Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Bardineto, una moderna azienda agricola per equini

Bardineto – Una nuova moderna azienda agricola per l’allevamento di equini. Sorgerà a Bardineto, ad opera della ‘gemella’ Le Canelle  di Calice Ligure. Il progetto ha concluso l’iter autorizzativo ed aveva preso il via nel settembre 2011 con la Conferenza dei servizi istruttoria.Per il territorio di Bardineto ed il comprensorio è una notizia positiva, incoraggiante. Artefice e promotrice dell’iniziativa, come risulta dalla determinazione dirigenziale della Provincia di Savona (Leggi….)  è Eleonora Siniscalco titolare dell’azienda agricola Le Canelle, con sede a Calice.  L’istanza iniziale era stata presentata  allo sportello unico per le attività produttive del Comune di Bardineto.

Il 28 giugno 2011, l’amministrazione comunale impegnata nell’opera di rilancio economico aveva dato il suo assenso, in variante al piano regolatore generale, ora denominato Sug, adottato come strumento urbanistico il 5 dicembre 2001. Al benestare del nuovo insediamento non erano seguite osservazioni o opposizionioni, da qui il percorso autorizzativo da parte degli organi competenti.

Il progetto dell’azienda agricola  è finalizzato, come si legge dagli atti ufficiali, all’allevamento di cavalli ed attività affini.  L’elaborato prevede anche nuovi manufatti edilizi sia con destinazione agricola, sia residenziale, in località Mulino. L’edificio agricolo  ha una superficie coperta di mq. 489, di cui 351 a stalla, oltre a sala parto, deposito e ricovero attrezzi, mezzi agricoli e 138 mq con destinazione resindenziale. E ancora: un edificio destinato a fienile, capanne e paddock coperto  per 996 mq.

In sintesi la struttura avrà una superficie complessiva  coperta di 1.347 mq., il 20,27 % del rapporto tra area coperta  e terreni asserviti. Questa aspetto è stato sottoposto  dal Comune (sportello unico, con sede a Millesimo) agli organi competenti  in quanto scaturiva un contrasto con il vigente Sug, dovuto  all’aumento di copertura – lo spiega bene la determina della Provincia – tra la superfice totale dei fabbricati agricoli, i terreni asserviti, la volumetria residenziale.

L’obiettivo dell’imprenditore privato, alla fine dei conti, si coniuga bene con l’interesse pubblico. Cioè ospitare una struttura funzionale ( di eccellenza nel settore) allo sviluppo del comprensorio agricolo e turistico bardinetese, dopo gli anni di  declino che ha di fatto impoverito il tessuto economico e sociale.  Segnali di risveglio per l’ex piccola Svizzera dell’alta Valbormida.

Avatar

Trucioli

Torna in alto