Numero visualizzazioni articolo: 1.979

Albenga e il golden boy della politica, giù le mani ! Eccellenza meglio guardarsi alle spalle

Aprile 2014. I mass media (e non solo) diffondono la foto del neo vescovo don Antonio (Tonino) Suetta ‘stretto’ da un sorridente dr. Eraldo Ciangherotti, definito (La Stampa) ” Assessore con delega alle querele “.  Maggio 2015: diffusa l’immagine del vescovo coadiutore Guglielmo Borghetti, ancora mani sulla spalla dell’iper presenzialista e integralista ingauno. Autopromozione di un politico “tu quoque” ? Eccellenza Borghetti, a volte è utile guardarsi alle spalle. Non si tratta di argomentum ad personam, bensì ‘argomentum ad hominen’.

Il vescovo Borghett,i nei locali della Cantina Re Carciofo, stretto dal dr. Eraldo Ciangherotti, posano per i fotografi

Eraldo Ciangherotti non è l’uomo qualunque, il cittadino qualunque. E’ tra i volti pubblici più noti della piana. Ha passione per la politica ‘urlata’, presumiamo nobile. Ha il merito di non far parte dei ‘campioni’ che campano solo di politica. Può vantare altolocate conoscenze di personaggi rispettabilissimi e si onora di appartenere ai fedayn di Silvio Berlusconi. Ha fama di essere galantuomo, sempre impegnato nel sociale e con i più deboli. Uno che paga di tasca propria. Pratica volentieri, con gli avversari, la  satira più feroce, l’ironia sui defunti, l’umorismo francescano, la tolleranza cristiana, sprezzante con Franca Rame defunta. Intellettuale ingauno che non conosce mezze misure con gli antagonisti, per i detrattori  sarebbe persino capace di vomitare bugie. Si tratta di definizioni riprese dal blog di Marco Preve, giornalista di punta di la Repubblica, origini ingaune.  Cinagherotti ? Una mente colta, una firma capace di sarcasmo in punta di penna ( Bellamigo ) ha  confezionato diversi ‘quadretti’, senza acrimonia e senza cultura dell’odio, tra i più divertenti un pezzo titolato The Ciangherotti’s Summer Song (leggi da trucioli.it) .

Ciangherotti? All’ex magistrato, poi parlamentare europeo, infine sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, il dentista albenganese aveva inviato un pacco postale di ‘spazzatura’. Aveva espresso con toni forti il suo pensiero sulle ‘protesi al seno’. Aveva caldamente invitato il ‘maestro’ del buon esempio Silvio Berlusconi :“Abbiamo avuto un sogno, in cui l’aereo di Silvio, nella giornata di Ferragosto calda e soleggiata di domani, solcava i nostri cieli di Albenga. Caro Presidente, domani e venerdì, sulle spiagge italiane, transiteranno gli aerei con gli striscioni Forza Italia e Forza Silvio. E planeranno sopra le più frequentate località costiere italiane. Bene, ti chiediamo di arrivare anche ad Albenga. Passa dalle nostre parti, fai sentire la tua vicinanza al nostro territorio”.

La foto della settimana: il neo vescovo Antonio Suetta e il dr. Eraldo Ciangherotti (aprile 2014)

Eraldo Ciangherotti cattolicissimo, forse a torto considerato tra i sostenitori, frequentatori, consiglieri del gruppo di tradizionalisti e integralisti che ha regnato nella diocesi di Mario Oliveri vescovo, provocando tremende distruzioni, lacerazioni, la disaffezione di migliaia di fedeli.  Dai giovani agli anziani. Ciangherotti personaggio di spicco, a suo modo coerente. Quando il 20 maggio 2012 (annuncio su La Stampa)  convolò a nozze con l’architetto Francesca Buffa, cerimonia in cattedrale officiata dall’allora economo diocesano don Antonio Suetta, 130 invitati – amici,  non fece sconti: nessun politico al pranzo  nella locanda dell’Antica Torre di Alassio, fatta eccezione per il sindaco Rosy Guarnieri ed il cognato Enrico Bessone, consigliere comunale. Eraldo era assessore ai Servizi sociali. L’ultima baldanza, solo in ordine di tempo, l’ha riservata alla pia Paita, aspirante sconfitto a presidente della Liguria, reduce da un pellegrinaggio al Santuario. Titolo: ‘Lella Ciao, Lella Ciao’ . Occhiello: Albenga. «È questo l’inno con cui stiamo celebrando la liberazione della Liguria dalla sinistra di Burlando, di Paita e di Vazio. Per la prima volta, ho intonato anche io questo ritornello, con grande piacere.” Firmato Eraldo Ciangherotti.  Buon stile e cattivo gusto  per il pio ‘peccatore’?

Nel ‘capitolo diocesi’, non c’entra il malaffare organizzato, connubio e connivenze da Ior vaticano. Anche se in qualche caso sarebbe stato utile al vescovo Oliveri e ad alcuni sacerdoti tenere le distanze da chi faceva esibizione per fini poco nobili. Parliamo semmai delle laceranti ferite di una campagna stampa non certo anticlericale, che ha prodotto migliaia di articoli e locandine. Impossibile dimenticare le scolaresche in visita al centro storico di Albenga, dove ha sede il palazzo vescovile, in piedi davanti alle edicole che esponevano le locandine “Preti e sesso ad Albenga la diocesi più chiacchierata d’Italia”.  Oppure locandine degli arresti di sacerdoti, con reati sessuali ai danni di minori. O ancora ‘Parroco in fuga amorosa’. Impossibile dimenticare il disagio di sacerdoti, in particolare della vecchia guardia, catechisti, catechiste, impegnati a preparare i bambini alla Santa Cresima e negli stessi giorni leggere titoloni sugli ‘scandali in diocesi‘. Su preti gay arrivati da fuori. Il caso volle che pure nella confinante diocesi di Savona – Noli siano esplosi a ripetizione, spesso in fotocopia, bruttissime vicende che coinvolgevano  sacerdoti,  vescovi di ieri e di oggi. E in quel caso una campagna stampa, quella sì, in parte ‘veicolata’ da scontri ed interessi materiali, sullo sfondo operazioni immobiliari multimilionarie, persino cause civili e la lunga mano di un paio di alti prelati della curia romana.

 

 

Foto d’archivio il vescovo Oliveri e il dr. Ciangherotti

Ad Albenga l’arrivo ritardato, sofferto, involontariamente spettacolarizzato del vescovo coadiutore, è stato interpretato una benedizione per mano di papa Francesco, il sommo pontefice senza scheletri negli armadi, l’uomo della provvidenziale ( e rischiosissima) opera di pulizia. Un sospiro di sollievo, un incoraggiamento nei confronti della ‘Chiesa’ romana, l’avvento di monsignor Borghetti.  Impegnato far fronte al ripulisti dell’andazzo e degli indegni,  all’eredità dei bilanci dell’economato diocesano ( rimasto solido, almeno pare, negli anni di don Fiorenzo Gerini), alle difficoltà che caratterizzano alcune parrocchie, alla gestione del loro patrimonio. Resta attivo l’uccellino che informa e fa trapelare ? La talpa non agisce per denaro, non vende notizie. Ha dimostrato di perseguire obiettivi precisi e personali. Il consiglio di guardarsi alle spalle non è di ‘Frate Indovino‘ che nel 2012 ci aveva offerto l’Elogio degli Asinelli. Ovvero La Riscossa degli ultimi.

L. Cor.

La maglietta vincente: da sn, Vaccarezza, Toti, Ciangherotti e Ginetta Perrone organizzatrice di manifestazioni

Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Archivio Articoli

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su Accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi