Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Loano, Lettieri fans: Sarà il migliore sindaco della storia. Il rilancio? Un hotel 5 stelle lusso. Il don da Alassio: Siamo con te

Il loanese elettore Eros Apolloni non ha dubbi e scrive su Facebook: “Luca Lettieri sarà il migliore sindaco di Loano degli ultimi 30 anni. Grazie mille Luca della tua onestà e professionalità che ti contraddistinguono su tutti e rimarrai nella storia.”. E don Gabriele Maria Corini, loanese, parroco di Sant’Ambrogio ad Alassio, a Lettieri:” ….. siamo con te!!”

E’ canonico della diocesi di Albenga-Imperia. Si è licenziato in Scienze Bibliche e Archeologia presso lo Studium Biblicum Franciscanum di Gerusalemme e ha conseguito il Dottorato in Teologia Biblica alla Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale (Milano). Membro dell’Associazione Biblica Italiana, è docente di ebraico e Profeti – Scritti nella stessa Facoltà Teologica di Milano, direttore dell’ISSR di Albenga-Imperia e dell’Ufficio Regionale per l’Educazione, Scuola e Università della regione Liguria. Nella sua trasmissione su Radio Maria, Don Gabriele Maria Corini, classe 1975, approfondisce argomenti inerenti alla Bibbia, donando riflessioni profonde, ma allo stesso tempo di facile comprensione.

Tutte le carte in regola per la nomina episcopale e oltre. Sarebbe il terzo vescovo della città dei Doria. Dopo don Giuseppe Valerga consacrato Patriarca di Gerusalemme nella cappella del Quirinale il 10 ottobre 1847, da Papa Pio IX. Dal 1847 fino alla sua morte Gran Maestro dell’Ordine equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme. E ancora monsignor  Tonino Suetta attuale vescovo della diocesi di Ventimiglia e Sanremo.

E Francesco Patitucci, loanese e originario di Cetraro, molto attivo su Facebook: “Come uno dei primi vice presidente, a Loano, della storia dei club Berlusconi…Berlusconi mi insegnò  l’importanza della forza dei sondaggi! Ebbene… ti comunico che, stai andando a gonfie “Vele, quindi sarai da oggi in poi come il  miele per  le api.”

Carla Mattea, già assessore leghista al Comune di Pietra Ligure e già candidata nel 2014: “I loanesi meritano una persona come te❤❤💯💯”.

Luca Lettieri con Alice e Cristiano titolari di laboratorio orafo Oltreforma nei carruggetti orbi di Loano

Intermezzo di Lettieri nel ruolo di sponsor: “Dall’idea al progetto. Dal progetto alla realizzazione. Alice e Cristiano, proprietari del laboratorio orafo OltreForma nei carruggetti orbi, sono due giovani artigiani loanesi che hanno creduto e investito nella nostra città e nel suo centro storico. Oltre alle riparazioni, realizzano con maestria artigianale e artistica gioielli su ordinazione dando forma alle idee dei clienti. OltreForma, insieme alle altre attività dei carruggetti orbi e i residenti che ci abitano, rendono vivo il nostro centro storico. Sono convinto che la riqualificazione di questa parte di città non sia più rimandabile e lo stanziamento di 64.000 € messi in campo dall’amministrazione comunale va proprio in questa direzione. Un incentivo in più per l’apertura di nuove attività produttive e una valorizzazione di quelle esistenti. Questi fondi saranno utilissimi per riqualificare la parte più antica del nostro centro storico, ma tanto altro bisognerà fare nei prossimi cinque anni. Un impegno che la futura amministrazione deve assolutamente inserire tra le sue priorità”.

Consigli per rilanciare Loano al futuro sindaco ? Altro post. “Come politologo e tuttologo su Facebook dico che: Loano… o si rivolta come un calzino nei prossimi anni, o sarà destinata ad essere   sempre nominata nonostante le sue potenzialità  cittadina dormiente. Al primo posto per dare un vero scossone, andrebbe realizzato  al posto del vecchio ospedale abbandonato (Ospizio Marino), un lussuoso (Grand Hotel Loano) sulla collina adiacente al porto. Sei l’uomo giusto….vai cosiiiii.”

Ma chi lo costruisce e lo gestisce ? “A Loano abbiamo ottimi imprenditori edili ed immobiliaristi che non vedono l’ora di far fruttare i loro risparmi. Di Luca si possono fidare e farà grande la nostra amata città”.

