Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Borghetto S. S. se la giunta naviga a vista
Ma successo nella vendita della farmacia. Dimissioni Cannonero (e intimidazioni?): un 10 e lode dal redivivo ‘fratello’ Mario Baucia

Non è lo sblocco urbanistico, dopo una lunghissima ‘paralisi’, dell’ex oleificio Roveraro che avrebbe le potenzialità per risollevare le sorti socio economiche di Borghetto S. Spirito, iniziando dal suo ‘cadaverico’ centro storico. Non è la sorte del Puc adottato, ma in forse, dopo un’attesa di anni e che consuma altro suolo. Non è la vergogna degli introiti irrisori, per sfacciata evasione di massa, dell’Imposta di Soggiorno nella ‘capitale’ delle seconde case. Non è la buona notizia del bilancio comunale che esce dal tunnel della crisi. Si pensi che nel 1985, con il sindaco Gianluigi Figini, si contavano 11 miliardi di lire, 600 mila per oneri passivi, un miliardo e mezzo da spendere in opere pubbliche.

Non è il futuro dell’approdo turistico Poseidon in amministrazione controllata, nè la lentezza con cui finalmente la città avrà il fiore all’occhiello residenziale ed alberghiero del Castello Borelli. O sono “le maschere che saranno smascherate” ? Lo scrive un fans della dimissionaria assessore Ester Cannonero. Una big nel firmamento leghista ligure e comparse nazionali, che ha scelto Facebook e non il ‘suo’ consiglio comunale dove era stata eletta.  Badando comunque a lavare i panni in ‘casa propria’, limitandosi ad uno sfogo personale. E senza la sintonia del suo partito ? Si è auto-esiliata mettendo in ulteriore imbarazzo un’amministrazione affidata ad un galantuomo esordiente sindaco che, colpa del suo staff, riesce pure a sbagliare la data per una cerimonia davanti alla stele che onora I Caduti di Nassiria, uno dei tanti infortuni degli uffici comunali reduci, ricordiamo, dall’autolesionismo del pre-dissesto per diffuse carenze e disfunzioni durante la giunta Gandolfo (centro sinistra) che, a sua volta, lamentava di aver in parte ereditato. Compresi milioni di euro di mancata riscossione di tributi comunali.

Di fronte ad un mare in tempesta, la buona novella del bottino ricavato dalla vendita della farmacia comunale. In barba a tutte le previsioni, agli uccelli di malaugurio, ha portato nelle casse comunali la somma di 1 milione 882 mila euro. Non solo,  è quanto mai significativo il mezzo milione in più rispetto alla base d’asta e alle stime peritali (1.382.000). E l’acquirente,  “San Rocco snc” della farmacia di Ceriale (vedi trucioli…a suo tempo comunale ed venduta all’asta pubblica),  non è uno scommettitore, semmai una famiglia solida e seria di Finale (i Richeri farmacisti e possidenti immobiliari come trucioli solitario aveva documentato allora). E che due anni dopo compravano anche i muri (vedi trucioli ……). Nessuno ha scritto ( in ossequio alla completezza di informazione ? ) che l’altro concorrente per acquisire la farmacia borghettina non era un illustre sconosciuto. Un tandem formato dalla famiglia Franchi (farmacie a Borghetto e Alassio) e dalla proprietà della Farmacia dei Gazzi di Loano  ( Brema Farmacie snc), con interessi a Varazze. La loro busta neppure  aperta in quanto mancante di un allegato. Incredibile ma vero. E per concludere, oltre alla somma suindicata occorre aggiungere circa 200 mila euro di magazzino farmaci.

Direttrice della farmacia (molto combattente e che ha dato filo da torcere alle strategie della giunta) e personale beneficiano di clausola di salvaguardia, con assunzione dalla nuova proprietà senza obblighi, parrebbe, di mantenere inalterati i ruoli. L’atto di trasferimento giuridico dell’azienda deve essere fatto entro 30 giorni dall’aggiudicazione. Utile concordare con Asl 2  la data del subentro con relativo registro dell’inventario. Il proprietario dell’immobile (famiglia Boschetti di Albenga, c’erano state polemiche sul caro affitto concordato dalla Sael comunale) potrebbe essere invitato a ridiscutere il canone, oppure in mancanza di accordo una rescissione, tenuto conto dei tempi e dei molti locali sfitti della zona. O potrebbe accadere un bis di Ceriale, con l’acquisto dei locali.

