Numero visualizzazioni articolo: 353

Lettera 2/ La tragedia del 25 luglio 1943.
La pastasciutta per la caduta di Mussolini

25 Luglio 1943: una tragedia non priva di tratti farseschi. Gerarchi fascisti che cercavano di salvare se stessi e una certa idea di fascismo scaricando su Mussolini tutte le colpe del disastro in cui era stata precipitata l’Italia. Un re che tentava di ricostruirsi una propria statura morale facendo arrestare Mussolini già abbandonato dai suoi gerarchi. Un’opposizione antifascista che faticava a parlare un linguaggio comune. Gli alti ufficiali che congiuravano per sostituire il duce con uno dei loro. Gli italiani che si illudevano che la caduta di Mussolini significasse finalmente la pace e sarebbero stati risvegliati dalle loro illusioni dalle fucilate sparate sui manifestanti per ordine del nuovo capo del governo. Tanti fascisti che avevano applaudito Mussolini nei giorni del suo trionfo che gettavano via camicie nere e simboli del fascismo. I fratelli Cervi che organizzavano una pastasciutta popolare per festeggiare la caduta di Mussolini, evento che viene ogni anno ripetuto in tutta Italia per iniziativa dell’Istituto Cervi: a questo proposito ha ragione la mia amica Claudia Carosi (storica dirigente dell’ANPI di Finale Ligure) a rivendicare che l’evento della pastasciutta, per non essere ridotto ad una delle tante sagre estive dei nostri borghi, deve essere sottolineato nella sua carica antifascista, non solo dell’esplosione di gioia per la caduta del duce, ma soprattutto perché quella prima pastasciutta fu resa possibile dalla disobbedienza antifascista che i fratelli Cervi avevano praticato per anni nascondendo il burro che i fascisti pretendevano di requisire e perché, nell’offrire al popolo il loro cibo, i fratelli Cervi non lo negarono ai carabinieri che non sapevano cosa fare davanti a quell’assembramento e neppure all’unico che si era presentato con ancora indosso la camicia nera, perché non aveva altro da mettersi.

Luigi Vassallo

Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Archivio Articoli

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su “accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi