Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Borghetto se 40 non sono pochi. A ‘scuola’ di economia ‘targata’ Lega e 2 Top management
Prima la lezione istruttiva, poi seduti a tavola

Aiuto ! Recitava il manifesto della conferenza. Quale futuro per le medie e piccole imprese (meglio sarebbe stato scrivere anche di Borghetto). Un dibattito aperto a tutti per conoscere ed approfondire uno dei temi più importanti dell’economia, non solo italiana, europea. Conferenza ‘scolastica’ nel palazzo Pietracaprina.

Si nascondeva, tra i pubblico, un agente di trucioli da “Siamo su scherzi a parte”. Presenti perchè uno dei pochi lettori ci  aveva avvertito: “Voi di trucioli.it non siete invitati, non vi perdoneranno di essere i corresponsabili dell’agonia economica e sociale in cui è precipitata Borghetto dopo il memorabile boom di benessere e sviluppo edilizio; loro combattevano perchè la città  restasse a misura d’uomo, non mettesse a repentaglio il commercio, i posti di lavoro, le imprese artigiane; voi a braccetto, o spettatori, con i signori che hanno rovinato Borghetto…per fortuna abbiamo risorse, sensibilità, competenze come il cav. ed assessore Ester Cannonero, la sola che poteva ospitare un big nazionale come il dr. Carlo Capria ed una preparatissima avv. Sabrina Macciò.”. L’assessora alle politiche sociali, forse non tutti lo sanno, è tra le poche tesserate che ha frequentato La Scuola di Formazione Politica della Lega. Scuola formativa che “mira  a trasmettere in modo approfondito e articolato la conoscenza del nostro sistema politico, amministrativo, economico e sociale”.

E’ vero erano decenni che a Borghetto non si vedevano personaggi di caratura nazionale, a parte il giudice scrittore, e Mani Pulite, Gherardo Colombo. A parte che fino a qualche anno fa la spiaggia dell’amico Zolezzi  era frequentata dal generale dell’Arma Richero, cittadino illustre di Balestrino, che ha raggiunto le più alte cariche istituzionali, servizi di informazione inclusi. Borghetto che poteva vantare tra i suoi concittadini Silvietto Torre, già personaggio televisivo, un passato da ‘informatore dei servizi di sicurezza’ quando si trovava per missione in Alto Adige ai tempi degli attentati altoatesini. Ma un giovane, ormai davvero vecchio ed un po’ rimbambito cronista, ricorda pure che sulla spiaggia di Borghetto era solito prendere il sole e fare i bagni Pietro Valpreda, finito in parecchie inchieste nazionali ed in carcere con alcuni suoi compagni anarchici.  Con i neofascisti Franco Freda e Giovanni Ventura si ritrovò accomunato in un unico processo a Catanzaro. Di ben altra caratura la presenza al Salone delle Feste e del ballo negli anni di Claudio Villa, Domenico Modugno,  Enzo Tortora (Borghetto ospitava in diretta Tv la proclamazione della Suocera d’Italia),  mentre Bartali era solito far visita e tappa dall’amico e fans Marino Oddone.

