Poi è stata la volta di Finale Ligure. Ma la cittadina più colpita, ad oggi, è Borghetto S. Spirito per via della residenza protetta Humanitas, già finita nel mirino del sindaco Giancarlo Canepa, della Polizia locale, prima ancora dei casi di Covid 19. Il sindaco del centro destra quando si sono verificati i primi casi ufficiali di ‘coronavirus’, aveva dato tempestivamente notizie a più riprese.

In provincia di Savona c’è chi sostiene che, nonostante i sindaci non siano dovutamente informati dall’Asl 2 dei nominativi di persone ricoverate o decedute (una nota in merito era stata diffusa dal sindaco di Albenga), ad avere le migliori antenne sia il giornale on line IVG.it addentro ai ‘segreti’ come si addice ad una redazione che ha  il primato della diffusione provinciale (da 80 e 200 mila visualizzazione).  In possesso, dunque, di tutti i dati (così si leggeva in un post social) ma per ‘senso di responsabilità’ tenuti riservati, salvo casi particolari (vedi il parroco di Borghetto) vengono pubblicati. Bravi cronisti, dunque, cosa che il nostro mini trucioli.it non può vantare. Anche se appare difficile individuare il canale informativo che darebbe conto dei particolari comune per comune (l’ufficio stampa della Regione alle 18 mettere in rete un comunicato con dati, nessuna indicazione di località, se non quella degli ospedali dove sono avvenuti i decessi). Si aggiunga che i sindaci emettono ordinanza per ogni quarantena (riservata) e che le persone ‘vigilate’ usufruiscono anche di un servizio di raccolta rifiuti ad personam, ovvero analogo ai ‘contenitori ospedalieri’.

Altro esempio di ‘informazione utile’, a Ormea, dove il sindaco di sinistra, Giorgio Ferraris, ha di recente postato sui sociali: “Mentre risulta guarita la persona segnalata due settimane fa come contagiata, abbiamo avuto comunicazione di un altro tampone positivo di persona che vive nella nostra Città. L’interessata, lavorando in situazione a rischio non a Ormea, aveva già da tempo attivato le necessarie precauzioni, anche con i famigliari attualmente in isolamento fiduciario. Auguro anche a lei una pronta guarigione e ringrazio le due persone che, purtroppo, lavorando ad assistere gli altri sono state contagiate e le loro famiglie per le cautele e le attenzioni tempestivamente dimostrate e attuate per evitare qualsiasi diffusione del virus. Responsabilità a cui dobbiamo prestare tutti la massima attenzione. Grazie per la collaborazione. Resistiamo. Ce la faremo. Un caro saluto a tutti.”

Come trucioli.it ha riportato è andato molto peggio alla RSA di Garessio nonostante il sindaco, l’ex ministro Fazio, si fosse mosso senza tentennamenti con rigide precauzioni e nel contempo informando subito la sua comunità.

Intanto anche a Loano la generosità si fa strada.

IL DONO DEL GRAND HOTEL GARDEN LIDO

IL VICE SINDACO LETTIERI COMUNICA –  Novecento mascherine chirurgiche dal GH Garden Lido per i nostri operatori sociali, la polizia locale e i carabinieri. La proprietà e la direzione della struttura alberghiera di Loano ha donato i dispositivi a chi ogni giorno con impegno, passione e senso del dovere è a stretto contatto con i cittadini, li sostiene oppure è incaricato di controllare l’osservanza delle ordinanze e delle norme di contenimento del virus. Un sentito ringraziamento per la donazione delle mascherine che, in questa emergenza, è difficile reperire anche per le amministrazioni comunali #andràtuttobene.

LA CONAD E I BISOGNOSI, LETTIERI COMUNICA – Carte prepagate Conad per 3.370 € per l’emergenza alimentare. In attesa del buono spesa governativo, chi si trova in reali difficoltà può contare su questo aiuto immediato (info 019668306 int. 01). Non smetteremo mai di ringraziare chi è in prima linea per sostenere la comunità loanese. Marco Borghi (figlio del compianto comandante dei vigili urbani di Loano ndr) e i suoi soci ci danno una prova di grande sensibilità sociale verso i più bisognosi. #andràtuttobene.

IL VICE SINDACO COMUNICA – Un’altra boccata d’ossigeno per la distribuzione alimentare alle famiglie in difficoltà. Il supermercato CRAI di via Aurelia della famiglia Ferraro ha donato 50 spese che saranno distribuite dalla confraternita delle “Cappe Bianche”. Nel sacchetto anche un uovo di Pasqua  per donare un momento di festa a coloro che di più soffrono per l’emergenza covid 19 #andràtuttobene

COMUNICATO STAMPA REGIONE LIGURIA ORE 18,30 DEL 9 APRILE 2020

GENOVA. Sono 4.070 le persone positive al Covid-19 in Liguria, 59 in più rispetto a ieri. Da inizio emergenza sono stati effettuati 18.446 tamponi (925 in più di ieri). I pazienti ospedalizzati sono 1.257 (5 in meno rispetto a ieri), di cui 154 in terapia intensiva (+1).

1.994 persone positive proseguono il decorso a casa (13 in più di ieri), mentre sono clinicamente guarite (ma positive e quindi in isolamento al domicilio) 819 persone (51 più di ieri).

I soggetti dichiarati guariti con due tamponi consecutivi entrambi negativi sono 266 (+27). Le persone decedute sono complessivamente 682 (28 in più di ieri)

Questo il dettaglio dei 1262 pazienti ospedalizzati:

  • Asl 1 – 201 (di cui 24 in terapia intensiva)
  • Asl 2 – 158 (di cui 26 in terapia intensiva)
  • Ospedale Policlinico San Martino – 316 (di cui 40 in terapia intensiva)
  • Ospedale Evangelico – 65 (di cui 6 in terapia intensiva)
  • Ospedale Galliera – 143 (di cui 12 in terapia intensiva)
  • Ospedale pediatrico Gaslini – 2
  • Asl 3 Villa Scassi – 195 (di cui 21 in terapia intensiva)
  • Asl 3 Gallino Pontedecimo – 5
  • Asl 3 Micone – 2
  • Asl 4 – 60 (di cui 9 in terapia intensiva)
  • Asl 5 – 110 (di cui 16 in terapia intensiva)

Numero positivi per provincia (totale 4.070 positivi in Liguria):

  • Savona – 509
  • Spezia – 492
  • Imperia – 716
  • Genova – 2290
  • in fase di verifica – 63

Le persone in sorveglianza attiva sono 3.252, così suddivise:

  • Asl 1 – 839
  • Asl 2 – 744
  • Asl 3 – 930
  • Asl 4 – 380
  • Asl 5 – 359
Avatar

Trucioli

Torna in alto