I media hanno riportato una dichiarazione del sindaco Giancarlo Canepa (fino a quando resisterà di fronte ai ‘plotoni di esecuzione’ invisibili ma attivissimi ?): “Il nostro unico rammarico è dato dal fatto di aver dovuto attendere un anno per poter festeggiare questo risultato. Per ragioni non dipendenti dal Comune [il riferimento è alle indagini intorno alla perizia relativa al valore commerciale della farmacia, n.d.r.] i nostri cittadini sono stati privati di lavori pubblici, servizi, iniziative per il sociale e manifestazioni turistiche che avremmo potuto concretizzare se avessimo venduto prima la farmacia”. E ora il nodo del bilancio comunale che era finito alle prese con i predissesto. Canepa: “Di certo presenteremo un piano molto rimodulato rispetto alle previsioni iniziali. Ora è il momento di guardare avanti. Cercheremo di utilizzare al meglio queste risorse per ripianare il famoso ‘buco’ di bilancio, per estinguere i mutui ancora attivi e, soprattutto, per dare nuova linfa alla città, al suo tessuto commerciale, ai cittadini più in difficoltà. Finora, grazie anche alla collaborazione delle associazioni, abbiamo fatto ‘economia creativa’ su ogni cosa. Certamente questo patrimonio di entusiasmo che si è creato intorno al Comune di Borghetto non dovrà essere perduto e noi, come Comune, cercheremo di essere il più virtuosi possibile. Ma cercheremo anche di spendere ciò che abbiamo ora nel miglior modo possibile. Dopo tanti anni grigi la città deve rialzare la testa. Se lo merita e ora potrà farlo. Si è perso un anno in cui avremmo potuto liberare risorse per rilanciare manutenzioni, sociale e turismo a beneficio dei cittadini. Peccato davvero. Ora guardiamo avanti e, una volta incassati i soldi, cercheremo di usarli nel miglior modo possibile.  Per fortuna che nella vita Maritano fa il dottore e non il perito di farmacie perché l’aveva stimata per un valore di c.ca 900.000€ ben un milione al di sotto di quanto è stata pagata…”. E a chi gli sollecitava un commento sulle dimissioni Cannonero: “Per me nessuna novità. Non ho più avuto occasione di incontrarla. Qualcuno mi sollecita, ma non sono davvero interessato alle sue truppe cammellate che scrivono da ereduti sui social….Io non sono all’altezza di competere….”.

C’è attesa ed il nodo conseguente alla contestata e presunta incompatibilità del capogruppo Alessio D’Ascenzo con delega al Verde Pubblico e Arredo Urbano; l’esponente  in passat oggetto di attenzioni particolari, con danneggiamenti da parte di ignoti. Da una parte c’è la sorte del Puc che D’Ascenzo ha votato con la durissima contestazione a verbale dell’opposizione che l’accusa di ‘presenza dolosa’, dall’altra la sua eventuale surroga.

LE SIBILLINE DICHIARAZIONI SOCIAL DELLA DIMISSIONARIA MARIA ESTER CANNONERO CHE HA RITENUTO DI NON PRESENTARSI  E SPIEGARE LE SUE RAGIONI, MAGARI SACROSANTE, IN CONSIGLIO COMUNALE COME E’ PRASSI E RISPETTO DELL’ORGANO DEMOCRATICO ELETTO DAI CITTRADINI

Cannonero: “……..Per rassicurare i tanti concittadini allarmati da alcune pubblicazioni apparse ieri sui social sul mio stato di salute ci tengo a precisare che le ragioni delle mie dimissioni non hanno alcuna attinenza con la mia vita privata. Grazie al cielo sto bene. Sono amareggiata in quanto diverse iniziative che avevo a cuore (alcune già proposte in giunta come lo Sportello della Dislessia, lo Sportello Antiviolenza, acquisto nuovi moduli abitativi, incontri tra le persone diversamente abili e i nostri ragazzi per favorire la sensibilizzazione al posto dell’intolleranza e insofferenza, la Bandiera Lilla, il Progetto Mobilità Garantita, istituzione di un Sistema controllo per disabili, il riconoscimento di Comunità Sensibile alle Demenze e tanti altri) sono rimaste nel cassetto. Nonostante gli sforzi profusi dalla sottoscritta, soprattutto nel corso degli ultimi mesi è stato sempre più difficile portare avanti i miei progetti per il venir meno della necessaria stima e sintonia e a poco a poco si è creato non so per quale motivo un clima che si può definire “non collaborativo”. Infine le intimidazioni anonime, da ultimo subite, mi hanno definitivamente indotto a rassegnare le mie dimissioni non trovandomi più nelle condizioni di affrontare con la dovuta serenità il mandato affidatomi”.

COMMENTI pubblicati sulla pagina facebook di Ester Cannonero – Un esemplare cliché alla luce del sole

Mario Baucia e gli elogi alla dimissionaria assessore leghista

Mario Baucia (ex assessore comunale a Ceriale e Borghetto, fede socialista e massonica,  persona colta, gioventù da sacerdote e poi insegnante, già presidente di Ponente Acqua e Servizi Ambientali Spa l’ente da sempre più riservato della provincia ndr): Ciao Ester sei stata certamente una grande figura da Assessore. Hai promosso iniziative di alto livello e profilo che hanno fatto tanto bene ai cittadini borghettini ed hanno dato visibilità e lustro al nostro carissimi Borghetto. Tanti mi hanno testimoniato il tuo impegno, la tua dedizione e la tua disponibilità essendoti profondamente grati e molto tristi e amareggiati. Per le tue dimissioni. Hai lasciato un segno nei cuori e nella testa di tanti e tanti borghettini ed in modo speciale di quelli che sono più fragili. Sii fiera di te stessa e del lavoro che hai fatto sia per la qualità sia per il modus operandi.

Gabriella Ismarro:  (sindaco di Balestrino ndr): Ti abbraccio forte!
Daniele Negro già sindaco di Pietra Ligure

Daniele Negro (Ex sindaco e attivista della Lega di Pietra Ligure ndr): Difficile commentare quello che scrivi. E ancora più difficile comprendere come in un Paese “normale” si possa arrivare a questo. Conoscendoti penso che tu abbia avuto le tue buone ragioni. Resta però l’amaro in bocca per per molti di noi che ti hanno sempre sostenuta avendo visto in te una grande risorsa.

Alessandra Zunino Segre: (albergatrice di rango, già presidente associazione di categoria nel comprensorio di Albenga e candidata nel centro destra alle comunali, candidata sindaco e consigliere di opposizione a Garlenda nella scorsa legislatura ndr): Complimenti per il tuo impegno, mi dispiace leggere di intimidazioni ricevute e non mi capacito neppure di come non si possa aver stima in te per i progetti.
Dimitri Folcheri: Grazie Ester per aver spiegato le ragioni tanto attese. La serenità viene PRIMA di ogni altra cosa ed è indispensabile x lavorare bene. Oltre al rammarico di aver perso una persona che ha dato molto nel sociale il mio rammarico è non aver letto nulla da parte del tuo partito…. Questo fa pensare.
Domenico Montecristo: Sei una persona che ha donato tanto al suo paese sono arrivato alla conclusione che se tu hai deciso di lasciare avevi le motivazioni, mi stupisco che chi avrebbe dovuto essere al tuo fianco è totalmente assente. Questo purtroppo mi fa riflettere molto su alcune convinzioni che avevo.
Rita Iosi: Ciao Ester sono contenta che tu abbia chiarito..non avevo dubbi che la tua decisione fosse scaturita da problemi realmente gravi che ti impedivano di portare avanti i tuoi progetti ..ma sono contenta soprattutto per le male lingue che che cercavano il male anche dove non c’era. Loro hanno perso non tu… Tu sei sempre stata te stessa …loro hanno sempre indossato una maschera a secondo delle situazioni e la cosa più brutta è che continueranno a farlo… Tu cammina sempre a testa alta e non rinunciare mai ai tuoi sogni perché prima o poi riuscirai a realizzarli.. Noi ci siamo incontrate per caso per il tuo lavoro ed ho iniziato a stimarti da subìto per la tua franchezza nel dire le cose..hai ed avrai sempre il mio appoggio se e quando ti dovesse servire…un abbraccio grande.
Carla Briozzo: Cara Ester Cannonero amica mia ora tu devi essere fiera di tutto ciò che hai fatto e anche di ciò che hai proposto e non è stato accolto. I Borghettini hanno capito tutto ciò che è successo ed ora le maschere saranno smascherate. Sei una grande donna e sei stata un grande assessore del comune di Borghetto Santo Spirito e chi ti sostituirà avrà un confronto non facile.
Lucia Amoroso: Condivido tutti I commenti di stima ma soprattutto tutte le iniziative che noi del Centro anziani abbiamo realizzate con te purtroppo non condivido le tue dimissioni , hai fatto cio che volevano gli altri , noi siamo dispiaciuti e I nostri progetti fermi in ogni caso ti facciamo tanti auguri per l’avvenire sei grande hai tutte le capacita ‘ sei giovane e forte per fare cose importanti un grosso abbraccio da tutti noi.
Andreina De Andreis: .. .. non ti curar di loro…. ma guarda e passa…. sociali che hai portato avanti in questi mesi. Un abbraccio Ester.
 
Avatar

Trucioli

Torna in alto