Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

I « PELANDRONI »

Brunetta non c’entra- Fagiolini doc: produzione pregiata del loanese e dell’albenganese – Pistarino dixit – Il canto per Rosalia

    Il vetero compagno Pistarino è ricomparso dopo una lunga assenza dovuta, innanzi tutto, alle cure del suo terreno in alti Gazzi e poi ad alcune incursioni estive a Bardineto che, per lui, è già Piemonte.

    Per prima cosa ha trovato da dire sui nostri “pezzi” :

Mîa che ô nô se capisce ninte côn tütte quelle parolle che, côme a dixe Gieffegi in sce a Gazzetta, sôn ‘ parole dimenticate’.

    -Ma non è vero Pista, saranno poco usate nel volgare parlato ma non sono affatto dimenticate : metafora, plausibile, decano, millantare e simili sono parole necessarie, comuni e molto usuali nella pubblicistica e in qualsiasi saggio giuridico o letterario.

    – Va be’, comunque l’è megiô parlâ comme ti mangi. A propoxito de mangiâ, ti è vistô quella figgieûa, forte de steûmago, che a s’è miscia côn ô Cappô di destri a l’a scrovertô che i ghe favan pagâ i fageâu verdi ottanta euri aô kilô? quelli aspri e sarvâeghi de quarche campo da bassa! O mascimô saiâe cinque euri, i han multiplicon pe’ dexe e mezo e bon peiso!

    – Una vile speculazione perché, intanto, a palazzo Grazioli, pagavano senza guardare i conti.

    – Io ci ho i “Pelandroni”, che non sono quei furbi che l’onorevole Brunetta ha detto che stavano negli uffici e fuori a far flanella, ma sono la qualità nostrana dei migliori fagiolini del mondo; ce li abbiamo solo noi, piatti, corposi, però teneri che bastano dieci minuti di cottura, belli anche da vedere esposti con le loro svirgole verdi e viola. Ce ne ho mandato dieci cassette a “Lui”, cinque a cinque euri al Kilo compreso il viaggio, cinque gratis che la fidansata li può regalare a quelli dei servissi dove “Lui” va a passare qualche mese, così gli fa fare bella figura.

    -E bravo Pista che stai a pontificare in bell’italiano, si fa per dire, e vuoi beneficiare i miliardari ! come mai?

– Mîa, mi a pensô che avēi tanti dinâe comme lē e nô avēne secce a mâexima cosa. Capimmôse: società, azioni, obbligazioni, titoli, conti off shore ecc. l’aviâ misci insemme lē, ma sôn i atri che manézzan e, ti ô sâe, chi manezza lecchezza. Palanche in stacca, scicômme ô nô l’è mai sôlô, ô nô ghe n’ha, e côsci nô e conosce ciù; dîghe otto dîghe ottanta pe lē a l’è a mâexima; ô commença a capî quarcosa da treçentomila euri in avanti. O saiâ miliardario con tanto potere maledetto attacco, ma de dinâe pe’ accattâ da vive a-a giornâ nô capisce ninte, e ô l’è anche ô perché ô n’a mandon tütti a ramengo e travaggio ô nô ghe n’è.

    – Ma i fagiolini, anche se si chiamano “Pelandroni”, un po’ di lavoro per la preparazione lo daranno…

    – Ninte, vedi che sei incompetente! Ninte, ti dico, lavoro non ne danno, li prepara anche uno che non ha voglia di fare un belin perché non ci hanno filamenti! Non ci hanno filamenti?! hai capito ?! e per questo si chiamano così; che, ansi, l’onorevole Brunetta voleva scritturare un migliaio di statali poltronati per la preparazione sul campo, da venderli belli pronti per la pignatta. Fagiolini… per… i Pelandroni! Pascalina, poi, te li prepara con un’occhiata e te li serve conditi con la ricetta “alla vergine”, per via dell’extra vergine all’oliva taggiasca.

Impermeabile ad ogni consiglio di lasciar perdere, Pista ha voluto mandare, a tutti i costi, dieci cassette di “Pelandroni” a palazzo Grazioli gravandole solo di pochi euro per le cinque in contrassegno, “per fargli vedere, ha detto, chi siamo noi liguri, che poi dicono che siamo taccagni !”

    La Liguria prima di tutto, l’ha detto anche il Rosso su comando del Ministro di Imperia che ha fatto novant’anni (Imperia). E’ inutile che la Sindachessa di Albenga insista con la strategia della macroregione del nord: noi abbiamo il mare, le culture pregiate, il dolce clima – soprattutto a ponent – fagiolini pelandroni, carciofi con la spina (quelli veri, mica quelle pagnotte da giocarci a bocce), l’olio di taggiasche, i pesci di mare (mica le trote) e il porto di Genova con la Lanterna. Tra Liguria e Sicilia appattamento c’è, ma i padanici, se vogliono venire qui, paghino e… zitti e mosca!

 Lei ha capito e così le dedichiamo, tratto da antico anonimo parafrasato, biblicamente, il

 “Canto per Rosalia”:

 Lanterna de Zena

l’è faeta a trei canti

Rosin sensa guanti

Lasciaela passà !

A tre oûe de neûtte

a fava a leghista

vestìa da mainà,

cianzendo cantava:

me possô sbagliâ.

Cattaeghe üna roba

ün mezzero in sâea

perché da so Arbenga

no peû ciü scappâ.

A Lega l’è côeutta

Arbenga l’è viva

e balle padane

sôn saura in sta stiva,

Rosìn sottovento

nô fâte allügâ.

BELLAMIGO


Avatar

Bellamigo

Torna in alto