Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Buon Senso smarrito e similitudini di casa nostra

Il Buon Senso si guardò intorno smarrito. Lo avevano abbandonato – da quando? – in un luogo sconosciuto pieno di insidie, di oggetti vecchi, di ciarpame di ogni genere; insomma aveva la netta sensazione di trovarsi nel bel mezzo di una discarica.  Cercò di muoversi tra frigoriferi, lavatrici  e televisori, ma l’impresa gli risultava assai difficile.

Questo mondo è assurdo, pensò ,come può essere che quel televisore sia in funzione? Si avvicinò e vide l’immagine dell’insetto dai capelli bianchi scarmigliati, con l’occhio assatanato che arringava la folla a suon di vaffa ed altre amenità. Il Buon Senso non lo aveva visto nascere politicamente, era già stato abbandonato da tempo, però ricordava ancora quanto lo faceva ridere  quando la comicità caustica e graffiante era la sua professione. Si sentiva nel cuore una, seppur piccola, soddisfazione  dicendo “ senti come  gliele canta ! Ma non si vergogneranno?” No, non si vergognavano allora e nemmeno oggi. La Vergogna era stata abbandonata ancora prima del Buon Senso. Lui presentò un santone dai vaporosi capelli lunghi e grigi e occhialini neri che appariva e scompariva  e incominciò ad incantare le folle che, senza il Buon Senso, si muovevano come dietro il Pifferaio magico. Quale incoerenza! Un ricco, seppur divenuto tale col lavoro ed il talento, che si metteva alla testa di una rivoluzione dei poveri! L’unico caso del genere fu quello di un certo Giovanni , figlio di Pietro di Bernardone, detto Francesco che divenne Santo i cui effetti rivoluzionari in qualche misura operano ancora oggi.

Ma lui no, santo no ,forse santone sì  a benedire i suoi dalle talle della tribuna parlamentare. E poi al Buon Senso vennero in mente storiche similitudini. Il Duce sulla trebbiatrice a torso nudo nella battaglia del grano; Mao Tse Tung che attraversava a nuoto il fiume Giallo; Putin a torso nudo fra le nevi della Siberia e lui, fiero che attraversava a nuoto lo stretto di Messina! La Storia in fondo è sempre un po’ scontata, ma non dovrebbe servire ad evitare gli errori già fatti?Sembra di no. Il televisore si era appena spento, quando se ne accese un altro.” Niente  più inciuci,niente imbrogli. Daremo agli Italiani quello che si aspettano. Allargheremo la Leopolda“. L’Incazzato per causa di Giustizia si voltò di scatto.”Cosa dice? Ne ho allargato io di Leopolde!

Un altro televisore elencava gli imbrogli delle tessere nei precongressi nelle piazze di tutta Italia.Il Buon Senso cominciava a credere che la sua discarica fosse in fondo un posto niente male. Il televisore cambiò canale. Un vecchio con i capelli e la barba bianchissimi raccontava il suo incontro con un certo Francesco. Il Buon Senso ascoltò quasi rapito. Un ateo dichiarato stava facendo il più bel sermone cristiano- cattolico mai sentito da tempi immemori! C’è un nuovo Francesco . Auguri Francesco! Tuona dalla tua finestra il  richiamo alla dignità, alla pace, alla comprensione , all’umiltà. In Italia abbiamo ormai solo  bisogno di miracoli. Il Buon Senso si appoggiò ad una lavatrice e si assopì . Sognò di stringere finalmente la mano ad uno Statista che lo riportasse tra la gente.
                                                                                                                                     Nello Scarato

Avatar

N. Scarato

Torna in alto