Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Grazia Genta, filosofa che manipola la creta

Silvia Reforzo de La casa della fotografia ha intervistato Grazia Genta, artista, laureata in Filosofia. Ogni settimana la fotografa dell’associazione La Casa delle Arti, ci racconta gli artisti illustri del nostro territorio. Ecco la dr.ssa Genta che riesce con le sculture a rappresentare al meglio il suo concetto di vita: sempre con il sorriso e molto generosa.

Quando è nata in te la passione per l’arte?

L’artista Grazia Genta laureata in Filosofia

In realtà l’ho sempre amata. Da piccola mi piaceva moltissimo il disegno e appena potevo realizzavo piccole storielle tipo fumetti. Proseguendo negli anni mi sono cimentata in quadri ad olio, soltanto per mio diletto , rappresentando gatti e paesaggi. A scuola le mie creazioni pittoriche erano apprezzate dai professori.

Quando e come hai iniziato a muovere i primi passi nel mondo dell’arte?

Non avendo frequentato il liceo artistico e quindi gli studi artistici, (sono laureata in filosofia)  ho iniziato subito dopo la pensione a frequentare il laboratorio di ceramica creativa, diretto da Laura Romano, e ho imparato a manipolare la creta, rimanendo entusiasta dalla nuova esperienza.

Quali sono stati i tuoi primi lavori ?

Soprattutto gufi, perché amo molto questi animali, poi paesaggi naif, quindi, essendo attratta dalle opere di Botero e sfogliando il suo repertorio, mi hanno incuriosito una suora “cappellona” e un prete di campagna con l’ombrello, per cui li ho riprodotti.

 Cosa rappresenta per te l’arte ?

E’ sempre stata importante perché ha rallegrato molti periodi della mia vita, ma attualmente è per me fondamentale: poter creare un soggetto, affidarsi alla fantasia per riprodurlo secondo i miei desideri, dà luogo a sensazioni, emozioni irripetibili.

C’è un’opera d’arte a cui sei particolarmente legata ?

Amo particolarmente “Esterno di caffè di notte” di Vincent Van Gogh, per l’atmosfera che emana, i colori usati. Poi l’ho ammirato dal vero e l’ho trovato stupendo, così come le sue opere relative al periodo di Arles.

Progetti attuali e immediati ?

Attualmente sto proponendo una mostra con la pittrice Giovanna Marrone a Pozzo Garitta 11 (Albissola Marina); a settembre ci sarà il premio Bonino al MUDA di Albissola Marina e parteciperò ad una collettiva “Nostalgie”. Sempre a settembre sarò a Vezzi Portio dove presento una lastra in ceramica  sul tema “Le api e il loro mondo”. Sempre a settembre sarò a p.zza Malocello a Varazze per esporre alcune opere. A ottobre, per tutto il mese,  terrò  una mostra personale a Gavi Ligure nella galleria Guenna. Qui sono stata contattata  dopo che alcune mie opere sono state viste ad ARTE Genova 2018. A novembre avrò opere in vetrina da Indaco (Savona- via Verzellino) , a dicembre altre collettive , l’esposizione di presepi a Denice, alla Campanassa di Savona, alle grotte dei Dossi a Villanova di Mondovì, a Varazze all’oratorio dell’Assunta.

Progetti futuri ?

Continuare a frequentare il laboratorio della mia cara amica Laura Romano perché è un luogo rilassante e dove regna serenità e complicità. Naturalmente parteciperò ad altre mostre, ma non voglio ipotecare il futuro: via via valuterò ciò che potrò fare e che mi entusiasma.

Silvia Reforzo

Avatar

Trucioli

Torna in alto