Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Borghetto S. Spirito, a chi non fa paura Rio Armussi? Nel corso d’acqua realizzata anni fa via Juvarra. I soldi per messa in sicurezza non utilizzati? 2/Nominato Cda Servizi Ambientali

A chi non fa paura rio Armussi a Borghetto S. Spirito? E chi dovrebbe assumersi la responsabilità di danni a terzi (non pensiamo a sciagure peggiori) anche se un cartello bene in vista segnala in italiano e inglese “zona soggetta ad allagamenti in caso di forti piogge”. Trucioli.it oltre un anno fa aveva scattato numerose foto dell’area che oggi proponiamo, con due scatti più recenti. Diciamo subito che nulla è cambiato dal 2014. Il sindaco spiega.

di Luciano Corrado

Via Juvarra è il letto (asfaltato) e sopraelevato (rispetto al livello originario) del rio Armussi, non una strada vera e propria e i rischi per le forti ondate di maltempo sono aumentati. Il rio scende dal monte Piccaro e quando attraversa la via provinciale risulta intubato in maniera insufficiente, con gli allagamenti del centro cittadino. …La zona è soggetta ad allagamenti in caso di piogge intense, con conseguenti esondazioni su terreni e proprietà agricole: proprio i danni del novembre 2014 avevano determinato il contenzioso oggetto di una sentenza di condanna del Comune a risarcire un privato agricoltore”. Così l’ex caprogupppo di opposizione e già candidato sindaco Giancarlo Maritano dichiarava il 14 e 27 luglio 2021 a Ivg.it..

Via Juvarra tratto iniziale dopo la strada provinciale

E ancora Maritano: “Sull’area di via Juvarra e la necessaria azione di messa in sicurezza e bonifica, sulla quale avevo già sollecitato, ecco la sentenza del Tribunale sul contenzioso tra il Comune e i privati con l’amministrazione comunale “obbligata” ad intervenire secondo quanto stabilito dal giudice. Ma non solo: considerato che la sentenza risale a fine 2020, si dovrà discutere nel prossimo Consiglio comunale di un debito fuori bilancio pari a 15 mila euro, ovvero la cifra stabilita per il pagamento del Ctu – il consulente tecnico -, che ha svolto la perizia sull’area di Borghetto nell’ambito dell’iter giudiziario che era stato avviato”.

Trucioli.it avrebbe dovuto pubblicare (ad di là del responso nel contenzioso in Tribunale delle Acque di Torino e cosa che aveva fatto  (vedi causa da scandalo il 4 novembre 2021…..) un documentato servizio fotografico. L’ho fa solo ora purtroppo con scusanti. Spesso o quasi sempre le immagini sono lo specchio della realtà più di tante parole e cronache.

Allora avevamo interpellato il cittadino coltivatore diretto che con la sua famiglia aveva dovuto intraprendere la causa legale. Gianni Michelini ricordava un incontro con la prima giunta del sindaco Giancarlo Canepa.  Dai nostri appunti. “C’era allora in Liguria una disponibilità di finanziamenti ma se ne sono spesi molto pochi per la messa in sicurezza…”. E a quanto pare mancava in Comune la struttura tecnica in grado di mettere a punto i progetti più rilevanti. Utile ricordarlo, rio Armussi è secolare e ‘attraversa’ anche la strada provinciale per Toirano-Bardineto, da qui il coinvolgimento della Provincia che in tanti anni non vedeva nulla. Si sono alternati quattro presidenti. Si aggiunga che ‘sotto l’asfalto’ e nel rio hanno trovato sede l’alta tensione (elettrica), l’acquedotto e la ‘fibbra ottica’. E forse altro ancora. Gli anni interessati dai lavori di copertura e di realizzazione della strada (via Juvarra) erano quelli del sindaco ing. Franco Malpangotto (in carica dal 1997 al 2007) e capo dell’Ufficio Tecnico  c’è stato pure il geom. Luigi De Vincenzi (attuale sindaco di Pietra Ligure ed ex consigliere regionale). L’area urbanizzata con Palazzoni e palazzi si tradusse nella ‘trasformazione’ del rio in via Juvarra e con tanto di asfaltatura. C’è chi ricorda benissimo la notte dell’alluvione del 2014, l’esondazione, l’allarme, le auto in sosta, l’allagamento torrentizio della via e di una vasta area che ancora oggi è coltivata in parte a carciofi e in parte ad ‘erbetta’(bietole). La corsa, quella brutta notte, a posare sacchi di sabbia, soprattutto davanti alla villa di un tecnico comunale. Mobilitazione della protezione civile.

