Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Loano: ponte di ‘San Sebastiamo’, siamo tutti un po’ responsabili

L’antico ponte detto di san Sebastiano, con relativa statua e nicchia, fa parte del paesaggio storico artistico della città di Loano. Domenica pomeriggio intorno alle 19 nicchia, statua e parte della spallina del ponte verso monte, sono precipitati nel torrente sottostante. Al crollo si sono immediatamente accese le polemiche su chi doveva, deve e dovrebbe avere la responsabilità di quanto accaduto, sull’attenzione, sulla sorveglianza, il monitoraggio e la tutela dei beni della città.

Mi sono recato a ridosso della loggetta dei Doria e la vista del cumulo di frantumi e macerie, al centro del Nimbalto, più che polemiche mi ha fatto fare una riflessione : forse, per il crollo di san Sebastiano, sono anch’io un po’ responsabile; forse tutti siamo un po’ responsabili.

Il ponte, come tanti altri manufatti della Loano antica, fa parte del patrimonio della Città, è di tutti.

Certo chi è delegato ad amministrare ha il compito, gli uomini, i mezzi e gli strumenti per controllare e monitorare il territorio ed i suoi manufatti ma ciò non esenta ognuno di noi ad essere vigile ed attento per la tutela del nostro patrimonio.

Giornalmente percorriamo le vie di Loano senza vedere e senza renderci conto delle ricchezze che ci circondano. Abituati alla loro presenza, siamo più o meno indifferenti alla loro bellezza, salvo quando avviene qualcosa che li porta alla ribalta. Se quel qualcosa è in negativo, allora la nostra distrazione diventa mugugno, lamentela, polemica. Fuochi di paglia, rapidi ad accendersi come a spegnersi, dopo di che tutto torna come prima.

Perchè?

Forse non sentiamo più il diritto-dovere, il piacere di appartenere, di condividere, di partecipare alla vita della Città, alla “cura” del nostro bello, che in questo caso è storico artistico, ma è anche naturale, ambientale, culturale. Questi fanno la ricchezza e l’unicità di Loano!

Forse, nella frenesia della vita di oggi, abbiamo perso un po’ del senso civico che ci faceva essere e sentire parte della Comunità di Loano.

Perchè è questo che rende viva la città : la capacità dei suoi abitanti di essere “civici”, presenti, partecipi, attivi, per migliorare e far crescere il proprio territorio, dai piccoli gesti quotidiani, che ognuno di noi può fare, fino alle scelte di chi amministra : per il bene-comune..

Forse è proprio questo che dovremmo fare: re-imparare ad apprezzare e rivalutare il bene-comune, scrollandoci di dosso quell’indifferenza che troppo spesso ci caratterizza e lo porta ad essere bene di nessuno, la cui attenzione e cura non spetta mai a noi, ma è sempre compito di qualcun altro.

Ora per il ponte di san Sebastiano inizierà l’iter burocratico-amministrativo per il suo ripristino, auguriamoci che questo diventi il punto di partenza per “vedere” con nuovi occhi e “sentire” con nuovo cuore la Città , ognuno nella parte che gli compete.

Dino Sandre

QUANDO UNA CITTA’, TURISTICA O MENO, TRASCURA L’ANTICO ED IL QUOTIDIANO

Loano, una traversa centrale, sullo sfondo la cupola della parrocchia, erbacce ed aiuole con scarso decoro. Foto Facebook Rabaglia Junior del 12 luglio 2013

 

Avatar

Trucioli

Torna in alto