Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Varazze, Roby Ciarlo ‘invoca’ San Giorgio
che trafigge il ‘drago virus’ con la siringa

Orgoglio di Varazze. Era il 13 luglio 2018 (Vedi video da Varazze…………). Cerimonia di presentazione del pannello della vita del Beato Jacopo con testi e disegni di Roby Ciarlo. Il sindaco Alessandro Bozzano: ” Complimenti a Roby  per quest’opera che rimarrà a disposizione della collettività, delle scuole e di tutti i nostri concittadini e turisti e di chiunque ne voglia fruire! Adesso aspettiamo anche quello di Santa Caterina da Siena! Roby… ogni promessa è debito!”

Il vignettista Roby Ciarlo con la consorte

E oggi due disegni mirabili di Roby Ciarlo per i navigatori dell’umile ‘servitore’ trucioli.it. Si tratta di un novello San Giorgio in abbigliamento da infermiere che trafigge il  ‘drago virus’ con la siringa.  Sulla falsariga dell’affresco nel prospetto principale di Palazzo San Giorgio di Genova. San Giorgio il santo uccisore dei draghi per eccellenza. San Giorgio scelto come patrono dall’Inghilterra e dal Portogallo. L’iconografia tradizionale di Giorgio è legata al suo miracolo più celebre, quello appunto dell’uccisione del drago. L’episodio, come viene riportato nella Legenda Aurea di Jacopo da Varagine, è noto: per tenere lontano un mostro che infesta la città libica di Selem, gli abitanti estraggono a sorte giovani vittime da dargli in pasto; quando il sacrificio tocca alla figlia del re, compare san Giorgio a cavallo, che neutralizza il drago (la scena immortalata dagli artisti); quindi invita la principessa a legare la cintola al mostro, ora mansueto, per condurlo in città; di fronte al miracolo, il re e l’intera popolazione si convertono; e il drago viene finalmente ucciso. Dal XII secolo in poi la scena della lotta contro la creatura demoniaca è frequentissima in tutta Europa, ed è testimoniata in pittura…

Il secondo capolavoro di Ciarlo, una vignetta sugli indisciplinati de nostri giorni da reclusi.

Avatar

R. Ciarlo

Torna in alto