Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Rezzo, colpo di fulmine. Venduta l’Azienda Agricola di Saltarini Barbara. La pastorella più popolare del ponente con caseificio e agriturismo. A ottobre entrano 2 giovani amici di Sanremo

Barbara Saltarini il 21 febbraio 2021: “Orgogliosa di essere agricola, mi accontento di poco…basta un po di paglia e le mie caprette per rendermi felice…la mia vita è questa …”. Lei, la pastorella più popolare della Liguria e nel ponente: ammirata e benvoluta. Sacrifici, olio di gomito, genialità, intraprendenza, nuovi traguardi, di casa ai ‘mercatini’. E ora a Rezzo non si parla d’altro. “Barbara ha venduto, a dicembre entrano quattro giovani amici di Sanremo”.ULTIMA ORA- Trucioli.it è stato contattato da Barbara che ha confermato l’operazione di vendita ai due giovani di Sanremo (non a 4) con preziosa esperienza del mestiere in Trentino e che proseguiranno, già da ottobre, con lo spirito e la tradizione di quanto creato fino ad oggi.

“Mi hanno chiamato molti giornalisti/e che sono anche miei clienti – ha aggiunto con la abituale gentilezza la pastorella- per chiedermi conferma o meno. Avrei preferito essere io a divulgare la notizia in modo da evitare ogni fraintendimento. Non vendo per andare in ferie ma per assistere i miei genitori e con la certezza che gli acquirenti non deluderanno le attese. Già ora collaborano con me ai ‘mercatini’ e non posso che parlarne bene. Lascio, pur con nostalgia, in buone mani. In passato ho rifiutato altre offerte perché volevano realizzare progetti  che non condivido”.

di Luciano Corrado

Gli auguri pasquali di Barbara Saltarini

Finalmente potrà prendersi le agognate ferie. Scorrendo la sua ricchissima produzione Facebook una foto la mostra in vacanza in Egitto (2003) con un’amica. Barbara eccentrico personaggio di montagna che ha avuto come suo principale hobby (dopo le dure e lunghe giornate lavorative) il ballo; una brava ballerina, un sano divertimento. E poi la passione per la chitarra. Lei che ha saputo abbracciare un mestiere che ha fatto la storia dei nostri avi, delle nostre origini, delle nostre care montagne.

Pastori e pastorelle, tornati alla ribalta con la riscoperta mediatica della transumanza, ma che in realtà nascondono, raccontano di una vita senza giorni di festa, ferie, dall’alba al tramonto,  con brutto o bel tempo, neve,  freddo, pioggia e persino tanta, tanta burocrazia. Certamente tutto diventa meno pesante e monotono quando c’è la passione e l’amore per il creato e la fede come nel caso di Barbara.

Un’enidita Barbara pastorella alla chitarra

Barbara Saltarini è anche tra le pie devote dello storico Santuario della Madonna Bambina. Devozione e promozione commerciale si uniscono quando si legge: “Formaggi del Santuario di Rezzo”. “Agriturismo del Santuario”. Al punto da aver creato il motto: “…Il caseificio al santuario di Rezzo…”. Tante specialità genuine e leccornie come il formaggio  con le ciliegie del Bosco di Rezzo dotato di un’ antichissima nomea, una storia racchiusa nelle due ultime “Grandi guerre”. Qui si nascondevano i partigiani, i tedeschi, i san Marchi, ma non solo. Ci furono eccidi, esecuzioni, impiccagioni.

Ai nostri giorni non si possono contare le centinaia di videate, immagini,  messaggi web di complimenti ed ammirazione nel sito Facebook di Barbara.  Gli elogi. “Bravissima Barbara, sei insuperabile, complimenti davvero meritati.”  E una dote di ben 4.342 ‘amici’  offre un altro primato  e spaccato nel  mondo della pastorizia ligure.

Si è guadagnata il nomignolo “Barbara delle capre” con i pregiati formaggi….lo squacquarone di capra,  yogurt di capra, ma anche salame naturale capra & suino. Lei che ha trovato modo, con il suo gregge, di produrre latte tutto l’anno e postare: “Cari amici e amiche la produzione va a gonfie vele”.

Difficile che Barbara ‘saltasse’ qualche mercatino o ‘festa culinaria’ lungo la Riviera ponentina e località dell’entroterra che ospitano manifestazioni di enogastronomia. A Olioliva derubata in due edizioni, con tanto di agendina telefonica e di prenotazioni per Capodanno. Un appello sui social, due mezze pagine di ‘pubblicità’ su Secolo XIX e Stampa. Poteva anche capitare di leggere “Barbara vende 10 capre sane, 1 anno di allevamento”. 

E il 23 agosto 2012 un’altra bellissima notizia per la ‘vulcanica’ cittadina di Rezzo: “Al Santuario di Rezzo è nato l’agriturismo della pastorella”. Un menù sempre ricco ed abbondante, dai 25 al 30 euro, tutto compreso. Tante le specialità, dalle lumache preparate e cotte all’antica maniera, alle tagliatelle tagliate col coltello e alle ortiche, piatti gustosi e saporiti delle nostre nonne, si direbbe. Ormai così raramente da gustare e con le giovani generazioni che non hanno più avuto questa ‘fortuna’.

