Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

E ‘nicchia’ grotte di Toirano: le più visitate d’Italia. Oggi se ne parla poco e affinano uno spumante metodo classico

Era il 21 agosto 2015 e l’autorevole quotidiano della Confindustria (Il Sole 24 Ore, all’epoca 215 mila copie) dedicava una pagina alle ‘nicchie di successo’. Il turismo speleologico “che gode di ottima salute’. Il flusso annuo è pari a 1,5 milioni di persone. Nella graduatoria  delle 10 grotte più visitate d’Italia al primo posto figurava Toirano con  79.001 visitatori.

Mentre La Stampa, edizione ligure, stesso mese e stesso anno, indicava quota 110 mila. E ricordava  la ‘grotta più spettacolare, nota sin dal secolo scorso grazie alle esplorazioni dello studioso don Nicolò Morelli, canonico di Pietra Ligure, trovò rifugio per millenni l’orso delle caverne (ursus spelaeus). Nei tunnel le testimonianze del passaggio  dell’uomo di Neanderthal circa 25 mila anni fa; ci sono impronte di piedi, mani e ginocchia.

Il Sole 24 Ore, quotidiano del mondo finanziario, delle industrie , di aziende grandi e piccole, di professionisti del settore, diffuso in edicola ed abbonamento non solo in Italia, a cominciare dalle ambasciate e consolati. Le grotte un’importante e solida attrattiva per l’intero comprensorio (ma anche per la Liguria di ponente in particolare) di cui se ne parla davvero poco nel contesto turistico. A cominciare dai comunicati della Regione e dei Comuni rivieraschi.

Nell’articolo del Sole 24 Ore si leggeva inoltre: “Il Bel Paese è ricco di attrattori per questa particolarissima nicchia di mercato….Un movimento che genera occupazione  se ci considerano i circa  mille addetti  nelle 52 grotte visitabili e che a vario titolo  lavorano per assicurare  la fruibilità e che per l’estate rappresentano, nei pressi delle località di mare,  un’importante riserva di visitatori, mentre per le scuole l’alta stagione è la primavera. la componente dei turisti stranieri si aggira intorno al 30 % degli arrivi annui.  La qualità dei servizi offerti è estremamente variabile nel bene e nel male.  proprio da un’esigenza di razionalizzazione  dell’offerta, nel ’94 è nata l’Agti, associazione di categoria  che per ora riunisce le 21 principali  grotte turistiche italiane”. E ancora si leggeva: “Sono in corso contatti con l’Enit per promuovere il sistema grotte turistiche  all’estero  e stanno diventando sempre più proficui i rapporti con la Società Speleologica Italiana  per capitalizzare il valore scientifico  dell’esperienza della visita. Anche per le grotte insomma, non è più tempo per muoversi in ordine sparo”. E tra le 10 grotte più visitate, Il Sole 24 Ore (come documenta il grafico) il sesto posto era occupato dalle Grotte di Borgio Verezzi con 20.678 visitatori.

Non abbiamo altra rassegna stampa nazionale per sapere quali passi avanti concreti sono stati fatti.  Certamente il ‘patrimonio grotte’ merita più promozione da parte della Regione Liguria, anche attraverso l’organizzazione di eventi non solo occasionali. Il primato nazionale di Toirano è gratificante  e gli stessi comuni del comprensorio, operatori turistici inclusi, esperti del settore social, hanno tutto l’interesse a svolgere un ruolo attivo e promozionale. dare nuovi impulsi.

