Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Savona, un figlio illustre.Tatti Sanguineti al Secolo XIX: ‘Città bella e accogliente che ignora il regalo di Reposi’. E Walter Chiari? ‘Mussolinaino’. ‘Le interviste ad Andreotti, la Rai. Sono malato, senza pensione, né lavoro’

Il giornalista Carlo Piano. Il Secolo XIX di lunedi 2 marzo. Intervista e una pagina dedicata a Tatti Sanguineti, un figlio illustre (e dimenticato?). Attore e sceneggiatore, storico del cinema, che dopo tanto girovagare, da 5 anni, è tornato a vivere nella sua Savona. Racconta di aver ritrovato una città accogliente e bella ‘per un vecchio’ e che “non si rende conto dell’enorme regalo della famiglia Reposi che opera nel cinema dal 1903”. La vecchiaia ? “Nessuno mi fa più lavorare, non ho la pensione e non c’è un editore che abbia il coraggio di pubblicare il mio libro su Walter Chiari con verità ingombranti…. Ho gravi problemi di salute, senza pensione, usufruire del contributo della legge Bacchelli aiuterebbe me e mia moglie”.

Gaetano detto Tatti Sanguineti è nato 15 novembre 1946 a Savona. critico cinematografico e autore televisivo.
Tra i suoi libri: Il cervello di Alberto Sordi: Rodolfo Sonego e il suo cinema. Candidature: Premio Venezia Classici per il miglior documentario sul cinema. Nei primi anni Ottanta ha lavorato nel  cinema come organizzatore per la Mostra del Cinema di Venezia, Incontri Cinematografici di Salsomaggiore e Taormina Film Fest.  Ha collaborato con La Repubblica, Panorama e L’Europeo. Tra il 1986 e il 1993 ha partecipato a trasmissioni di Raitre come Fuori orario. Cose (mai) viste, Va’ pensiero e Fluff. Nel 1989 inizia la lunga collaborazione con Piero Chiambretti, come coautore e a volte spalla nei suoi programmi televisivi: Prove tecniche di trasmissione, Prove tecniche di Mundiàl, Goodbye Cortina, Il portalettere, Telegiornale zero e Chiambretti Night, dove ha interpretato il ruolo di “Guardia della garitta 17”. Ha inoltre recitato in alcuni film,  sceneggiatore e per un breve periodo conduttore del programma radiofonico Hollywood Party di Rai Radio 3. È stato coordinatore del progetto di ricerca Italia Taglia, del Ministero dello Spettacolo e dall’Anica, sul tema della censura cinematografica in Italia. Ha anche pubblicato due volumi monografici dedicati a Totò e Carolina di Mario Monicelli e La spiaggia di Alberto Lattuada. Negli anni Duemila ha curato alcune strisce tematiche per Sky Cinema, mentre dal decennio successivo è passato a Mediaset, occupandosi su Iris delle rubriche Storie di cinema e Note di cinema. Ha  partecipato al programma Chiambretti Night interpretando un ruolo comico. Interpreta sè stesso nel 2014 nel film documentario Belluscone – Una storia siciliana scritto, diretto e montato da Franco Maresco.

Tatti Sanguineti attore in 17 film. Sceneggiatore in 4. Regista in 5. Un intervista a tutto campo, per nulla noiosa e con passaggi inediti.  Quando narra, ad esempio, del personaggio  Walter Chiari (finì pure in carcere per droga e da lì iniziò il suo declino ndr) che nel Savonese ha tenuto diversi spettacoli.  Sanguineti, che rivela: “Era un mussoliniano. La sua ultima fidanzata, di 36 anni più giovane, è stata pure l’amica di Bettino Craxi.  E ancora: “E poi racconto – rivelazione di un altro pezzo da 90 della storia politica italiana, Giulio Andreotti: ” Ho girato 25 sedute d’intervista, parlando solo di cinema, quello era il patto. Un’opera mai andata in onda sulla tv pubblica Rai, ma soltanto su Sky e senza che nessuno se ne accorgesse. Ci ho lavorato per anni….”.

Sanguineti incalza: “Quello dell’ingegnere Felice Reposi, mancato a 98 anni lo scorso settembre. Qualcuno avrebbe dovuto spiegare alla sindaca che se Savona ha un cinema così è solo grazie a lui. Il Diana, sei sale, Un cinema che non rende e lo tengono aperto per passione“.  Attore e una grande passione per il mare “lo amavo molto, ci passavo ore a galleggiare e ora lo guardo con dolore perchè non posso più nuotare. Lo rimpiango, Trovo comunque che Savona abbia la fortuna di questo affaccio al mare che la illumina di una luce  speciale”.

Tatti ragazzo. “Da bambino una volta in settimana almeno andavo al cinema, poi da grande capii che il cinema era la mia vocazione. Tutti i giorni ero al Moderno che aveva la particolarità di fare uno spettacolo a mezzogiorno per gli studenti della Valbormida….da allora non ho mai perso un film tra Moderno, Eldorado, Olimpia e Astro….da ragazzino trascorrevo pomeriggi  nel cinema parrocchiale dei Salesiani….lo facevo da clandestino raccontando in famiglia che  andavo a giocare a pallone, al campetto”.

Il papà, avvocato e cattolico praticante,  aveva in mente per lui  un futuro diverso. Tatti è nato in via Piave ed il fratello maggiore faceva  il proiezionista  alla sala parrocchiale davanti a casa.  “Io assistevo di soppiatto al montaggio e smontaggio delle bobine da 35 millimetri…”

 

Avatar

Trucioli

Torna in alto