Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Savona, ‘tappo’ ponte sul Letimbro. Da decenni inerzia del Comune. Allargare di 4 metri alveo. Leggi: Comitato S. Paolo ringrazia l’ex sindaca

Il ponte sul Letimbro a Santuario, ogni volta che piove con una certa intensità, esercita la sua funzione di “tappo” contro il quale si vanno ad accatastarsi tronchi che poi formeranno una bella diga.

di Paolo Forzano

Sono decenni che si va avanti così, ma questo non giustifica minimamente l’inerzia politica comunale, che non ha mai deciso di intervenire, anzi.
Intanto 40 metri a monte del ponte la larghezza dell’alveo è largo 19 metri, poco più all’altezza del ponte, ed appena a valle passa a 27 metri.
Il ponte è costituito da due archi che sorreggono la carreggiata, e quindi la sezione utile al deflusso dell’acqua ne è fortemente limitata.
L’appoggio centrale, inoltre, è un ostacolo per i tronchi che vanno a sbattervi contro e ad accatastarsi, ma
quando il livello dell’acqua aumenta ed arriva quasi in cima all’arco, l’effetto “tappo” aumenta considerevolmente, perchè i tronchi che galleggiano si accatastano ancor più facilmente.
Una domanda semplice, semplice: si può fare qualcosa?
Io penso proprio di sì!
Una soluzione?
Allargare l’alveo a monte di 4 metri.
Per fare questo è necessario deviare una strada che scorre accanto all’argine.
Occorre demolire il ponte ad archi e costruirne uno ad una sola campata più largo possibile: 4 metri in più almeno.
E per finire migliorare l’ingresso nel fiume del rivo laterale che si immette appena in adiacenza del ponte, lato mare.
La sezione libera di passeggio sarebbe decisamente più grande, e sopratutto non ci sarebbero più gli ostacoli degli archi del ponte.
Paolo Forzano
SAVONA: Al termine della campagna elettorale , in considerazione della apartiticità statutaria del Comitato, il Direttivo desidera ringraziare  l’avv. Ilaria Caprioglio, sindaco di Savona uscente, per l’impegno profuso in questi difficili anni da Lei  e da tutto il  Consiglio comunale a favore dell’Ospedale San Paolo.
Alla sua attenzione quotidiana ai problemi del nostro nosocomio ha corrisposto una serie di atti formali  proposti di volta in volta sia dalla maggioranza che dall’opposizione votati all’unanimità dall’Assemblea.
Assoluta novità dell’istituzione comunale savonese.
Fra le enormi difficoltà e fra tante iniziative intraprese a tutti note e descritte in parte nel nostro sito  ci piace ricordare,  oltre la battaglia per il centro ictus e l’angiografo multidisciplinare, unitamente ai 26 sindaci del comprensorio, la breast unit e il salvataggio della struttura complessa chirurgia della mano che la  hanno trovata risoluta nel convincere la Regione.
Avatar

P. Forzano

Torna in alto