Dal sito internet ufficiale ‘Le grotte di Toirano‘. Vivi TOIRANO: un’esperienza turistica a 360 gradi, tra grotte naturali con antiche tracce dell’uomo preistorico, lo splendido …A CAUSA DI LAVORI IMPREVISTI E URGENTI, da martedì 25 ottobre 2022 e fino a data da destinarsi, ITINERARIO DI VISITA PARZIALE (solo Grotta della Bàsura).  A chi chiede per quanto tempo dureranno i lavori l’ente grotte risponde:  Ancora non sappiamo. Appena avremo una data la comunicheremo qui e sul nostro sito toiranogrotte.it

Il loro ufficiale delle Grotte di Toirano

Biglietto INTERO € 7,00 (anziché 15,00), Biglietto RIDOTTO € 5,00 (anzinchè 7,00), TARIFFE D’INGRESSO: Biglietto intero : € 15,00
Ridotto Ragazzi (5 – 18 anni): € 7,00. Ridotto Famiglie (con oltre un figlio tra 5 e 14 anni): € 5,00 ogni bambino. Gruppi scolastici: € 7,00
Gruppi prenotati (Oltre 20 paganti) : € 12,00. Il biglietto delle Grotte consente la visita gratuita del Museo Etnografico di Toirano. Consente inoltre la riduzione sulla tariffa d’ingresso di tutte le Grotte Italiane del Circuito AGTI e del Museo Archeologico del Finale Ligure.

Il 19 settembre 2022 il sito Regione Liguria Grotte di Toirano scriveva: Quest’anno le Grotte di Toirano partecipano alle Giornate Europee del Patrimonio (European Heritage Days), la più estesa e partecipata manifestazione culturale d’Europa, con l’apertura straordinaria della GROTTA SANTUARIO DI SANTA LUCIA SUPERIORE..

Da TripAdvisor- Il complesso delle grotte di Toirano è una delle maggiori attrazioni turistiche della Liguria ed è costituito dalle cavità naturali della Basura e di S. Lucia Inferiore. La Grotta della Basura (Strega in italiano), scoperta nel 1950, è caratterizzata dalla presenza di impronte di uomini del Paleolitico superiore e di importanti reperti paleontologici costituiti soprattutto da ossa di «Ursus Spelaeus». Le ossa di questi plantigradi, tipici della fauna del Pleistocene e frequentatori della grotta durante il letargo invernale, sono tuttora visibili nel «Cimitero degli orsi» (età circa 30.000 anni). Le orme di piedi, mani e ginocchia dell’Homo Sapiens Sapiens sono concrezionate nell’argilla del «Corridoio delle impronte» (età circa 12.000 anni). Le sale della grotta sono caratterizzate dalla varietà delle tipiche stalattiti e stalagmiti diverse per forme e grandezza e dalle particolari concrezioni «mammellonari». Particolarmente suggestiva la parte terminale, un tempo sommersa, nella quale si possono ammirare singolarissime concrezioni tondeggianti interamente rivestite da uno strato uniforme di colore giallo chiaro costituito da minuti cristalli di calcite. Nella Grotta di S. Lucia Inferiore, scoperta nel 1960, le formazioni calcaree e le pareti delle ampie sale sono ricoperte dai fiori di calcite e da finissimi cristalli di aragonite. Le due grotte, comunicanti mediante un traforo artificiale, sono lunghe circa 1300 metri e visitabili in 70 minuti. Orari: Le escursioni guidate si effettuano dalle ore 9.30 alle 12.30 e dalle 14 alle 17.

Si legge sulla pagina facebook del 2 novembre 2022. Umidità al 90%, 15 gradi, ambiente buio e silenzioso: questi sono gli ingredienti principali per affinare uno spumante metodo classico a Toirano
Proprio nelle sue grotte ricche di stalattiti e stalagmiti, dal 2011 maturano in apposite casse gli spumanti Durin. L’idea è nata nel 2007, nel tentativo di trovare un posto tranquillo e fresco in cui far maturare questi vini. Il risultato? Un vino espressione del territorio sia nei suoi profumi di Liguria che nella bollicina setosa maturata nella calma delle grotte preistoriche

 

ARTICOLO DEL SECOLO XIX EDIZIONE DI SAVONA DEL 15 OTTOBRE 2022

Avatar

Trucioli

Torna in alto