Numero visualizzazioni articolo: 1.684

Igiene,decoro,verbali,multe,abusi: se questa è la ‘Bandiera Blu’ di Noli!

Noli – Da un Verbale di accertamento di violazione regolamento comunale in materia di rifiuti.” L’anno … addì…(x) alle ore…(p.m.) circa presso gli Uffici della Polizia Municipale di Noli la sottoscritta Ag.te di P.M….dà atto di aver accertato, assieme al Geom. …, dipendente dell’Uff. Tecnico – Lavori Pubblici, che il giorno…(x – 3 = tre giorni prima), alle ore …(a.m.), nel Comune di Noli (zona…) vicino ai cassonetti adibiti alla raccolta differenziata, era stato depositato nella pubblica via, nel giorno non  previsto dal regolamento, un sacchetto aperto, contenente rifiuti domestici non differenziati e carte intestate alla persona  sopra citata. Ciò creava disagio dal punto di vista igienico e estetico.

La predetta inottemperanza, costituisce violazione all’art., 97 del vigente Regolamento di Polizia Urbana e degli art. 1-2 del regolamento comunale per la disciplina del conferimento dei rifiuti solidi urbani.

Tale violazione non è stata contestata immediatamente alla persona sopraindicata, perchè assente.  (Inviata a domicilio l’ammenda di € 62,00 – pagata).

Considerazioni: per maggior informazione su questo verbale, ho testimonianza  dalla persona interessata che il sacchetto era stato depositato non nella pubblica via, bensì nella “gabbia” estetica ed igienica, vicino ai cassonetti adibiti alla raccolta differenziata. Quella abilitata a mangiatoia per animali diurni e notturni.  Ciò costituisce comunque illecito nei riguardi del Regolamento per quanto concerne la data non prevista. Non è la prima volta che anziani siano le vittime sacrificali di un sistema che di per sè non funziona (vedi solo due semplici foto) per quanto concerne  igiene e decoro, proprio da bandiera blu.

Immondizia sulla strada a Noli

In  questo specifico caso, non l’unico riguardante persone avanti con l’età, ma preso come esempio di mancata sensibilità umana nei confronti di errori  o di necessità igieniche abitudinarie di “ANZIANI”, l’accertatore  è assai probabile abbia “ottemperato” agli “ordini di servizio” del suo diretto Assessore e Vice Sindaco a Noli, Geom. Piero Penner.  “Obbedienza cieca, pronta, assoluta” (dal “Borghese” di Guareschi) per cercare di raggiungere l’obiettivo della funzionalità  necessaria all”indispensabile” (come Lui non c’è nessuno, “the best” –  da comizio elettorale del Sindaco – ) per giustificare la “prima pagina” della cronaca locale che enfatizza il secondo posto  (più del 70%)  raggiunto con il servizio di raccolta differenziata in Provincia.

Chissà in quella mattina quante altre contestazioni sono state effettuate, visto che “il corpo  del reato”, conservato (in frigo?), è stato formalmente contestato tre giorni dopo.

IL DEPOSITO DI VIA REPETTO

Ai Vigili Urbani, verbalizzanti gli accertamenti di violazione in materia di rifiuti del Comune di Noli, assieme al Geometra accertatore delle infrazioni, la “gente” suggerisce, ed io lo scrivo: controllate, ad esempio, UNA VOLTA, per una mattinata, il deposito di Via Repetto. Controllate, pure, sempre di nascosto,  le modalità di prelievo dei residui da parte degli autisti  della ditta incaricata al servizio raccolta. Non descrivo ciò che si nota all’entrata di Corso Italia, oppure a metà della stessa strada. Segnalo ciò che i commercianti sono costretti a “rischiare”, con questo “tipo” di raccolta che crea, già a mezzogiorno: “ disagio dal punto di vista igienico e estetico”.  Non lo si vede o non lo si vuol vedere…da parte del “Palazzo”?

LE BUONE RAGIONI DEI COMMERCIANTI

Non credo che i commercianti che in quest’area depongono i loro rifiuti, abbiano tutti la capacità di “ottemperare” ad un’ordinanza che li obbliga a tenere, senza possibilità di smaltimento giornaliero, le bottiglie di plastica vuote o il secco residuo  per  cinque giorni su sette d’estate, sei su sette d’inverno.  Mentre le bottiglie di plastica possono essere “tranquillamente lavate” come suggerito dal Sindaco per annullare gli odori. Per il secco residuo, come si è anche visto dal verbale, la cosa diventa preoccupante. Il suddito dovrebbe lavare anche i sacchetti oleati, o l’involucro profumato del pesce per tenerli in casa uno o due giorni su sette? Perchè forzare il rischio di contravvenzione o, peggio, non voler controllare e constatare una ormai provata inefficienza di servizio offerto alla popolazione tutta?. Ma se effettivamente siamo i migliori, è il caso di colpire con tecnica antiguerriglia chi forse non riesce ad “ottemperare” ad un regolamento capestro?  Sia in Via Repetto come in altri depositi del centro storico, “sin che la barca va, lasciala andare” direbbe qualcuno; ma se la legge è uguale per tutti, e venisse rispettata, allora anche i commercianti, a questo punto giustamente si ribellerebbero, con ragione, pretendendo altre modalità di offerta di servizio. Tende a parte…

Bidoni per la raccolta differenziata a Noli

LE PERCENTUALI DELLA DIFFERENZIATA

Mi è capitato di condividere una considerazione del Dott. Niccoli fatta in un Consiglio Comunale quando, di fronte ai risultati sulla percentuale della differenziata dell’anno 2011, lo stesso faceva notare che lo “spiaggiamento” di decine di tonnellate di legno aveva contribuito di certo a favorire la percentuale di conteggio sulla differenziata. E cosa dire allora del peso di un telaio di legno di letto singolo trasportato all’isola ecologica corrispondente a 200 Kg.?  Se questi sono i parametri… Allora è vero: tutto fa brodo… o brodaglia…compresi i materiali ferrosi di privati caricati e trasportati  sempre all’isola ecologica di Spotorno, con mezzi comunali!  Certamente favoritismo attraverso ordine di servizio…

“E allora”, si domanda sempre la “gente”, ed io sono d’accordo, è difficile o pericoloso non constatare ponteggi abusivi, non sentire “punta e mazzetta” che fa toc – toc – toc di giorno naturalmente, con detriti che escono, cemento che entra nell’abitazione? Come operano i Maigret locali?  Facile, capita di leggerlo su un quotidiano locale.

STORIE DI ABUSI EDILIZI

Titolo del Secolo XIX del 01/06/2012: “Controlli della Polizia Municipale – Abusi edilizi a Noli…senza la necessaria autorizzazione della Sovrintendenza” (del Comune si…). Denuncie anche penali… dice il Capo dei Vigili.  Ed assicura: “Stiamo inoltre verificando come e dove siano stati smaltiti i rifiuti  derivanti dal cantiere per il cui smaltimento deve essere seguita una apposita procedura”…di certo non davanti ai cassonetti della spazzatura!

Comunque due Agenti in borghese ancora in questi giorni compiono operazioni di polizia amministrativa in tal senso, fuori del centro storico.  Sembra che usino frequentemente il telefonino cellulare per raccontare, minuto per minuto,la modalità? le fasi? dell’operazione di Polizia in corso. Questi servizi d’istituto a 360° previsti per rimpinguare le casse comunali con le multe al “ladro di mele” sono oggetto di pour parler da parte degli “aventi diritto” a stare a Noli, per strada o sotto l’ombrellone. I commenti, senza via di mezzo, vanno dal comico alla tragedia. Per la verità il dito non è puntato prioritariamente sulle “barbe finte”, bensì verso i responsabili amministrativi che danno indirizzi in tal senso, a suo tempo annunciati in assemblee pubbliche. Esecutore il delegato alla P.U. Brunetto Saporito.

Dalle comunicazioni del Consiglio Comunale del 9 Agosto si apprende che la viabilità sulla Aurelia (garages di Via IV Novembre) verrà definitivamente ripristinata il 20 Agosto. A domanda della Minoranza (Niccoli) circa novità per quei  garages, la risposta data è negativa: c’è di mezzo il Tribunale.

LA NUOVA RICHIESTA DANNI

Si viene a conoscenza, tra l’altro, che un condomino del civ. 14 di Via Belvedere, ha inviato una richiesta danni di 300.000€ a tutti gli aventi causa per il “disagio?” da lui subito sino ad oggi (Comune compreso) e…(compreso risolino del Sindaco).  C’è ancora spazio per un “fuori programma” consistente in una battuta spiritosa sempre da parte del Dott. Niccoli che in sintesi dice:” Quando riuscirete (voi della maggioranza) a sfatare la maledizione che da anni vi portate dietro sui cantieri, prima con le strutture sanitarie di Via Musso , poi con quelli dell’area ferroviaria? Da parte mia invece dico: “Quanto sarebbe interessante conoscere la quantità, la qualità degli errori con i relativi costi!”  Anche qui, tempo al tempo.

MERCATINO DEI PRODOTTI AGRICOLI

Un ordine del giorno tratta del Regolamento da votare sul mercatino dei prodotti agricoli provenienti dai produttori locali. Il Sindaco passa la parola  all’esperto in materia, il Capo Gruppo di maggioranza  F. Rossello (Presidente della Cooperativa Agricola “Le Riunite”) il quale in buona mezz’ora spiega esaurientemente la proposta della maggioranza. Si apre la discussione, Niccoli illustra quello che a suo avviso (e della sua minoranza) sarebbe un emendamento da approvare: modalità sulle date di apertura.  Le argomentazioni su questa proposta, poi accettata e votata all’unanimità, per chi era tra il poco (quattro-cinque) pubblico  come me, hanno dato adito di assistere ad un teatrino che cerco brevemente di ripresentare.

Normale, pacata dialettica costruttiva tra Niccoli, Sindaco, Rossello. Quando parlava il Sindaco, il suo sguardo era  prevalentemente orientato verso il suo Capo Gruppo per avere l’assenso che veniva concesso con un cenno del capo; quando si trattava di dare risposta operativa, mano davanti alla bocca e sussuro nell’orecchio destro del suo Vice per avere, anche qui il via libera, mentre il  resto della maggioranza assisteva silente, compreso l’Assessore alle attività produttive. Così il magnifico tridente “che cambia Noli”, da otto anni, in voragini, frane, spese pazze per consulenze, liti perse, fognature, strade private, ha partorito l’antidoto ai disagi della cittadina.

Attenzione però al gran finale. Dopo una buona mezz’ora di discussione che indirizzava i consiglieri al voto favorevole all’emendamento, ed alla mezz’ora utizzata dal Capo Gruppo per spiegare tutte le modalità prevedibili nelle proposte inserite nel Regolamento, totale un’ora, Rossello asserisce pacatamente, serenamente che il succo dell’emendamento era “implicito”.

Sindaco su di giri, nervosetto, sensibile ad una battuta provocatoria di Niccoli inerente i parcheggi in zona Case Badin di Tosse. Niccoli prontamente zittito con una battuta altrettanto pungente, certo allusiva, che però tra il pubblico non abbiamo potuto decifrare.  Tra loro due pare si siano capiti….non è la prima volta… Panni sporchi da lavarsi in casa?

 

FUORI SACCO delle ore 22,30 di mercoledì 15 agosto. Ultime di cronaca (marrone).

Ore 20,00: un plotone di tre Vigili procede speditamente con multe a gogò sulle auto in sosta vietata transitando in zona distributore benzina. Nel frattempo il traffico automobilistico è praticamente bloccato con code nei due sensi sugli attraversamenti pedonali a causa del flusso continuo dei pedoni. Nessuno a regolare il traffico. Evidentemente crea più pericolo la vettura in sosta…  Ancora, chi sale per la strada del castello, nota che tutte le auto, anche quelle che non creano intralcio alla circolazione e tutte allineate su un lato, hanno la contravvenzione.

Provocazione: non sarebbe cosa saggia e giusta tirare a sorte ed annullare almeno 300 di queste multe giornaliere/estive per “ottemperare” alla compensazione dei posti macchina usufruibili sino al 2005, e tutt’oggi mancanti a causa di due voragini e frane, senza colpa di nessuno? Il visitatore che, già costretto a percorrere centinaia di metri di discesa per raggiungere la spiaggia, il centro, ed ora ritornando in salita… trova il biglietto da visita punitivo, spesso ingiustificato, per esserci venuto a  trovare, cosa può pensare? Gentile visitatore, non se la prenda con Noli, per favore. L’indirizzo politico/urbano  a cui rivolgersi è….Piazza Milite Ignoto!

Carlo Gambetta

Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Archivio Articoli

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su Accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi