Numero visualizzazioni articolo: 2.365

Diano Marina ringrazia. Abbracci per Edda e Luigi. Il bar Sito festeggia mezzo secolo

Nel ponente ligure ci sarà pure lo storico ‘Balzola’ di Alassio, ma Diano Marina può offrire, ai turisti e ai residenti, un bar che di anni ne ha messo insieme 50. Luigi Bianchi Carenzo e la consorte Edda Pittaluga erano entrati giovanissimi, contrariamente alla sorte di tanti altri locali non c’è stato il cambio di gestione o di proprietà. Un amore ed un passione che non scaturiscono certo dal denaro, ma dall’orgoglio, dal buon esempio verso le nuove generazioni. Tra gioie e grattacapi, tanti amici estimatori. Il sindaco Chiappori ha consegnato una pergamena, alla presenza del comandante dei vigili urbani, degli amici di una vita. Il segreto del successo è la qualità, professionalità, cortesia, umanità.

Nell’inesauribile archivio di trucioli con 20 mila vecchie fotografie dell’imperiese, del savonese e dell’entroterra, ci sono immagini di dianesi in soggiorno montano. Una foto in bianco e nero, molto originale, datata (fine anni ’60),  mostra la presenza al vecchio Piccolo Ranch di Bardineto dell’ospite Edda Pittaluga del Bar Sito. Con lei una concittadina ed una bimba, oggi forse mamma. Non ricordiamo il nome, speriamo che qualche lettore ci aiuti.

Altro scenario rispetto al  locale del lungomare di Diano, eravamo tra montanari, quando Bardineto era la ‘piccola Svizzera’ del turismo nell’alta Valle Bormida. Alberghi famigliari, trattorie, osterie, bar, panetteria col forno a legna, il ballo e orchestra, le manifestazioni tradizionali, la riserva di caccia, le domeniche con tutti i ristoranti affollati.

Diano Marina, sarà pure stata azzoppata dalla crisi e dall’irrazionale sfruttamento del territorio che mal si sposa con un turismo di qualità. Bardineto, oltre ad aver depauperato la capacità ricettiva alberghiera, si è ritrovata pure ‘tradita’ dal turismo delle famiglie rivierasche. Preferiscono la vicina Calizzano, più viva e meno spenta Nonostante un big della politica ligure di Forza Italia, Marco Melgrati, architetto, qualche anno fa invitava i turisti di Alassio che non amano divertirsi e vogliono dormire nel silenzio, a recarsi a Bardineto. Una promozione che evidentemente non ha fatto effetto. E lui stesso non ha dato il buon esempio. Nessuno in paese l’ha più visto.

A Diano Marina, invece. una lezione per tutti gli esercenti professionisti. Auguri di lunga durata al bar Sito, alle vecchie, ma giovani d’animo e alle nuove generazioni, a quanti si prodigano nei fatti affinchè la Riviera valorizzi i suoi prodotti, le sue peculiarità. A proposito i coniugi  Bianchi-Pittaluga, classe 1936 e 1939, è possibile incontrarli anche alle esposizioni di prodotti tipici, uno stand dove si può acquistare buon vino, olio pregiato e tanto altre leccornie della cucina tradizionale coltivate senza pesticidi.

LA SERATA DI EDDA AL PICCOLO RANCH DI BARDINETO (ANNI ’60): fucile e guardiacaccia 

Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Archivio Articoli

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su Accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi