Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Educare i ragazzi: Settimana Verde a Mendatica e master per operatori. Il calendario di opportunità, iscrizioni, prezzi

Mendatica punta su turismo, rilancio, rivalutazione. Un doppio programma con un protocollo d’intesa tra Comune e Dafist (Dipartimento di Antichità, Filosofia, Storia della Scuola di Scienze Umanistiche dell’Università di Genova). Un corso per operatore di interventi assistiti con l’ausilio degli animali, con 28 crediti Ecm riconosciuti. 500€ per una settimana in pensione completa (19-26 luglio). Dal 5 all’11 luglio “Settimana Verde” per ragazzi  dai 6 ai 16 anni, se più piccoli accompagnati dai genitori, previsti sconti per famiglie e possibilità di alloggio nel rifugio o nelle strutture ricettive del paese. Limite massimo: 70 bambini al giorno per la Settimana Verde,  40 iscritti per corsi Iaa. 

Mendatica, dunque, ancora una volta protagonista, nell’Alta Valle Arroscia, nella formazione giovanile con la Settimana Verde per ragazzi dai 6 ai 14 anni. Esordio  domenica 5 luglio dalle 16 e conclusione  alle 12 di sabato 11 luglio. Una settimana di uscite sul territorio, laboratori ed escursioni alla scoperta della natura e degli animali. E’ possibile aderire ad una o più giornate, già programmate nei particolari (Leggi…..).  Tra gli esperti Carlotta Frascara nel tema ‘Alla scoperta dei rapaci e del territorio e visita al Museo degli uccelli’. Frascara presenta un suo rapace.  Sul tema “Il lupo in Liguria” interviene  il dr. Giovanni Diviacco, funzionario della Regione Liguria.  Per l’Associazione Argo presenti la dr. Fabrizio Grillo e Frascara, la dr. Alma Kurti tutor per la parte inglese su cani, cavalli, asini. Il dr. Giampietro Sampietro come educatore cinofilm, per LegaAmbiente Daniela Lantrua.  Le quote vanno da 35 a 300 euro. Info e iscrizioni: Pro Loco di Mendatica – iat@mendatica.com – Tel. 0183 38489

PROGRAMMA CORSO PER OPERATORE –  La seconda parte dell’iniziativa frutto di interesse tra Comune, Provincia, Regione,  Provveditorato agli studi, associazioni  onlus, si snoda con una ‘scuola estiva’ dal 19 al 25 luglio. Inizio alle 9,30 con la lezione ‘Fondamenti bioetici degli interventi assistiti con gli animali da parte della prof.ssa Luisella Battaglia.  Nel pomeriggio visita al borgo di Cosio d’Arroscia, al Museo delle Erbe e all’orto botanico. Cena alle 20. Il lunedì, alle 9,30,  introduzione agli interventi assistiti con animali e ambiti di applicazione, a cui segue Fondamenti di zooantropologia della dr. Graziana Moretti.  Martedì, il prof Franco Manti con Elementi di etica professionale nell’ambito degli interventi assistiti con l’ausilio degli animali, al pomeriggio visita alle centraline idroelettriche e all’antico mulino seicentesco dove si rivede al lavoro la vecchia macina e la sperimentazione della panificazione.  Mercoledì il prof. Angelo Gazzano  interviene sulla Medicina veterinaria nell’ambito degli interventi assistiti con l’ausilio di animali. Giovedi ancora il prof. Gazzano sul tema dell’etologia canina e di pomeriggio escursione alle suggestive cascate dell’Arroscia. Venerdì Sanpietro e Grillo illustrano le “esperienze locali di interventi assistiti con l’ausilio degli animali”.  Nel pomeriggio tappe alle chiese di Mendatica. Sabato, dalle 10 alle 13 escursione guidata alla scoperta degli antichi villaggi in pietra che un tempo ospitavano i pastori e le loro famiglie nei mesi della transumanza.  Quote di iscrizione da 80 a 500 euro.

A tirare le fila dell’organizzazione Laura Amoretti già Consigliera alla Parità della Provincia di Imperia. E ancora la Pro Loco di Mendatica col presidente Antonio Agnese, la segretaria Paola Ferrari, il tesoriere Carla Pastorelli e Daniela Brunengo pubbliche relazioni e addetto stampa.