“Scherzi a parte” si è trattato di un incontro istruttivo ed interessante. E’ vero che non c’erano centinaia di persone, come avrebbe meritato. Ma si sa, non siamo tra i primi in Europa a distinguersi per cultura economica, cultura civile, preferiamo brontolare, essere supertifosi di calcio, ammirare i divi delle trasmissioni tv nazional popolari. Dunque fare i cronisti e scrivere che all’incontro era presente un ‘gremitissimo pubblico’ non è fare un buon servizio ad una causa giusta. Semmai sarebbe stato utile affrontare anche e soprattutto quali le prospettive per la realtà borghettina, il suo tessuto commerciale ed artigianale, quale impulso e strategia vincente può arrivare dall’amministrazione comunale, dai rappresentanti delle categorie interessate, quali consigli e prospettive a chi vuole investire a Borghetto. Perchè, ad esempio, non sfruttare il fatto che la vicina Loano è obiettivamente più cara, dunque non sarebbe sbagliato suggerire agli operatori scelte che incentivano, invogliano i clienti a recarsi a Borghetto. Sfruttare il rapporto qualità prezzo, tenendo presente che il livello di qualità del cliente è in costante declino, dunque la sua capacità di spesa. Consigli e suggerimenti agli amministratori comunali affinchè si riduca, appena possibile, la pressione fiscale sulle attività commerciali e produttive, favorire insediamenti ed investimenti del privato (non speculativi da calce e mattone). Suggerire idee e consigli, linee guida, per far ripartire le attività, cominciando dal centro storico. Investire a Borghetto, tornando a valorizzare l’agricoltura. Insomma gli esperti non siamo noi, ben vengano altre conferenze e seminari, affrontando con priorità tematiche e terapie locali, da mettere in atto meglio se nel contesto comprensoriale, dal mare alla collina. Meglio ancora se si riesce finalmente a coinvolgere la Regione affinchè dia priorità alle aree obiettivamente svantaggiate, anche se bisogna ammettere che Borghetto ci ha messo molto di suo nell’eleggere, negli anni, emeriti coglioni che hanno portato le casse comunali allo sbando, alla deriva. Dove oltre alle spese, alle cause perse (si poteva pagare prima di arrivare ai salassi ed estreme conseguenze), non si provvedeva neppure ad introitare a dovere le tasse comunali, creando voragine dietro voragine. Permettendo  il propagarsi a macchia d’olio dell’humus dell’evasione. Che ha contagiato anche i proprietari di seconde case, vedi la rabbia del sindaco Canepa (ultimo in ordine di tempo) che ha raccolto le briciole dalla tassa di soggiorno, nonostante l’opera di sensibilizzazione nella stagione estiva. Purtroppo si raccolgono i frutti di anni ed anni di ‘allegra amministrazione’ ed  inconcludente opposizione. Dove chi è senza peccato scagli la prima pietra. E non basta invitare eminenti e preparati conferenzieri. Non basta far suonare la sveglia. Senza risultati neppure la leghista e salviniana Cannonero raccoglierà frutti dalle sue iniziative. Per la serie: tanto fumo e poco arrosto.

HA SCRITTO SAVONA NEWS –

Si è svolta ieri sera a Borghetto Santo Spirito, alla presenza di alcune delle massime autorità dell’amministrazione comunale e dell’assessore regionale Stefano Mai (che ha anche porto il suo personale saluto) una importante “convention” sul futuro delle piccole e medie imprese.

Se 40 persone di sembrano poche compresi gli addetti, magari fosse così quando si riunisce il consiglio comunale e nonostante tutto a Borghetto c’è qualche presenza in più rispetto ai confinanti Loano e Ceriale
Da un’ammiratrice:….Carissima Ester, sei uno splendore…mi fa molto piacere vederti …Ti abbraccio forte forte e chissà che un giorno le nostre vie possano rincontrarsi…sarebbe bellissimo

Ad organizzare l’evento è stata Maria Ester Cannonero, assessore alle politiche sociali, che ha saputo anche promuovere l’iniziativa con una attenta campagna “social”. Risultato: sala convegni dello storico Palazzo “Elena Pietracaprina” gremitissima e notevole successo di pubblico per un’iniziativa che ha avuto il pregio di comunicare alcuni aspetti-chiave dell’economia odierna con un linguaggio diretto, immediato e accessibile a tutti.

Ciò è stato possibile grazie agli ottimi interventi del Dottor Carlo Capria, della Presidenza del consiglio dei ministri, e dell’avvocato Sabrina Macciò, che hanno accompagnato le loro esaustive spiegazioni anche con l’ausilio di proiezioni di slide, che aiutavano ulteriormente il folto pubblico a seguire l’argomento trattato.

Quello delle piccole e medie imprese è un tema oggi di forte importanza, non soltanto per l’economia di Borghetto Santo Spirito ma di tutta la Liguria, all’interno della quale le PMI rappresentano un bacino fondamentale per l’economia. Convegni di questo tipo rappresentano quindi un bene prezioso per l’arricchimento culturale di tutti su queste tematiche e per affrontare i cambiamenti di oggi e di domani con occhio più consapevole.

Ester Cannonero e Carlo Capria Direttore Osservatorio Piccole e Medie Imprese dell’Area Top Management della Presidenza del consiglio dei ministri

CHI E’ CARLO CAPRIA – Classe 1952, Dottore in Lettere, Commendatore della Repubblica, dal 1985 si occupa di strumenti finanziari a sostegno delle piccole e medie imprese e di internazionalizzazione delle stesse, presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Nel corso della sua ventennale esperienza nell’ambito degli incentivi e dell’internazionalizzazione dei mercati ha rivestito importanti e strategici ruoli quali Capo Segreteria Tecnica e Coordinatore dell’Osservatorio della PMI della Presidenza del Consiglio dei Ministri . Ha collaborato con Ice, Simest, Sace, Confindustria, Unioncamere, Confai, Ipi, Ficei, Club Distretti Industriali e Ministeri interessati. Nel 2005 assume l’incarico speciale conferitogli dall’On Ministro dello Sviluppo Economico di Dirigente Responsabile dell’Ufficio Studi e Ricerche della Direzione Generale per il Coordinamento degli Incentivi alle Imprese presso il Ministero delle Attività Produttive Svolge intense attività in Italia e all’Estero in qualità di relatore in convegni presso Università, Enti Economici e Finanziari e Istituti sopra indicati Oltre al proprio patrimonio di competenze tecniche, Carlo Capria è un profondo conoscitore della cultura e delle dinamiche relazionali della Cina, della Russia, dei Paesi del Mediterraneo; attualmente è reduce dello straordinario successo della missione da lui organizzata e coordinata in sostegno delle Grandi Firme dell’Alta Moda Italiana nel più importante distretto industriale del tessile e dell’abbigliamento delle Cina; Shenzhen e Zhuzhou, dove sono già in corso fattive collaborazioni tra imprese italiane e cinesi.

L’avv. Sabrina Macciò con Ester Cannonero

CHI E’ L’AVV. SABRINA MACCIO’. Con studio a Savona e a Ponzano Veneto. Le esperienze maturate nel corso degli anni hanno consentito l’acquisizione di cognizioni specifiche in ambito bancario, finanziario, industriale, patrimoniale, anche in relazione agli orientamenti giurisprudenziali di merito (su pressoché tutto il territorio italiano) e di legittimità, come pure nella formulazione dei quesiti tecnici, sulla cui base sono state rese le perizie in sede giudiziale ed all’esito delle quali vengono emessi i provvedimenti giudiziali, nonché sulla tipologia dei vizi affliggenti i moduli contrattuali oggetto di contenzioso. L’Avv. Sabrina Macciò e i suoi collaboratori hanno partecipato e partecipano come relatori a diversi convegni in materia di gestione della crisi, diritto bancario e finanziario.

Nel corso della predetta attività lavorativa, l’Avv. Sabrina Macciò (laureata con 110/110 all’Università degli Studi di Torino e diploma di studio presso la SDA Bocconi di Milano in “Analisi di bilancio per la valutazione d’affidabilità”) ha predisposto e tenuto anche corsi di formazione interni, tra cui a titolo meramente esemplificativo: “I contratti alla luce della giurisprudenza e nei rapporti con i consumatori” – “La “riforma” del diritto societario: principali riflessi organizzativi ed operativi” – “La Centrale Allarmi Interbancaria” – “La

Borghetto foto di gruppo con la new entry in Lega dell’assessore Cinzia Vacca. La collega assessore ha ringraziato anche i fioristi per aver gentilmente messo a disposizione fiori e piante

successione ereditaria alla luce delle riforme”. Ne è, quindi, conseguita la maturazione di una significativa esperienza nell’ambito delle problematiche relative al Diritto Bancario e Finanziario, sia in sede civile che penale. Nel contenzioso con gli Intermediari Bancari, lo studio cura la negoziazione conciliativa e l’assistenza in giudizio relativamente alle principali tematiche bancarie tra sui si segnala a titolo meramente esemplificativo cause per usura e anatocismo su conti correnti bancari,CMS, interessi ultralegali, mutui e leasing, carte di credito e di debito, servizi di pagamento, con lo scopo specifico di permettere al cliente la restituzione di quanto ha pagato indebitamente. Particolare attenzione viene altresì riservata al tema delle segnalazioni sulle diverse centrali rischi (Banca d’Italia – Crif) anche in merito ai titoli di credito (Centrale Allarmi Interbancaria) e carte di credito (segmenti CARTER e PROCAR).

Nel contenzioso con gli Intermediari Finanziari, lo Studio legale si occupa di ottenere il risarcimento del danno patito dal cliente a causa di perdite da investimenti in azioni, obbligazioni, strumenti derivati e, in genere, prodotti finanziari. In entrambi gli ambiti avvalendosi di uno staff di analisti finanziari viene

Ester e Matteo: two number one!!!

compiuta un’analisi volta a verificare la correttezza di operato delle Banche e degli Intermediari, in particolare verificando il rispetto della normativa codicistica, del Testo Unico della Finanza, del Testo Unico Bancario e dei Regolamenti Consob.

Scrive Cinzia Vacca:…..serata molto bella ed istruttiva ho conosciuto persone meravigliose ” e tutti astemi ?


Avatar

Trucioli

Torna in alto