Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Borghetto S.Spirito / Periodo di bilanci: la giunta zoppica

Chi ha assistito agli ultimi due consigli comunali di Borghetto Santo Spirito, che si sono svolti rispettivamente il 28 novembre 2013 e l’11 dicembre 2013, penso che si sia fatto un’idea molto precisa sulla Giunta GANDOLFO (se ancora non se l’era fatta) : sui bilanci, la Giunta, zoppica, balbetta, si confonde, non capisce le domande, non risponde a tono e, a volte, in modo impreciso.

 

Forse i nostri “amministratori” non sanno che il bilancio di un ente è il momento culminante e più caratteristico dell’anno, che convalida non solo l’operato svolto, ma che mette in risalto volontà e capacità politica. E da ciò se ne dovrebbero individuare le scelte presenti e future, oltre alla loro visione politica, appunto, dei problemi e della vita del Paese. Caratteristiche totalmente assenti nella Giunta borghettina e nel suo bilancio.

Sul consiglio del 28 novembre ne ha ampiamente parlato la cronaca locale dei quotidiani.

Del consiglio comunale dell’11 dicembre 2013 si apriva con un altro bilancio in discussione: questa volta quello della SAEL, l’Azienda speciale che gestisce la farmacia comunale ed altri servizi.

Anche qui balbettamenti e titubanze.

Ma non potrebbero prepararsi un po’, prima di affrontare il pubblico e la minoranza, ed evitare, quindi, momenti di grande imbarazzo? E’ la seconda volta che il neo eletto assessore al bilancio non fa una bella figura e ciò non tranquillizza certo i cittadini che riflettono su chi ha in mano il loro portafoglio.

E’ durante la discussione su alcune voci di costo, che il consigliere di minoranza, Roberto MORENO, ha domandato spiegazioni circa il raddoppio di una certa spesa che, normalmente, negli anni passati, si era tenuta intorno ai 15/16.000,00 €.

La risposta data ha lasciato allibiti tutti quanti.

La maggior spesa, ha detto il sindaco, è stata causata dal pagamento dei compensi dovuti agli operai che hanno lavorato nella sistemazione dei portici di via Garibaldi e di via Marsala (gli unici due interventi effettuati nel centro storico in diciannove mesi di amministrazione), ma non ha spiegato per quale ragione sono stati usati gli utili della farmacia comunale per finanziare opere di competenza dei Lavori Pubblici.

Alle lamentele del consigliere di minoranza Bruno ANGELUCCI, l’assessore OLIVA ha risposto che, per statuto, la SAEL può anche intervenire nella manutenzione del verde pubblico o altre opere. Va bene, ma qui non si tratta di stabilire se si è commesso un abuso o un errore. Si tratta di capire per quale ragione l’assessorato ai lavori pubblici non aveva 15/16.000,00 € da spendere.

A questo punto è chiaro che la giunta GANDOLFO, ingolfata nella gestione dell’amministrazione ordinaria, non riesce a concepire un vero progetto sul futuro di Borghetto S.S. e questo è un gravissimo limite, le cui conseguenze si possono già intravvedere attraverso i bilanci.

Dobbiamo rimarcare, però, che la Giunta è molto attenta a quello che sarà l’uso futuro dei locali siti nel retro della farmacia comunale, occupati fino all’anno scorso dagli ambulatori dell’ASL, e di cui paghiamo ancora l’affitto. Pare che vari progetti siano stati presentati da diverse persone o società per usufruire di quei locali, per i quali pagherebbero una parte dell’affitto, ma tutto è fermo in attesa di una risposta che una sola persona o società deve dare. Di questo ne parleremo nelle prossime puntate.

Silvestro Pampolini

Avatar

S.Pampolini

Torna in alto