Ritorna al desk Lettieri: “In ricordo di Francesco Gallo “Le Coq” è stata posizionata la statuetta di San Francesco d’Assisi sul monte Carmo, sugli scogli di Brecante, meta delle sue passeggiate insieme all’inseparabile bastone da passeggio. Sul monte sono saliti Alina Borgna Molle, Marco Maggi, Simone Delmonte, Fabio Carrara, Raffaella Rosso, Massimo Torri, Daniela Limonta e Massimo Dellisola.”  Piccola nota di trucioli.it come testimonianza.

Il mitico Le Coq di cui conserviamo inedite foto e alcune brevi lettere personali, era diventato un super tifoso di Grillo, dei 5 Stelle, al punto che avrebbe fatto tutto il possibile perchè si concretizzasse una squadra da presentarsi alle comunali. Ma il suo disegnò finì per fallire: “Quando si tratta di metterci la faccia ti ritrovi solo….”. Forse sarà utile pubblicare cioè che ‘Le Coq’ voleva testimoniare nella città che amava. Ha dato tantissimo alla amatissima banda musicale; per qualche anno ha visto Palazzo Doria elargire le briciole, pagando 3 concerti, 1 milione e mezzo. Alla sua morte nel 2017, trucioli.it gli ha riservato un ricordo leggi………

L’ex sindaco rosa di Cisano sul Neva, fervente praticante e scajolana, Eugenia Cassisi, post per Lettieri: “La forza della vita non è né nei muscoli, né nella furbizia, né nell ‘esuberanza! La forza della vita è nella semplicità, nella sua flessibilità addirittura nella sua debolezza.Questo perché  essendo debole  viene facilmente “Catturata, ma è proprio quando viene catturata che essa “Germoglia! Cosa c’entra con te?Beh, vedendo in te le stesse caratteristiche della “Vita , sarai facilmente catturato dai cittadini, starà a te poi germogliare.Oh…ragazzo, ti ho dedicato una delle mie più alte espressioni filosofiche di tutti i tempi. In bocca al lupo ragazzo”.

La sindaca si era dimessa : Dimissioni del sindaco di Cisano Sul Neva, Eugenia Cassisi, “tradita” da 5 consiglieri di maggioranza. Il primo cittadino, dopo 12 anni di amministrazione (di cui 7 da sindaco) decide di abbandonare la poltrona per “la mancanza di rispetto verso la mia persona e il ruolo che un sindaco ricopre da parte di alcuni componenti della maggioranza”.

Andrea Bronda, assessore a Vendone, olivicoltore, una vita da passionario della Lega della prima ora, messo nell’angolo quando era arrivato, giovanissimo, alla segreteria provinciale dell’allora corte di Umberto Bossi; Andrea personaggio dedito al volontariato: “I loanesi meritano una persona come te❤❤💯💯”.

Il  primo annuncio via social di Lettieri candidato sindaco: “Cari amici, ora ve lo posso dire in modo ufficiale: sarò candidato sindaco di Loano alle prossime elezioni.  Dopo 24 anni di carriera amministrativa e molti incarichi (Consigliere comunale, Assessore comunale, Vicesindaco, Consigliere provinciale) è per me un onore e un privilegio essere stato scelto come candidato a guidare la nostra città. La lista ha il supporto di alcuni membri e amici dell’amministrazione uscente: il Vicesindaco Remo Zaccaria, gli Assessori Manuela Zunino e Vittorio Burastero, il Presidente del Consiglio comunale Gianluigi Bocchio, la Capogruppo di Maggioranza Francesca Mangiola.”

