Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Noli, quel convegno ad Alassio:
‘Mitigazione rischio frana lungo l’Aurelia’

Era il 24 giugno 2016. In un convegno, ad Alassio, il geologo Alessandro Scarpati, ex assessore provinciale, affrontò il tema “Mitigazione del rischio di frana lungo la via Aurelia a Capo Noli”. Ora il problema si è riproposto, seppure con un ulteriore scenario di pericolo creato pure nella parte sottostante la statale e di conseguenza a rischio  chiusura. La conseguente necessità di messa in sicurezza. L’incontro fu a cura dell’Associazione Nazionale Disaster Manager, in collaborazione con Laser Scanner Tecnology sulla “Tecnologia laser scanner, metodi di rilievo e loro applicazioni”. Pubblichiamo la relazione tecnica di approfondimento e le significative foto illustrative.

Come l’artista alassino Gifio narrava il fascino di Noli, perchè non si è mai pensato a valorizzarlo in chiave turistica e promozionale ?

Si trattava della presentazione del lavoro di mitigazione del rischio che aveva fatto la Provincia di Savona, allora gestore della strada, poi tornata ad Anas, sulle pareti rocciose che sovrastano l’Aurelia, con posa in opera di reti e barriere. La parte sotto la via Aurelia, invece, non era stata ancora oggetto di intervento e/o indagini.

Scarpati è titolare della Geosilt, Studio associato di geologia e geotecnica, con specializzazione in meccanica delle terre e delle rocce, indagini geotecniche in situ, frane, stabilità dei versanti, indagini geognostiche e geofisiche, geologia marina, pianificazione territoriale e protezione civile.  Il convegno che si svolse ad Alassio il 24 giugno 2016, nella ex Chiesa Anglicana di via Adelasia in collaborazione con Laser Scanner Tecnology, con il patrocinio dell’Ordine degli Architetti di Savona, dell’Ordine degli Ingegneri di Savona, dell’Ordine Regionale dei Geologi della Liguria e del Comune di Alassio, con la partecipazione di MicroGeo srl, Gexcel, ARC System.

Il programma dell’iniziativa prevedeva la presentazione del convegno da parte dell’organizzatore Assodima, a cura del referente sezione Liguria Alessandro Scarpat, l’introduzione al sistema di rilievo con laser scanner e georeferenziazione a cura di Microgeo srl, Enrico Cabrucci. Quindi attività pratica di rilievo nella sede del convegno con l’utilizzo di laser scanner Sistema Rigel/Sistema Z+F/Sistema Lidar/Sistema Drone.

Nel pomeriggio la relazione su casi pratici in ambito Architettonico – relatore dott. Arch. Enrico Zunino, “Esperienze dell’uso dello scan laser in ambito professionale per il recupero dei beni culturali architettonici. Dal rilievo strumentale all’elaborazione grafica critica”. Relazione su casi pratici in ambito ingegneristico, a cura del dott. Ing. Fabrizio Mansueto, “Impiego del laser scanner per la comprensione delle cause di un crollo di una paratia”. La relazione su casi pratici in ambito geologico a cura del dott. Geol. Alessandro Scarpati, “Mitigazione del rischio di frana lungo la via Aurelia a Capo Noli”. Dalle 16.30, esposizione e discussione sui dati di rilievo acquisiti nella mattina, con relatore il dott. Ing. Matteo Sgrenzaroli di GEXCEL. Il convegno era gratuito con obbligo di registrazione per gli Ordini Professionali.

MATERIALE TECNICO ILLUSTRATO NEL CORSO DEL CONVEGNO SU CAPO NOLI CHE SOVRASTA L’AURELIA

 

Avatar

Trucioli

Torna in alto