Non si contano, sempre nel mondo social, i giudizi positivi: “Abbiamo mangiato benissimo“. E che dire di quelle foto così suggestive di innegabile pathos, Barbara e la giovane stagista, oppure del papà, maestro in pensione, che “assomiglia proprio a Bruno Lauzi“.

L’amato e simpatico papà Saltarini

 

Barbara Saltarini buona e dolce, allegra ed altruista, professionale, riflessiva ma pure impulsiva, sempre attenta a fare un passo avanti e che sa tirare fuori le ‘unghie’, in senso figurato, quando è il caso.

Pubblicava trucioli.it il 26 agosto 2012: La pastora di Rezzo, Barbara Saltarini, non ha bisogno di presentazioni. E’ ormai un personaggio conosciutissimo anche oltre i confini del ponente ligure e internet testimonia fin dove è arrivata. Da pastorella con 15 caprette, a produttrice di formaggi e da qualche mese titolare di un accogliente agriturismo. E subito uno strepitoso successo di clienti e di apprezzamenti, elogi. Col tutto esaurito. Il sogno di Barbara che il 4 settembre del 2011 ha visto l’inaugurazione ufficiale del piccolo caseificio (VEDI…….)– presente  il presidente della Regione Claudio Burlando – . La gioia di far arrivare quassù il turista che sa apprezzare la genuinità e i prodotti della montagna ligure…Spesso fa notizia, alla stregua della bella favola, questo o quel ritorno alla pastorizia di giovani single. E di Barbara Saltarini capace di imprenditorialità, ottima press Agent di se stessa (vedi…..).

Barbara nella stalla con una giovane stagista

Eccola il 3 luglio 2022- “PER VENDERE TUTTI FENOMENI , PER DARTI ASSISTENZA NON ESISTONO. ..15 GIORNI MACCHINA DEL GELATO FERMA PER SOSTITUIRE UN PEZZO ROTTO E ANCORA TUTTO TACE…SONO MORTIFICATA ,LA GENTE FA TANTA STRADA PER ARRIVARE DA ME A GUSTARSI IL GELATO AL LATTE DI CAPRA E SI SENTE DIRE MACCHINA NON FUNZIONA..PERDONATEMI,MA NON DIPENDE DA ME ….

Oppure quando ha accompagnato papà al Pronto Soccorso di Imperia….”Se non hai un santo in paradiso…se non hai conoscenze….ma io non mi rassegno, spero solo che tutto si concluda bene, altrimenti…..”.

Chi può immaginare il ‘Santuario di Rezzo’ ( Barbara non dimenticava mai di ricordare che ‘é aperto‘) orfano di una pastorella destinata a passare agli annali di storia locale, delle nostre vallate, dei nostri cari monti. Il suo insegnamento è che non bisogna solo invitare a “tirarsi su le maniche e fare”, serve il buon esempio, la coerenza e rispettare impegni e promesse, non vendere illusioni, ricordarsi soprattutto di chi è meno fortunato, colpito da una crisi economica che viene da lontano e continua a fare danni. Chi vive lo spopolamento e l’ha vissuto sulla propria pelle non merita, chi resiste nonostante tutto, non merita ‘venditori di fumo’ e giullari dell’informazione.

Nel suggestivo scenario del Santuario di rezzo non poteva mancare l’esibizione di un esemplare di gallo

Barbara assurta a ‘pastorella diva’  delle Alpi Liguri che i politici di professione e non continuano a descrivere come gli “angoli di Liguria più belli al mondo” che però necessitano di concrete sinergie, un tutt’uno con la opulenta fascia costiera, con le onde del mare che baciano e accarezzano la sabbia dorata, il profumo di salsedine. Ecco sarebbe davvero interessante, dopo il suo addio alle stalle, alle sue creature, ascoltare una lezione di vita proprio da lei. Barbara l’ultima pastorella che aveva realizzato un sogno. E ora potrà sempre sognare: “Io c’ero...” Luciano Corrado

Le capre dellallevamento di Barbara

E RAI 3 A Cenova il paese  della Pietra (Rai3 Liguria itinerante del 2 luglio…..).

E Ivg.it il giornale on line più diffuso in provincia di Savona annuncia: Sciacaré (accento sbagliato secondo uno studioso vedi lettere a Trucioli.it) arriva a Rezzo: trekking e mTB, escursioni e cultura, sabato e domenica 9 e 10 giugno….(vedi….) Con un ‘informazione pubblicitaria da notizie del territorio’ a pagamento. Ovvero pagano con i soldi dei cittadini contribuenti (2 mila euro ?).

ARTICOLO DEL SECOLO XIX  DEL 3 MAGGIO 2022 A FIRMA DI MILENA ARNALDI INFATICABILE ANNUNCIATRICE DEL RILANCIO DELLA MONTAGNA E DELLA VALLATE IMPERIESI.  LA GIORNALISTA IMPERIESE DEL SECOLO XIX OSPITE D’ONORE SABATO 9 LUGLIO AL Parco della Pagoda
Presentazione del volume “111 Luoghi della Riviera dei Fiori che devi proprio scoprire” (Emons libri & audiolibri), di Alessandra Chiappori, Stefano Ascheri. Presenta Milena Arnaldi, giornalista.

 

L.Corrado

L.Corrado

Torna in alto