Numero visualizzazioni articolo: 562

Melgrati: Sequestri e indagini ‘bufale’. L’ex giudice Granero nel mirino. ‘Tutti tacciono, chi paga i danni delle aziende rovinate’

Dopo le sentenze di assoluzione della T1 di Ceriale e quella dei sottotetti di Villanova, ancora un’assoluzione (Zero Beach di Alassio) per un’inchiesta con gravi strascichi economici, costringendo al fallimento l’impresa balneare. I 27 processi all’imputato Marco Melgrati, architetto, ex sindaco, ex consigliere provinciale e regionale, dai quali è stato assolto. Ora durissimo attacco, con tanto di comunicato stampa. Chiamati in causa magistrati in attività e un ex procuratore capo ‘ora non più in grado di fare danni‘. Melgrati chiede l’intervento del Consiglio Superiore della Magistratura e alla stessa Procura un’indagine. Un fatto senza precedenti nella storia giudiziaria di Savona. E un interrogativo: possibile sia solo il cittadino – politico Melgrati a denunciare ?

Lo stabilimento balneare Zero Beach a novembre 2015

COMUNICATO STAMPA - Melgrati: è il bilancio del lavoro degli ultimi anni della Procura della Repubblica di Savona ad essere fallimentare… come le imprese costrette a fallire in seguito a sequestri e indagini che si sono rivelate delle vere e proprie “bufale”, terminate con assoluzioni piene.

Assolti “perché il fatto non sussiste” e “perché il fatto non costituisce reato”. Ancora una volta questa è la sentenza della Magistratura giudicante del Tribunale di Savona, che smonta l’ennesimo teorema della Procura di Savona. Peccato che ancora una volta, dietro ad una indagine che ha portato a sequestri e interruzioni di attività, ci sia stato il dramma di una imprenditrice e di una azienda costrette a chiudere perché ne è stato dichiarato il fallimento… Ed era una azienda florida, prima che l’autorità giudiziaria costringesse la titolare dello Zero Beach a demolire la scogliera, stoccare il materiale in altro posto, riottenere una autorizzazione che oggi si scopre era legittima ed aveva già, e ricostruire questa scogliera…fino al sequestro di tutto lo stabilimento balneare…

E adesso? Tutti assolti, ma la signora Chiara Ravera è stata rovinata economicamente, perché aveva investito tutti i suoi averi in questa struttura, e per via dell’accanimento giudiziario (alla luce della sentenza di ieri ingiustificato, sbagliato e dannoso) ha perso tutto!

Che dire poi dell’assurdo di una precedente condanna per la stessa Ravera e per l’ex assessore Invernizzi, accusati e condannati in primo grado per un abuso d’ufficio che non è mai esistito, alla luce dell’assoluzione di ieri? Alla Procura di Savona in questi ultimi 5/6 anni sono accadute cose che Voi umani non potete nemmeno immaginare…

E mi riferisco alla farsa dell’indagine sulla T1 di Ceriale (tutti assolti, tranne un piccolo abuso edilizio che sarebbe stato sanabile), con un sequestro che ha portato al fallimento dell’impresa di Andrea Nucera e di molte imprese dell’indotto, con decine e decine di persone disoccupate e lasciate a casa senza un lavoro…e lo scheletro di una importante operazione immobiliare che rimane li a deturpare il panorama e a ricordare questo caso di malagiustizia… E i sequestri dei cantieri di Villanova d’Albenga, sulla base di una teoria “improbabile” smontata dai giudici di Primo Grado e di Corte d’Appello, che però ha lasciato sul campo imprese che sono fallite, altre in amministrazione controllata, e anche qui persone e aziende rovinate economicamente e lavoratori in mezzo ad una strada, oltre a famiglie che avevano comprato la prima casa e che non la hanno potuta abitare per anni, con costi aggiuntivi per i bilanci familiari. E non parlo dei 27 processi a mio carico e delle altrettante assoluzioni!

E adesso? possibile che solo io ho il coraggio di denunciare queste cose? Possibile che il Consiglio Superiore della Magistratura non prenda provvedimenti? Possibile che chi ha indagato ed emesso sentenze preventive ( e non si tratta di un singolo Magistrato ma di un pool con un “cervello” a capo di tutto, per fortuna oggi non più in grado di “fare” danni) con sequestri su cose rivelatesi infondate continui bellamente a fare lo stesso lavoro, e possa mettere a rischio altre imprese? Perché ora le scuse, che non arriveranno, non bastano più…qui ci sono gravi responsabilità civili ed economiche… Mi aspetto che ora la Procura apra una indagine su chi ha permesso, voluto e scientemente programmato questo danno economico a imprese, lavoratori e cittadini. Oggi le scuse non bastano più!

Marco Melgrati, Alassio, 06.07.2016

 

 

Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Archivio Articoli

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su “accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi