Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Pamparato 150 anni fa e oggi
grano saraceno e castagna bianca

A Pamparato fino a soli 150 anni fa ben più di 30.000 cavalli e muli trasportavano in Piemonte il prezioso sale di Provenza, l’oro bianco, lungo la Roa Marenca che arrivava anche al Santuario di Vicoforte, e facevano tappa a Pamparato, da “Panem Paratum”, pane condito, come negli attuali autogrill.

I polentari all’antica di Pamparato si sono ‘esibiti’ con un lusinghiero successo di buongustai

Domenica 24 novembre 2019 si è conclusa la 20° edizione della Fiera del Grano Saraceno e della Castagna Bianca di Pamparato con i suoi mercatini “indoor” per questa edizione davvero “bagnata”. Ma la “gente di montagna” non si è fermata, anzi ha partecipato con “calore” nelle stanze del Castello Cordero e nell’antico Asilo di Pamparato, per degustare la rara polenta Furmentin al grano saraceno, accompagnata dal burro e dai formaggi della stagionatura di Valcasotto di Occelli. Gli spazi al coperto hanno selezionato i migliori artigiani di tessuti e di sapori tipici del territorio, con una rara occasione di effettuare acquisti non convenzionali, difficilmente ritrovabili dei moderni mercati “massificati”. Chi ha perso questa occasione potrà rifarsi con la Fiera di Pasqua, ovvero di apertura alla Primavera.

Alè, che i puruma feira!

Domenica 24 si è rinnovato per la ventesima volta l’evento della “sosta” nel Borgo a metà via della Roa Marenca!

GRANO SARACENO E CASTAGNA BIANCA FANNO 20

Mestieri antichi e attuali alla

20a FIERA DEL Grano saraceno e della castagna bianca

nel borgo di Pamparato.


Per chiudere in bellezza l’autunno e aprire alle gioie calde dell’inverno Pamparato ha festeggiato con i sapori di una volta, ma anche quelli meno noti di oggi! Grano saraceno e castagna bianca qui sono di casa.

C’era grande attesa, come sempre, per la polenta DI furmentin, per il buon formaggio di Valcasotto e il dolcetto dove intingere i famosi biscotti di meliga. Solo questo vale la visita. C’erano le bancarelle di antichi e nuovi mestieri di montagna (sapori, profumi, liquori e tanto altro ancora), i GIOCHI DI UNA VOLTA PER I BAMBINI, il ballo liscio occitano con la banda “D’J AMIS” , basta ancora poco per divertirsi senza smart phone!

Non vi basta? Siete duri e puri? Allora ecco… legno per i vostri denti da motosega! Sfidare (se avete l’equipaggiamento di legge) i campioni italiani di TRIATHON MOTOSEGHE E ASCE. Non vi basta ancora? Potete salire a ben 21 metri, in totale sicurezza, sulla speciale piattaforma 50-21 dei sollevatori della MERLO, leader mondiale del settore, pure con la sua scuola d’addestramento professionale CFRM anche per l’utilizzo di motoseghe; una realtà a “KM ZERO” da Cervasca (Cuneo). Com’è bello il borgo di Pamparato, come se foste dei droni! Vi verrà voglia allora di vedere i dettagli da vicino? La visita guidata alle 23 fontane segrete del borgo, con le loro storie… magiche, e ne scoprirete delle belle! In collaborazione con la Fondazione FORMA Onlus  c’era il 6° Villaggio Natalizio dei Babbi Natali di Pamparato. Porterete a casa gioia e generosità: un buon inizio d’inverno e di anno nuovo!

Alè, che i puruma feira!

 


Avatar

Trucioli

Torna in alto