Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Laigueglia premia la fedeltà lunga 55 anni
ma bastona veterano albergatore ristoratore

Un premio meritatissimo alle ormai mosche bianche di turisti tedeschi della prima generazione per la fedeltà, al mare di Laigueglia, che dura da 55 anni: la famiglia di Dieter Conrad. Ha conosciuto giovanissimo la cittadina, la prima nella Riviera del boom edilizio a istituire, con coraggio, l’isola pedonale nel suo centro storico. Ha valorizzato, da pioniera, il suo patrimonio storico e ambientale. Altra notizia. Il disgustoso ‘caso Vascello Fantasma’, ristorante. Tornato a brillare più di prima, dopo anni di chiusura, quanto a professionalità ed investimento. Ma il neo sindaco leghista (66,2%) non ha brillato nel decisionismo. Sgombero del dehor per manifestazione.

Il prof. Regesta, presidente dell’Associazione Vecchia Laigueglia, con Luciano Pasquale e Angelo Marchiano

La ‘querelle’ tra il cav. Angelo Marchiano e la giunta di Roberto Sasso del Verme, segretario cittadino e provinciale leghista, agente immobiliare ad Alassio, curriculum da scoprire, è stata ben descritta da un articolo del La Stampa – Savona, a firma di Giò Barbera, tra le ‘giovani’ memorie storiche della provincia. Ha messo a confronto, correttamente, le opinioni. Ha portato alla luce del sole la decisione dell’Amministrazione di centro destra che ha imposto la rimozione della struttura posata su una piazzetta del lungomare cittadino per fare spazio ad un evento importante. Sette giorni di ‘piazza libera’ per la gioia dei festaioli e la determinazione dei ‘governanti’ locali di non fare eccezioni. Ottima scelta, si direbbe, nel Paese maestro dei favori agli amici degli amici. Il caso vuole che il nome di Angelo Marchiano, brillante, pacato, riflessivo e attivo novantenne, non è proprio uno dei tanti. Non ha scelto di rinunciare all’attività alberghiera nella cittadina che ha uno dei primati in percentuale delle dismissioni, e lo Splendid, 4 stelle, recentemente rinnovato anche con terrazzini e facciata esterna, è l’unico a comparire da anni sulla prestigiosa guida Michelin e non solo. Marchiano, ma questo poco importa, è stato presidente locale, provinciale e regionale di una categoria turistica che di lobby ha solo i finanziamenti che ogni governo regionale ha sbandierato, così come i soldi per la formazione (?) professionale a centinaia di addetti che non hanno più trovato posti di lavoro perchè in 20 anni ha chiuso oltre il 50% degli hotel,  idem nell’imperiese. Marchiano  un nostalgico, orgoglioso e dignitoso, che non ha più bisogno di presentarsi con il cappello in mano, per se. Forse in minoranza, in famiglia, ha voluto la rinascita di una sua creatura, il Vascello Fantasma.

Non ha lesinato investimenti e il fior fiore della professionalità in cucina. Un crescente e strepitoso successo dall’inaugurazione nel mese di marzo. Una scommessa perchè a leggere giornali e web, ascoltare le Tv regionali, sembra che la Liguria di ponente sia diventata di punto in bianco la culla del mangiare bene, degli chef stellati pur senza stella Michelin fino a prova contraria. Una guida che non accetta pubblicità e si basa sul lavoro degli ispettori che non sono infallibili, pur sempre con il metro del rigore e, si spera, dell’imparzialità. Non per il numero di ‘tifosi’ alla TripAdvisor. Solo La Stampa ha dato conto del ‘ben servito’ al ‘maestro’ vera memoria storica del nostro turismo, la sua determinazione, impegno, anche economico, verso i giovani studenti dell’alberghiero.

Ebbene, a Laigueglia dove fanno scandalo, con ragione, i tempi di certa burocrazia da Bel Paese, c’è voluto un anno tra l’ex giunta di ‘salute pubblica’(unica lista) dell’ex sindaco Franco Maglione, fede democristiana, e l’attuale, per concludere la pratica del suolo pubblico annuale della famiglia Marchiano.

“Non è nel mio stile di vita, aizzare polemiche – commenta stringato Angelo Marchiano che alla storia turistica di Laigueglia e del papà ha dedicato pure un libro, L’Angelo del turismo, scritto dal giornalista Daniele La Corte -;  mi sono trovato a firmare la concessione di suolo pubblico il giorno prima dell’apertura del locale. O prendere o lasciare ! Credo di poter dire che la riconoscenza non diciamo materiale, non abita a qui.  Dispiace, inoltre, che una persona di talento come il vice sindaco ing. Giancarlo Garassino, di fronte ad un palese bis-trattamento non abbia tratto le conseguenze. Almeno da lui mi aspettavo un gesto forte, non per l’amico Marchiano, per non avallare quella massima che saremmo tutti uguali. Poco conta che la saggezza del sindaco sia consistita nella promessa che un altro anno si valuteranno alternative. Quest’anno si smonta per 6- 7 giorni. Non recrimino per il ‘portafoglio’, semmai per la dignità di un operatore turistico che non si è mai tirato indietro, pur senza essere il giullare di turno. Sono grato a quanti hanno proposto una raccolta di firme. Alla mia età anche la sensibilità ha il suo peso, eppoi sono abituato a giudicare la coerenza… E da un sindaco ci si aspetterebbe….”.

Il Vascello Fantasma no, altri esercizi si ? Non è questo il raffronto, del tutti uguali di fronte a Dio e agli uomini. E la semplice considerazione che a volte bisogna valutare senza paraocchi. Marchiano poteva benissimo godersi il frutto del lavoro e della terza età, invece alla fine dei conti la grana, i disagi, oltre al dispiacere interiore, ha comportato la rinuncia al periodo di ‘relax’ estivo in quel di Nava, ospite con la moglie dell’hotel ristorante Lorenzina. Altra famiglia storica e benemerita del fare (Pasquinelli), imprenditori del turismo, dalla montagna al mare, allergici al parassitismo e ai professionisti della politica. (l.c.)

Avatar

Trucioli

Torna in alto