“La fiducia che questi colleghi mi hanno manifestato, insieme con gli attestati di stima che già in questi giorni mi sono giunti da moltissimi cittadini, mi riempiono di orgoglio e rappresentano per me un ulteriore stimolo a dare il massimo durante questi mesi di campagna elettorale e anche successivamente, qualunque sarà il mio ruolo. Ci tengo a sottolineare che non nutro alcun rancore nei confronti di chi ha scelto di ridimensionare il mio ruolo amministrativo e di revocarmi l’incarico di Vicesindaco. A chi ha preso questa decisione (e a chi l’ha eventualmente sollecitata) auguro ogni bene. Ritengo che per far crescere una comunità sia necessario mantenere costantemente aperto un canale di comunicazione diretta tra le persone ed il Comune. Ascoltare, impegnarsi in prima persona e cercare di risolvere i problemi è ciò che ho sempre cercato di fare in questi 24 anni e che cercherò di fare anche in futuro. La mia storia, passata, presente e futura, siete voi. Auguro a tutti i candidati la migliore fortuna. Loano merita un’amministrazione capace e competente, interessata unicamente a fare il bene della città e dei loanesi. Sono certo che questo sia l’obiettivo di tutti noi. #lamiastoriasietevoi
Neppure una stringata citazione (e ringraziamento?) al sindaco che lascia, Luigi Pignocca.  Ignorato fino ad oggi il nome di Vaccarezza.
Non sarà certo perchè solo nel finale Pignocca ha scelto di ‘punire Luca revocandogli l’incarico da vice sindaco per affidarlo a Zaccaria. Il suocero dr. Brunello Brunetto è il candidato della Lega alla regionali che ha superato, nelle preferenze, proprio a Loano, Angelo Vaccarezza. E’ il primario che abita a Verzi  (ville agricole e tutti assolti) che ha saputo coagulare, a livello provinciale e regionale, la scelta sul nome di Lettieri. Ma soprattutto è stata bruciata la candidatura di Luana Isella che poteva essere senza troppe difficoltà la meritata prima sindaca nella storia di Loano. Colpendo Isella si  è sparato un micidiale siluro a ‘re Vaccarezza’. E un giorno sarà interessante rivelare come e perchè si è arrivati al braccio di ferro, mettendo di fatto nell’angolino una persona (Isella) che fino ad un mese prima si glorificava con una miscellanea di foto. Come resta un mistero, ma non troppo, perchè si è ridotto a pezzi e bocconi il sodalizio Isella- Enrica Rocca.
Lettieri il 31 luglio: “Il Partito Liberale Europeo sostengono con convinzione il progetto amministrativo del centro destra loanese. Ringrazio gli amici Mirko Odepemko (coordinatore regionale) e Giuseppe Vignera (responsabile relazioni esterne) per il loro appoggio. Insieme siamo convinti che la buona amministrazione debba anche essere sostenuta dalla coerenza politica. Quest’oggi abbiamo avuto il piacere di ospitarli, insieme a Giovanni Battista Cepollina, coordinatore comunale di Forza Italia, al banchetto per la raccolta delle firme per il referendum sulla riforma della giustizia. Una battaglia da tutti noi condivisa.”
1° agosto, Lettieri  pubblica, con foto, un messaggio di stima a Roberto Franco, operaio Piaggio,  consigliere comunale, incrollabile fede a sinistra e nel Pd, ma finito in disgrazia (“La sezione loanese del mio partito non mi vuole candidare….”): “Onere delle armi a Roberto Franco. Per tanti anni autorevole rappresentante del PD loanese nel consiglio comunale. A lui riconosco le doti del politico di razza, rispettoso degli avversari e particolarmente attento ai diritti dei lavoratori. Un uomo di sinistra di altri tempi. In consiglio comunale mancherà la sua innata capacità di coniugare i suoi ideali politici con la difesa dei legittimi interessi della comunità. Sono certo che non farà mai mancare il suo contributo di idee e la sua esperienza. Grazie Roberto”.
La lista dei sostenitori di Lettieri, che come si suole dire, ci mettono la faccia scrivendo su Facebook, annovera altre decine di nomi di persone note e meno note della comunità locale e non. Non c’è paragone con quanto ‘riceve’ invece l’avversario.
Forse merita ancora di essere citata Rita Fameli che negli anni ’70, all’epoca della sua prima comunione, è stata involontaria protagonista di una fastosa festa all’allora Grand Hotel Garden Lido. I Fameli non hanno del resto mai nascosto, nel tempo, il loro sostegno e fiducia al tenace Luca Lettieri, candidato alle elezioni comunali. Post di sostegno anche da due personaggi borghettini: il sindaco leghista Giancarlo Canepa e l’uomo d’affari Nino Roveraro senza tessere di partito.
 NON MANCANO LE PUNTURE DI SPILLO ALLA SQUADRA CHE ORMAI PARE AVVIATA A FESTEGGIARE LA VITTORIA. PER LEALTA’ VERSO LA LOBBY CHE E’ FARE SONDAGGI ELETTORALI NELLE CITTA’ PIU’ IMPORTANTI (MAN TENENDO LA RISERVATEZZA) DICIAMO SOLO CHE IL RISULTATO SAREBBE SCONTATO. 
Eppure non può essere sfuggito il fatto che tra chi ha ‘linkato’ per Giacomo Piccinini sindaco ci sono l’ex due volte primo cittadino Franco Cenere, una Sarah Guzzetti (figlia dell’ex sindaco compianto). In lista con Piccinini l’avv. Giuseppe Rembado, figlio di Mario, a sua volta avvocato in pensione, primo cittadino di Loano con la Dc per due mandati. Già candidato al parlamento. E ancora il sostegno ‘silenzioso’ dei fratelli Garassini (altro ex compianto sindaco).
IL 6 SETTEMBRE SULLA PAGINA FACEBOOK DI FRANCO MARIANI (ABBIAMO VERIFICATO CHE NON SI TRATTA DI PSEUDONIMO, NE’ NOME DI FANTASIA) SI LEGGE: 
Franco Mariani

“La presentazione della lista di Lettieri Per LOANO – Lettieri Sindaco ha finalmente mostrato a tutti le fantastiche incongruenze ed assurdità di questo rimpastone.

Tra i diversi interventi il migliore è stato quello schietto e sincero di Demis Aghittino, che in soli due minuti ha risparmiato un sacco di fatica alla lista di Giacomo Piccinini Nuova Grande Loano – Piccinini Sindaco, demolendo l’attuale Giunta.
“Loano è sporca!”, declama con enfasi sotto gli occhi della compagna di lista Manuela Zunino, che sta gestendo la pulizia di Loano da cinque anni a questa parte.
“Loano è poco sicura!”, grida tra i sorrisi della compagna di lista Enrica Rocca, che sta gestendo la Polizia Municipale di Loano da cinque anni a questa parte.
“Il centro storico è pieno di negozi di collanine!”, dice senza guardare negli occhi il suo candidato sindaco Luca Lettieri, che da cinque anni detiene la delega al commercio (e da 25 anni è ospite fisso in Comune).
Degli inetti, quindi? Neanche a pensarci, perchè secondo Aghittino la colpa è di chi li avrebbe “castrati”, quindi… dell’attuale Sindaco Pignocca? Ma che ingratitudine poveraccio, che li sta perfino appoggiando! Eppure il caro Luigi non ha mai dato l’aria di essere un despota, anzi una delle maggiori critiche nei suoi riguardi è stata quella di non aver saputo dire abbastanza no..
Stupendo anche l’intervento dell’assessore Zunino (che per non perdere voti si presenta senza specificare che assessorato abbia gestito), della quale riporto un paio di passaggi che rendono l’idea del difficile equilibrismo di chi da una parte vuole puntare sulla tranquillizzante continuità, e dall’altra deve rassicurare che al secondo giro farà meglio: “continueremo a lavorare in quella che può essere una prosecuzione… ma anche iniziare qualcosa di nuovo!” e “mi auguro si possa fare molto meglio, si possa quindi portare avanti un lavoro già iniziato… ma si possa anche ricominciare da zero!”. Mi sarei aspettato anche un “continueremo a sciuscià, ma inizieremo anche a sciurbì.. tùtto insémme!”
Insomma, dalla presentazione è venuta fuori una lista i cui candidati di spicco hanno in mano da anni l’intera gestione di Loano, e che pure ammettono che Loano è sporca e degradata e che serve un cambio di marcia. E insistono che quel cambiamento lo porteranno sempre loro.  Vi hanno convinti?”
Se il buon giorno si vede dal mattino ha raccolto tre commenti. Che dire,  segue la sorte di trucioli.it: a Loano, con 6, anzi 12, lettori. Più bocciati, bocciati di così ! Facciamo compagnia ai 12 apostoli. Ma come si concluderà l’ultima cena tra i big emergenti ? Per ora ha prevalso la ‘pace totiana’. ‘Toti per Loano con Luca Lettieri fedele sindaco’ dell’inossidabile centro destra.

 

 

 

 

mmm

mmm

mmm

Alessia Cepollina è da oggi il Commissario cittadino di “Cambiamo! con Toti”, per la Città di Loano.
A lei è stato affidato il compito di coordinare le prossime elezioni che porteranno al cambio dell’Amministrazione comunale il 3 e 4 Ottobre prossimi. Questo sarà il primo step del percorso che avrà come seconda tappa il congresso che, con ogni probabilità, avrà luogo in autunno.
Alessia oltre a essere un’amica fidata e loanese doc, come il sottoscritto, ha condiviso con me un percorso fatto di tante battaglie e altrettanti chilometri per difendere i diritti delle piccole e medie imprese del Paese; questa foto del marzo del 2015 è una delle tante fatte insieme.
Sono certo che sa cosa fa e come farlo: nessun dubbio sulla riuscita del compito affidatole, opinione condivisa  e dallo stesso avviso è il collega Mauro Demichelis, che del movimento è il Coordinatore Provinciale.
Alessia è senza dubbio espressione di quella volontà, decisione e determinazione al cambiamento che il Partito di Giovanni Toti fin dall’inizio auspica
Avatar

Trucioli

Torna in alto