C’è chi ricorda che uno dei consulenti, un geologo di Ceriale, rimase allibito rendendosi conto de visu della sconcertante situazione venutasi a creare dentro e fuori il piccolo corso d’acqua. Come si era potuti arrivare a tanta avventatezza? Non è compito di un giornalista andare alla ricerca di responsabilità e colpevoli, delle possibili omissioni. Non sappiamo quale credibilità abbia chi propone soluzioni ipotizzabili, due in particolare: deviare il rio nei tratti dietro via Juvarra (lato monte) o riportarlo nella sua sede originaria, arginarlo, deviarndo la strada in terreni da anni abbandonati e di proprietà dei Vacca-Cappelluto che però non erano d’accordo. E ancora, nell’area è presente un grande magazzino del Comune, quasi completamente inutilizzato e che si sarebbe dovuto mettere in vendita realizzando denaro da investire in ‘sicurezza idraulica’.

Il problema che oggi si pone è fare presto, non perdere neppure un giorno utile e più avanti riportiamo una dichiarazione lampo richiesta al sindaco Canepa. Una cosa appare certa: di Rio Armussi e via Juvarra non si è fatto cenno, almeno che ci sia sfuggito, nel corso della recente campagna elettorale per le comunali. Non già polemizzare ma fare proposte e prendere impegni concreti di fronte ai cittadini. C’è stato  un confronto pubblico tra i due candidati sindaci non proprio

Sono ancora opresenti alcuni sacchi di sabbia antiallagamenti

esaltante, si aggiunga che dalla platea e dai ‘moderatori’ giornalisti neppure una domanda sull’argomento sicurezza di Rio Armussi. E non solo quello sul fronte idrogeologico. Siamo davanti ad una situazione davvero grottesca e accade nella città ‘regina’ di seconde case in Liguria, cemento che più di così non si può. E migliaia di mq. di terreni abbandonati ed un tempo coltivati. E altri saranno ‘consumati’ dalla ferrovia e stazione comprensoriale, e ancora dalla Borghetto (o Albenga)- Altare – Predosa.

Di recente a trucioli.it è stata segnalata un altra ‘perla’, se le cose stanno così. Ovvero mentre la Riviera e l’entroterra erano alle prese con l’allarme carenza idrica e siccità storica e anche a Borghetto erano state prese misure ‘antispreco’ e di ‘risparmio’, ebbene le due grandi vasche di raccolta nella parte alta di Pineland , realizzate parrebbe a scomputo di oneri di urbanizzazione dell’imprenditore Brizzi, da mesi avrebbero consistenti perdite, al punto da allagare terreni sottostanti. Aggiungiamo che, in questo caso, la competenza è della Servizi Ambientali Spa. 

I campi a coltura allagati e danneggiati gravemente nel 2014 per straripamento rio Armussi

Tornando a Rio Armussi resta inspiegabile, a meno che tutti i protagonisti di allora non abbiano da chiarire e precisare, come negli anni di edilizia ‘selvaggia’ si sia potuto arrivare a tanto e perchè nel silenzio della piazza e ci si sia svegliati con strepitoso ritardo, maggioranza e minoranza. Si fanno nomi di costruttori non più in vita, ma difficile immaginare, tra gli ultimi agricoltori della zona, non ci sia chi ha vissuto giorno dopo giorno il ‘grande pasticcio‘, anzi come si è consumato nel tempo lo ‘scandalo’ nell’impotenza del Comune. Come ignoriamo se siano seguite segnalazioni, esposti, inchieste della magistratura e di organi competenti.

A domanda risponde a stretto giro il sindaco Canepa: “La Provincia si è assunta l’onere di sostenere la progettazione e di farsi parte attiva, unitamente al Comune, con la Regione Liguria. Il rio Armussi attraversa la strada provinciale e sicuramente in modo non adeguato. Abbiamo iniziato un’interlocuzione per iniziare l’iter dello studio idraulico, propedeutico ad ogni futura progettazione. Noi abbiamo dato incarico, a spese del Comune, a un professionista per i rilievi e non appena li

Il capannone del Comune in via Juvarra

avremo li trasmetteremo alla Provincia per il proseguo dell’iter progettuale stesso. Purtroppo una volta capitava anche questo, che un rio venisse trasformato in strada! Mi dicono che soprattutto a Genova ci siano numerosi altri casi, non per questo mal comune è mezzo gaudio. Sicuramente il ripristino sarà un’opera particolarmente onerosa, basti pensare che sulla provinciale sarà quasi sicuramente necessario realizzare un ponte rialzato nel punto in cui attraversa il rio”. Prevenzione prima che sia troppo tardi.

Luciano Corrado

LO STATO DI RIO ARMUSSI IERI NOVEMBRE 2021 COPERTO DA ARBUSTI

Si noti che nei letto dei rio sono presenti dei chiusini dove passano alta tensione ecc

E LE IMMAGINI DEI RIO DEI NOSTRI GIORNI (LUGLIO 2022)

ARBUSTI E STERPAGLIE PIU’ VIGOROSE  E INVADENTI DI UN ANNO FA

SERVIZI AMBIENTALI SPA, ASSEMBLEA DEI SOCI APPROVA BILANCIO E RINNOVA LE CARICHE. IL CDA PASSA DA 5 A 3 COMPONENTI 

COMUNICATO – Nella mattinata di mercoledì, l’assemblea dei soci di Servizi Ambientali Spa ha approvato il bilancio 2021 e provveduto a rinnovare le cariche sociali. Dopo due esercizi finanziari consecutivi in cui si registravano perdite di circa mezzo milione di euro, il bilancio 2021 è stato chiuso in positivo seppur di soli 15.000 €.
“Esprimiamo grande soddisfazione per l’operato del CdA – dichiarano il sindaco di Loano Luca Lettieri e il sindaco di Borghetto Giancarlo Canepa, soci detentori delle quote maggioritarie di Servizi Ambientali. Il cambio di passo è stato evidente, grazie a interventi incisivi e strutturali  si è riusciti a invertire la tendenza negativa del recente passato e il miglioramento è confermato anche dal buon andamento della semestrale di bilancio che vede utili per circa 45.000 €, ciò consentirà di avere gli strumenti necessari per perseguire nel miglior modo possibile gli obiettivi strategici della società.”
I due soci di maggioranza, in ossequio a quanto previsto dalla normativa sulle società a partecipazione pubblica e con l’intento di avere un CdA il più possibile “snello” e operativo e con l’indirizzo di procedere il più speditamente possibile verso il processo di fusione in APS gestore unico pubblico del servizio idrico integrato, hanno proposto e deliberato di diminuire il numero dei componenti del Consiglio di Amministrazione da 5 a 3.
Sono quindi stati riconfermati nei ruoli l’Amministratore Delegato Giovanni Bollorino, il Presidente Barbara Balbo e il vice Presidente Santiago Vacca.
Il nuovo Collegio Sindacale sarà composto dal Presidente Dott. Roberto Moreno, dalla Dott.ssa Marisa Garassini e dal Dott. Emanuele Garozzo. Revisore dei Conti è stato nominato il Dott. Angelo Galleano. “Oltre ad augurare buon lavoro ai nuovi organi sociali – concludono Lettieri e Canepa – un doveroso ringraziamento per il prezioso lavoro svolto in questi anni va rivolto al Dott. Silvano Montaldo e al Dott. Giovanni Battista Raggi rispettivamente presidente e membro del Collegio Sindacale uscente, alla Dott.ssa Luana Dimani Revisore dei Conti uscente e alla Dott.ssa Elena Bergallo consigliere uscente.”

 

 

 

L.Corrado

L.Corrado

Torna in alto