Il corso eroga 28 ECM (crediti riconosciuti) a medici, infermieri, logopedisti, fisioterapisti, osa, oss, educatori, psicologi, assistenti sociali, insegnanti.  (Leggi il programma….).

IL SINDACO DI MENDATICA DESIGNATO REFERENTE –  La provincia di Imperia, unitamente alla Regione Liguria, ora la palla è passata al centro destra (Lega Nord, Forza Italia, la Nuova Destra di Alfano), sta preparando un apposito progetto di trasporto pubblico nell’ambito dell’iniziativa europea delle “aree interne“. Il referente attuale del progetto è  Piero Pelassa in rappresentanza dei Sindaci. Sul tema si registrano, dopo gli interventi critici della settimana scorsa dei sindaci di Pieve di Teco e di Mendatica (Alessandri e Pelassa), di cui trucioli.it ha approfondito la questione alla luce  di documenti ufficiali (vedi il n. 34 del blog), le prese di posizione  del sindaco di Vessalico Paola Giliberti: ” L’autobus del mattino trasporta a Pieve di Teco dopo le sette, ma a quell’ora, il pullman per Imperia è già partito e non ci sono altre corse per gli studenti che volessero frequentare una scuola media superiore nel nostro capoluogo. E’ una situazione che perdura da anni.  Si fa inoltre presente (articolo firmato dall’insegnante in pensione Ino Gazzo, corrispondente de Il Secolo XIX, ora anche La Stampa) che “dopo aver compiuto 16 anni, i ragazzi della valle hanno soltanto possibilità di frequentare il tecnico Ruffini di Pieve di teco o essere trasportati nelle scuole imperiesi con l’automobile di famiglia. Insiste il sindaco roisa: ” Si parla tanto di dispersione scolastica e poi se ne creano le cause. Rincara il sindaco di Ranzo, Paolo Raimondo: ” La Regione Liguria ci ha chiesto 3 mila euro di contributo, ma dopo aver scritto mille volte per evitare il disservizio, noi non siamo disponibili a pagare neppure un centesimo se non ci sarà un accordo che preveda la ristrutturazione degli orari e garantisca almeno il minimo servizio. Non capisco perchè dovremmo ripianare il bilancio RT”. Il fronte del mugugno anche nelle parole di Giuliano Maglio, primo cittadino di Montegrosso Pian Latte e capo all’ufficio tecnico del Comune capofila di Pieve di teco : ” Ci devono garantire maggiore flessibilità, succede che l’autobus RT viaggia vuoto e dietro il pullman del distretto sociale che trasporta i bambini.”  Il coro in Valle Arroscia pare all’unisono: “Siamo disposti a pagare la nostra parte soltanto quando verrà data la garanzia all’ Unione dei Comuni di un servizio che funzioni”.

Si direbbe, cari sindaci di ieri e di oggi, meglio tardi che mai. A qualcuno si potrebbe aggiungere, dove eravate quando RT era l’azienda bengodi per le poltrone politiche, dei manager, dei dirigenti, i sindacati tacevano ?  Quando questo blog di volontari aveva subito, dopo pochi mesi, sollevato il tema dei superstipendi, dell’inutilizzo degli autobus ad idrogeno, del buon esempio che dava (oggi compianto) presidente della Sar autolinee, cav. Marco Lengueglia, originario di Pieve di Teco e che in tre anni aveva risanato i bilanci e l’azienda, portandola addirittura in attivo ?  Per caso non erano ancora nati Alessandro Alessandri ed il suo braccio destro Maglio ? Si sono mai accorti che, anche e soprattutto in questa provincia, l’informazione di giornali, di Imperia Tv, di web della diocesi o dell’imprenditore – uomo d’affari imperiese, ha bisogno di ‘meno occhiali distorsivi nelle notizie’ ? A chi fa pubblicità a pagamento, da anni, la stessa RT ?  Guardiamo avanti, il passato serve per non ripetere errori e impotenza nel futuro. La determinazione, l’unità sono un insostituibile punto di forza, di verifica delle promesse. Il mea culpa non è più di moda ?

Avatar

Trucioli

Torna in alto