Numero visualizzazioni articolo: 3.767

Borghetto S. Spirito/ Quel pasticciaccio brutto della Madonna del Divino Amore

 Quel pasticciaccio brutto della Madonna del Divino Amore.

  

“Il giornalista non ha il compito di formare la società, ma il dovere di informarla”.

Peter Gomez, direttore de Ilfattoquotidiano.it

E’ chiaro che l’autore dell’articolo comparso a pag. 55 de LA STAMPA di domenica 24 febbraio 2013 e titolato “San Matteo, parrocchiani divisi sul nuovo mosaico sulla facciata”, Sig. Angelo Fresia, non solo non ha letto ciò che ha detto Peter Gomez, ma crediamo che abbia dimenticato, scrivendolo, le più elementari norme deontologiche in quanto, a parte alcune notizie non vere tipo: “La petizione muore sul nascere, perché i promotori raccolgono poche decine di adesioni e preferiscono battere in ritirata…” ha riportato , alla fine dell’articolo stesso, un (infamante?) pettegolezzo sulla precedente gestione della parrocchia, attribuendone la fonte ad anonime “malelingue”. Complimenti!

Crediamo che non si possa gettare fango su di una persona in modo così gratuito. Questo non è né giornalismo, né infimo gossip, questa è diffamazione (?).

 Ma passiamo ad altri fatti.

Dopo questo scritto non parleremo più della lacerazione che è avvenuta nella comunità borghettina di San Matteo a causa di un gesto di una persona che, forse, non è all’altezza del compito che gli è stato affidato. Non parleremo più di questo gesto autoritario. Basta. Se è stata spaccata in due questa comunità, se è stata costretta a schierarsi pro o contro qualcuno, prendiamone atto e voltiamo pagina. Andiamo avanti e solo il tempo che passa avrà la possibilità di sanare, se è sanabile, questa nuova ferita che è stata inferta alla già traballante “società borghettina” e di far capire, a chi ne è responsabile, il danno che ha compiuto.

Lasciamo che il parroco di San Matteo festeggi con i suoi giannizzeri questa effimera vittoria, nella speranza che, di fronte alla Storia, abbia il coraggio di assumersene la responsabilità.

Un’ultima cosa concernente l’articolo citato all’inizio: Don Antoine, relativamente a quanto è stato scritto sulla precedente gestione della parrocchia non si può trincerare dietro un laconico “Sinceramente preferisco non commentare”. Ha l’obbligo di prendere le distanze da quegli anonimi e vili delatori facendo pubblicare il suo dissenso, dimostrando in tal modo che non ne è connivente.

 Speriamo solo che la Madonna del Divino Amore, così vilipesa e che in mano a Don Antoine Dadour è divenuta un’arma anziché una Madre, nella sua infinità bontà e comprensione sorrida benevolmente delle nostre miserie.

Silvestro Pampolini

Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Archivio Articoli

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su Accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi