Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Loano, Puc alla cooperativa: 118 mila €
Alla Confraternita dei Turchini 13.500 €
Catering natalizio solo 2.318 €

Non sia mai detto che l’Amministrazione del sindaco Pignoca & C. non si faccia in quattro per la città. Strade e piazze saranno riordinate, riasfaltate e tirate a nuovo appena si sentirà il profumo delle prossime elezioni comunali, idem per il decoro che per tutta l’estate è andato a farsi benedire. Una soluzione ci sarà pure per la gestione dello Stadio Ellena, i campi da tennis, i lavori della nuova passeggiata di ponente. Intanto leggiamo le ultime novità che ci ha risparmiato per mancanza di spazio l’Ufficio stampa del Comune, in appalto all’editore di IVG.it, almeno è un’azienda con bilanci che trasudano salute, altro che crisi italica.

Vittorio Burastero, geometra dirigente del Comune di Pietra Ligure, verzino verace, siede sulla sempre caldissima ed lambita ‘poltrona’ dell’urbanistica di Loano. Finora con il merito  di non aver mai sollevato polemiche e scontri. Non è poco neanche per un tecnico imprestato alla politica

Con una determina  del Servizio Urbanistica si apprende: Incarico per la redazione del Puc, modifica denominazione società”. Il Puc che avrebbe dovuto essere presentato alla fine dello scorso mandato di Pignocca sindaco, poi previsto con l’insediamento del nuovo consiglio comunale e ora che siamo alla scadenza, finalmente risorge. L’assessore all’Urbanistica, geom. Vittorio Burastero, dirigente di settore a Pietra Ligure, forse aveva visto giusto. Tra l’altro è l’unico assessore che ricopre solo quella delega, caso forse unico, non è così neppure nelle città capoluogo. Un impegno serio verrebbe da dire. Nuovo Puc ? Meglio saturare prima le aree edificabili e poi procedere alla revisione che sarà, udite udite, ma nessuno ci crede, a consumo zero suolo. Sarebbe il miracolo perchè nel frattempo, nelle stanze di fratellini massoni,  sempre attenti, si apprende di terreni e aree vergini opzionate. Ovvero, c’è qualche fiuto buono che ha scommesso su questa o quella possibilità edificatoria del nuovo Puc.  Comprese ville e villette potenzialmente moltiplicative di volumi acquistando spazio circostante. Un tempo a Loano andava a gonfie vele la ‘banda bassotti’ (sindaco, immobiliaristi, progettisti, impresari, artigiani con punto di riferimento un negozio di parrucchiere), poi è rimasto in auge un pool di professionisti ‘pigliatutto’ (non solo quelli che compaiono nelle intercettazione telefoniche ed ambientali nell’inchiesta sulle villette di Verzi  finita in gloria e che ha scagionato tutti gli innocenti).

Sta di fatto che il vecchio Puc dopo alcune varianti ad hoc ha in effetti dato risultati che alcuni definiscono molto positivi nel puzzle del tessuto urbanistico esistente. Si aggiunga che non abbiamo letto nessuna voce che illustri o documenti il contrario. Aggiungiamo che chi ha investito, ricostruito, ampliato, ristrutturato, anche grazie al vecchio Puc, ha trovato un mercato propizio di acquirenti, in stragrande maggioranza si tratta di seconde case e dove il nuovo tira più del ‘vecchio’. I prezzi hanno tenuto bene, nessun crack o fallimento. Meglio così, chi investe e rischia ha il diritto di avere un tornaconto. Certo sarà pur vero che nel frattempo sono scomparse le imprese edili locali, ormai chi costruisce si affida al 98 per cento ad artigiani albanesi, romeni, bulgari, cossovari. Restano attive alcune piccole realtà nel campo degli elettricisti, fabbri, vetrai, idraulici, scomparsi quasi i falegnami.

Abbiamo divagato e riprendiamo il discorso  novità Puc. Si da atto che con determinazione dirigenziale  (dirigente Aldo Caballini) dell’11 maggio 2010 è stato affidato l’incarico alla predisposizione  del progetto preliminare e definitivo  del PUC, nonchè di tutte le attività ed indagini sul territorio, alla Veneto Progetti S.C: di San Vendemiano (Treviso).  Il mese successivo è stata stipulata la convenzione per il conferimento  dell’incarico professionale. Tre anni dopo ( 12 aprile 2013) con determina dirigenziale approvata un’appendice all’incarico  per la redazione di attività integrative e propedeutiche al progetto preliminare e definitivo Puc (nel Bel paese le appendici non mancano mai ndr). Si è preso atto che la società  Veneto Progetti “in forza di contratto d’affitto di azienda sottoscritto il 30 dicembre 2014, è stata affittata dalla ditta Mate Società Cooperativa, con sede a Bologna, come comunicato al Comune di Loano il 25 febbraio 2019.  Con queste premesse la determina  alla luce dell’incarico del Puc, della modifica della società, accetta come nuovo soggetto creditore la Mate  per la somma di 118.571 euro. Non c’è dubbio infine che dopo oltre 10 anni dalla sua originaria elaborazione (rimasta chiusa negli archivi di palazzo Doria) lo strumento urbanistico è nel frattempo ‘invecchiato’. Con l’emersione di nuove realtà socio economiche. Si è visto di recente ad Andora, come trucioli ha pubblicato lo scorso numero.

SERVIZIO CULTURA LIQUIDAZIONE  DI 13.500 EURO  ALLA CONFRATERNITA

La solenne processione con le confraternite e la partecipazione del presidente della provincia e di sindaci provenienti anche dal Basso Piemonte ed alessandrino

Lo scorso numero di trucioli.it avevamo fatto un fugace cenno nell’ambito del teme Loano che legge (chiuse 4 edicole) al fatto che le Cappe Turchine abbiano fatto un gran messe di proseliti, accennando ad oltre 200 iscritti. In realtà nella Loano delle 15- 16 processioni religiose (Chi ricorda il titolo dell’inviato speciale del Secolo XIX: Vaccarezza presidente non perde una processione…..), ben vengano nuovi confratelli. In una confraternita dove non da oggi figurano politici e pubblici amministratori, ma anche tanti cittadini della Loano bene e benestante. Un ottimo viatico per nuove iscrizioni.

Uno dei cinque o sei lettori di trucioli.it (purtroppo non siamo capaci di meritare di più) ci ha fatto rilevare come sin dalla loro origine medievale si finanziano con le quote dei confratelli e con le donazioni dei benefattori nonché con le elemosine dei fedeli. Non dovrebbero pesare sulla amministrazione pubblica e quindi sui cittadini. Lo scopo delle confraternite è l’assistenza mutualistica dei confratelli in caso di necessità e di sostegno della comunità. Chi può immaginare che sia una delle tante buone maniere per coltivare le clientele elettorali ?

Sarà pure vero, il Comune di Loano è ricco (oltre 700 mila euro il bilancio per eventi e manifestazioni di promozione turistica, con l’avvallo sia detto delle categorie interessate, da ciò che resta degli albergatori, commercianti, esercenti, Bagni Marini e Pro Loco), tra imposte comunali, Irpef (che pagano fino all’ultimo centesimo chi è a reddito fisso ed ha la trattenuta alla fonte), oneri di urbanizzazione, multe al codice della strada, la manna degli introiti dei park a pagamento. Ignoriamo quanti siano i consiglieri comunali che hanno conto dell’andamento quinquennale delle spese correnti, della produttività, degli investimenti in conto capitale che dovrebbero rappresentare la seconda voce di spesa dopo quella del personale.

Sta di fatto che non da oggi, con i soldi dei contribuenti tutti (evasione fiscale esclusa) si paga una parte delle spese sostenute dalle Confraternite, cosa che non accade nei piccoli paesi, non sappiamo se l’esempio sia seguito in altre città. Sarebbe interessante fare un confronto. Nella valutazione però bisogna anche mettere l’attività svolta. Ebbene la Confraternita delle Cappe Turchine che ha sede nell’Oratorio del SS. Rosario “per le iniziative  della Festività di N:S: Della Visitazione e Concerti dei Turchini 2019, ha presentato un rendiconto  di 28 792 euro, mentre le entrate ammontano a 15.292, da qui  la compartecipazione economica del Comune per  13. 500 euro.

Viene chiarito che  con al festa della Visitazione si provvede all’illuminazione delle vie cittadine, alla novena solenne, a concerti musico vocali in Oratorio, concerto della banda S. Maria Immacolata. concerto della Fanfara dei Bersaglieri di Melzo, processione solenne e benedizione del mare, partecipazione di 28 Confraternite e due complessi bandistici con sfilata ed artistici crocifisso e con infiorata.  E per i Concerti dei Turchini rassegna delle Musiche dell’anima il 26 agosto, 21 settembre e 29 settembre. Insomma Loano città devota, anche se le processioni lasciano qualche dubbio ed interrogativo per il raccoglimento, il comportamento di certuni  che si adisce più ad una sfilata spettacolo. Ma c’è la tradizione e l’invito dei vescovi ai parroci ad evitare che la religiosità delle processioni venga snaturata.

EVENTI NATALIZI, BEN 57, DA SABATO 23 NOVEMBRE A SABATO 4 GENNAIO

Nel ricchissimo programma  hanno messo di tutto, anche le escursioni, mentre nella delibera sulla spesa catering (2318 euro) inseriscono le date, non a quali eventi si riferiscono.  Sta di fatto che il buono d’ordine area 2 Cultura, da atto che è stato richiesto preventivo di spese alla ditta CIR FOOD COOP. Italiana Ristorazione s.c. con sede a Reggio Emilia, aggiudicataria dei servizi  mensa scolastica e casa di riposo Ramella, la quale  ha confermato la disponibilità a supportare   servizi aggiuntivi in occasione di eventi. E che, come da deliberazione della giunta comunale del 30 ottobre scorso, si è proceduto ad approvare il calendario. Nei programmi del 15 – 22 – 29 dicembre  sono previsti, a conclusione delle attività, rinfreschi per i partecipanti. Il 15   nei Giardini Escrivà, dove viene allestito il Villaggio natalizio che riscuote buon successo di visitatori e richiamo turistico in Riviera, è previsto  un appuntamento organizzato dal Centro Culturale Polivalente. Il 22  rassegna libri sotto l’albero con Graziella Frasca Gallo (la Gieffegi della Gazzetta di Loano) e pomeriggio di animazione di Matti da legare, sempre a cura del Centro Polivante.  Il 29 pomeriggio di animazione sportiva a cura di Overland Spotor e Decathlon, organizza il Centro Polivalente. E Al palasport Garassini Festa Solidale. Poi non si dimentichi che Loano offre pure  l’opportunità di visitare cinque presepi artistici.

Avatar

Trucioli

Torna in alto