Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Finale Ligure: hotel Regina, Plaza e Il Covo trasformati in seconde case. La Regione: il turismo traina l’occupazione +16,7%

Era il 19 aprile 2017. Il Secolo XIX titolava: “L’hotel Regina salva le stelle e punta tutto sullo sport. Dopo l’estate via ai lavori di rilancio”. Il 2 settembre 2022 invece: Hotel Regina, Plaza di Varigotti e ex Covo riconvertiti in appartamenti. L’onda lunga delle riconversioni in seconde case non si arresta neppure nella turistica capitale dell’outdoor ligure.

E per restare nell’anno 2017 un altro titolo del Secolo XIX dava notizia di “una raccolta firme per regalare a Finale un nuovo cinema. Nel 1047 erano 14 le strutture”. Si dava conto che “Aycardi è in ristrutturazione; troppe spese per adeguare l’ex Angelicum“.

Mentre SavonaNews nel gennaio 2018 riportava: “Riaprirà dopo molti anni lo storico “Ondina”, sulle cui poltrone tante generazioni di finalesi hanno vissuto l’epopea della “settima arte”. E rinasce grazie a una petizione popolare”. Invece: né Ondina, né Angelicum sono stati riaperti. Quest’ultimo a volte venne utilizzato per riunioni su problemi del Rione di Finalpia.

DAL SECOLO XIX DEL 2 SETTEMBRE 2022

Le domande sono in fase di istruttoria. Il Covo, ex Marinella, fu un luogo simbolo della riviera degli anni ’70 ’80: ha chiuso per via della pandemia. Ex Covo e Hotel Regina riconvertiti in appartamenti.
Silvia Andreetto / Finale Sono in fase d’istruttoria, in attesa di integrazioni, richieste dall’Urbanistica del comune di Finale, le domande per la demolizione e la ricostruzione dell’edificio che ospitava l’ex discoteca Il Covo, affacciato sul porto turistico di Capo San Donato, con cambio di destinazione d’uso in residenziale, attuando il Piano Casa, così come quella di riconversione dell’ex Hotel Regina, vicino alla stazione ferroviaria di Finalmarina.
La suggestiva immagine da facebook: “Finale ligure. Il Covo Music Café… tutto pronto Beach Party”

Con la riconversione in alloggi dell’ex Covo, il locale che venne aperto come dancing Marinella da Pier Carlo Ghigliazza, alla fine degli anni ’50, epoca d’oro per i locali da ballo, calerà definitivamente il sipario su uno dei tanti locali storici che hanno ospitato artisti di fama nazionale e internazionale che si esibivano in Riviera. Negli anni ’70 il Marinella, gestito sapientemente da Santiago Podestà, detto Nenne, diventò Il Covo e per più di 30 anni è stato uno dei locali più gettonati da giovani e meno giovani. Agli inizi degli anni 2000, dopo alcuni anni di chiusura, riaprì come Baia delle Stelle e, dal 2009 al 2012, fu lo staff dello Sporting Club di San Bernardino, altro locale storico in Riviera, a gestirlo, per poi passare di mano ai giovani Andrea Gallo e Andrea Scarsi, dal 2017 al 2020 che, alla discoteca, avevano aggiunto anche il servizio ristorante e bar.

L’ex hotel Plaza di Varigotti trasformato in alloggi

La pandemia ha portato alla chiusura definitiva e la struttura, situata in una posizione mozzafiato, è in stato di abbandono. Anche per l’ex Hotel Regina, situato in una posizione centralissima, vicino alla stazione ferroviaria di Marina, e per il quale si era presentata l’ipotesi di una ristrutturazione, col mantenimento della destinazione alberghiera per un’offerta legata all’outdoor, si prospetta la trasformazione in alloggi.

Non diverso il destino dell’ex hotel Plaza, a Varigotti, a due passi dal mare, per cui la proposta dei nuovi proprietari torinesi e assidui frequentatori del borgo saraceno di trasformazione in residenziale ha già ottenuto l’autorizzazione paesaggistica.
ARTICOLI DEL SECOLO XIX

DA REGIONE LIGURIA 13 SETTEMBRE 2022- LAVORO, CRESCE DEL 5,1 % L’OCCUPAZIONE IN LIGURIA NEL SECONDO TRIMESTRE 2022. CALA DEL 15,3% LA DISOCCUPAZIONE. COMMERCIO E TURISMO TRAINANO: IL SETTORE AL +16,7%

GENOVA. Cresce del 5,1% l’occupazione in Liguria nel secondo trimestre 2022 rispetto allo stesso periodo del 2021: gli occupati nella nostra regione passano infatti da 595.226 a 625.790, con un incremento di oltre 30mila unità. Liguria che fa meglio della media nazionale, che vede una crescita del 3%, e anche del nord ovest, che registra una crescita del 2,7 % nello stesso periodo dell’anno.
“Numeri che confermano ancora una volta come la Liguria si sia definitivamente rilanciata e sia ripartita dopo i lunghi, complessi mesi che abbiamo vissuto a causa dalla pandemia – commenta il presidente della Regione Liguria – In particolare fanno da traino nel secondo trimestre 2022 i settori del commercio, della ristorazione e quello alberghiero, con un +16,7% di occupazione e più di 20mila occupati in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, a conferma di come il settore ricettivo sia strategico nel panorama economico regionale, e di come il turismo rappresenti una straordinaria opportunità di crescita e sviluppo per la nostra regione”.
In Liguria cala anche la disoccupazione, che nel secondo trimestre 2022 vede una discesa del 15,3% rispetto al secondo trimestre 2021, con 8.702 disoccupati in meno: si tratta di un dato in linea con la media italiana, ma migliore di quanto faccia registrare il nord ovest, area in cui la disoccupazione scende del 14,5%. Scende anche il numero totale degli inattivi, che passa da circa 679mila del secondo trimestre 2021 ai 657mila dello stesso periodo di quest’anno.

 

Avatar

Trucioli

Torna in alto