Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Centrale di Vado Ligure, il canto degli stonati

Il 15 giugno 2008, a firma di Luciano Corrado, un articolo titolato:  “Vado, inquinamento da (dis) informazione’. Occhiello: “La centrale Enel, la salute, le soluzioni“. Sommario: “Al convegno un medico sostiene che il prezzo più alto lo pagano i nostri figli con un’incidenza di cancro sui bambini”. Un resoconto, una seconda puntata, su quello che non da oggi, ma da anni, era un tema scottante e scomodo. Per la galassia dell’informazione, il mondo sindacale, una certa politica, le stesse istituzioni dello Stato, della democrazia. Oggi qualcuno fa quasi a gara a proporsi ‘salvatore della salute’. E’ proprio vero che il tempo è galantuomo e spesso fa giustizia, soprattutto per quel detto “per non dimenticare“. Non è un problema di meriti, di primi o secondi della classe. E’ soprattutto corretta informazione e coerenza di comportamenti.

LEGGI VADO LIGURE, INQUINAMENTO DA (DIS)INFORMAZIONE

Per i tanti ‘eroi della giustizia terrena‘ – non ci riferiamo alla magistratura – vorremmo soltanto ricordare la difficilissima battaglia informativa sulla Centrale di Vado, pur tra limiti e qualche errore, di Mario Molinari, un galantuomo dell’informazione, un rigoroso cronista di strada acclamato dai più, dimenticato da tanti, osteggiato dal potere che conta sul serio. Che sa colpire ed emarginare, proprio alla stregua di ‘le mani sulla provincia‘, sulla Regione, su gran parte del Bel Paese.  Forse troppo ingenuo dal credere che un editore – che poi si scoprirà da atti giudiziari in ‘combutta’, ma lui nega, con malapolitica, affari e pubblicità – nonostante una paghetta da fame, fosse libero da condizionamenti.

E’ trascorso quasi un anno dal ‘grido di aiuto’ a firma dell’autorevole Ferruccio Sansa. E’ cambiato qualcosa per l’ontesto e con la schiena dritta Mario Molinari? Lui non aveva padreterni che lo ‘spingevano’ in questa o quella redazione.  E trovava porte aperte. Bensì sistematicamente chiuse. Speriamo che qualche collega ‘in’ l’abbia aiutato come merita. Noi non lo sappiamo, non siamo informati; facciamo parte della categoria degli ultimi.

NEL NON LONTANO DICEMBRE 2008 SV magazine, mensile della Provincia del presidente Marco Bertolotto, medico e primario al S. Corona di Pietra Ligure, pubblicava questo articolo per i lavoratori svantaggiati.

 

 

Avatar

Trucioli

Torna in alto