Numero visualizzazioni articolo: 1.134

‘De Telegraf’ (Olanda): ‘Andora perla da scoprire’. Ecco tre nuovi borghi residenziali, investe Isnardi industriale oleario di Imperia

Andora 2015, indicata come meta da scoprire insieme a Lecce, Matera, Mazara del Vallo e Monopoli. Tra lelocalità che definiscono “il bello dell’Italia”. E’ il giudizio di uno fra i più conosciuti giornalisti olandesi, Maarten van Aalderen, dopo una visita nel maggio scorso. Ha annoverato Andora fra le otto perle italiane in un articolo pubblicato sul “De Telegraaf”: tiratura di 455.000 copie.. Van Aalderen è il Presidente dell’Associazione Stampa Estera in Italia ed è noto per aver scritto il libro “Il bello dell’Italia”, in collaborazione con altri corrispondenti esteri che lavorano nel Bel Paese. Leggi anche il ‘semaforo verde’ del consiglio comunale ai tre nuovi borghi in località Stampino che frutterà alle casse pubbliche locali 9 milioni di € in oneri di urbanizzazione.

COMUNICATO STAMPA DEL COMUNE –

Il sindaco Mauro Demichelis al centro, i giornalisti Cristiano Bosco (a sn) e Martern van Aalderen che ha pubblicato un servizio su Andora ed il gioiello Colla Micheri

L’articolo dedicato ad Andora è un’occasione di promozione turistica straordinaria perché mette in evidenza le nostre caratteristiche territoriali come la sabbia finissima delle nostre spiagge, ma anche la bellezza del nostro entroterra – ha dichiarato il sindaco Mauro DemichelisMesi fa, grazie all’aiuto del giornalista Cristiano Bosco e della MWAI Communication, abbiamo invitato van Aalderen a visitare Andora, presentandogli la nostra offerta turistica e la tradizione gastronomica. Il corrispondente olandese, nel suo libro “Il bello dell’Italia”, aveva evidenziato le tante potenzialità inespresse del nostro Paese e noi ci sentivamo in linea con il suo modo di vedere che auspica che finisca il tempo dell’autolesionismo tutto italiano a favore della valorizzazione di chi si rimbocca le maniche per far conoscere soprattutto il bello del nostro paese ”.

Andora è annoverata sul De Telegraaf fra le perle turistiche da scoprire. L’articolo sottolinea “che non bisogna andare troppo lontano in macchina dall’Olanda per arrivare al paese balneare di Andora […]. Ad Andora c’è una spiaggia con sabbia finissima, ma anche bellezze naturali in montagna. Ci sono ottimi percorsi per chi vuole andare in mountain bike. Il panorama dalle montagne sul mare è stupendo”.

Fra i luoghi da visitare il giornalista olandese segnala “Colla Micheri, un borgo medioevale con una chiesa molto bella che fa parte del Comune di Andora”.

In chiusura dell’articolo viene anche citata la dinamicità degli amministratori del Comune, in particolare del sindaco Mauro Demichelis ed il vice Paolo Rossi. Le altre sette perle italiane da scoprire secondo De Telegraaf sono Comelico Superiore, Piegaro, Lecce, Favignana, Matera, Mazara del Vallo e Monopoli. 

IN CONSIGLIO IL P.U.O. DI STAMPINO CON LE MODIFICHE VOLUTE DALLA REGIONE

I tre borghi residenziali saranno costruiti dalla società La Ferraia della famiglia di Pietro Isnardi, indutriale olivicoloe agroalimentare di Imperia. Il complesso più a valle della collina sottoposta a vincolo paesaggistico

COMUNICATO STAMPA DEL COMUNE – E’ stato approvato in Consiglio comunale, AD aNDORA, con le modifiche volute dalla Regione, il P.U.O. del parco ambientale di Località Stampino di Andora. Il progetto il cui iter è iniziato nel 2009, sotto la Giunta Floris, prevede la realizzazione, da parte del privato, di un parco ambientale, con accesso in parte a pagamento ed in parte pubblico, di strutture ricettive ricavate dal recupero e dall’ampliamento della vecchia “casa di caccia” della tenuta di Stampino e di tre nuovi borghi residenziali. Proprio la parte di progetto relativa agli interventi edilizi sulla zona collinare, sottoposta a vincolo paesaggistico, è stata oggetto di modifica, sia in termini di posizione che di stile architettonico degli edifici di cui è stata chiesta la collocazione in un’area più in basso rispetto al progetto iniziale.

Le modifiche sono nate in sede di Conferenza dei Servizi referente, nell’ambito della quale sono state evidenziate da parte della Regione Liguria – Urbanistica e Tutela del Paesaggio e della Soprintendenza Beni Architettonici e Paesaggistici, la necessità di un approfondimento in relazione all’impronta al suolo, alla viabilità ed alla configurazione degli interventi edilizi. Nel particolare, dopo un sopralluogo sul posto, con Comune, proprietà e Regione, sono stati spostati più in basso i volumi residenziali del nuovo Borgo di crinale, con il fine di attuare una maggiore tutela del bosco sulla collina interessata dall’intervento e posta a vincolo paesaggistico ope legis dal D.Lgs. n.42 del 22.01.2004. In questo modo, sono state anche ridotte le opere di viabilità necessarie per attuare l’intervento edilizio.

In sintonia con le prescrizioni della Regione, l’amministrazione Demichelis ha deciso di alleggerire ulteriormente l’intervento edilizio: è stata quindi modificata la convenzione con la proprietà, decidendo di rinunciare alla costruzione sulla collina di un edificio destinato alla didattica di cui non vi era certezza sulla effettiva possibilità di gestione e che sarebbe risultato un duplicato delle strutture già previste per il parco didattico, oltre che gravare con costi di gestione il Comune. L’Ente ha però acquisito l’ulteriore proprietà pubblica 27.000 metri quadrati di bosco, così come previsto dal PUC che saranno vincolati ad attività di promozione ambientale.

Chi realizzerà il progetto dovrà garantire opere di urbanizzazione per un valore di oltre 9 milioni di euro, versare al Comune di Andora circa 170.000 euro e destinare una superficie di mq. 1001,5 ad alloggi per Edilizia Residenziale pubblica che verranno ceduti al Comune di Andora come le opere di urbanizzazione primaria e secondaria.

Nel dettaglio la tenuta di Stampino, in località San Giovanni, ha una superficie complessiva di circa 1.295.739 mq. di cui almeno 1.000.000 mq. saranno destinati a Parco Urbano, con ingresso a pagamento, in cui consentire attività all’aria aperta e attività connesse ad un uso didattico-ricreativo e di gestione del parco, in cui verranno realizzati edifici per un massimo di 1.200 mq. di superficie agibile. Previsti anche la realizzazione di un maneggio, un dog’s, di un azienda agricola azienda agricola e vinicola e di un rifugio.

Per la Villa Stampino, l ‘edificio storico esistente, e alle sue pertinenze si prevede il riuso quale struttura alberghiera con un incremento del 25% delle superfici esistenti, pari a 600 mq. Saranno realizzati anche manufatti connessi con l’attività di produzione agricola, per una superficie massima di circa 2.000 mq e un villaggio turistico con una ricettività di 34 bungalows ed un campeggio con 85 piazzole.

 

Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Archivio Articoli

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su Accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi