Numero visualizzazioni articolo: 1.932

Caffeina per restare svegli…Ottime ragioni per votare. Le nuove comiche Berlusconi & Santoro

Un viaggio da leggere a capitoli. Una domanda banale.  Ottime ragioni per votare. 1981, già si sapeva. Tangentopoli, mariuoli e giornalisti. L’agenda. Smemoranda. Poker. Arancioni da maturare. Oltre il paradiso. Citazioni utili.
LE NUOVE COMICHE, BERLUSCONI & SANTORO 
Riferito solo a questa sera, il 10 gennaio 2013.
In Italia, e non solo, impazzano le scommesse, addirittura pare che in Inghilterra, patria delle giocate su tutto e su tutti, è stato puntato a proposito oltre  mezzo milione di sterline, con una quota di 9 a 2 che Berlusconi si alzerà (indignato: ovvio) prima della fine della trasmissione.
UNA DOMANDA BANALE
 Vi sarà capitato tra amici di sentivi chiedere ‘ma tu come vorresti che andassero le cose, politicamente parlando, in questa Italia attualmente così scompigliata?’.
 La risposta è tanto semplice come, immagino, comune a tantissimi cittadini: ‘intanto una politica meno ferruginosa, operativa in tempi brevi e non biblici (vedi la legge elettorale, il porcellum, 7 anni trascorsi senza riuscire a cambiarla), meno deputati e senatori obbligati a lavorare di più e meglio senza l’assillo della richiesta  del voto di fiducia da parte del Governo e con stipendi adeguati a quelli dei partner europei; l’immediata abolizione delle Regioni a statuto speciale un anacronismo inconcepibile oggi, ugualmente delle Province ed eventualmente delle Prefetture, il taglio drastico del numero dei consiglieri regionali e comunali’.
Tutto ciò avvierebbe a  una piattaforma concreta di rilancio di una Italia maggiormente consapevole, con riflesso e spinta d’avvio, ad esempio, per la riduzione della disoccupazione sopratutto quella giovanile’.  In fondo cose banali, tacciate come troppo semplici e populiste, comunque a tutt’oggi sempre e comunque eluse con il dubbio di una certa ‘malafede e sordità’ da parte dei nostri politici manovratori.
OTTIME RAGIONI PER VOTARE
In questo paese è sempre complicato votare, ma stavolta lo è ancora di più. Per esempio qualcuno può dire: ci sarebbero ottime ragioni di votare Bersani, se non significasse votare anche per Nichi Vendola. Oppure: ci sarebbero ottime ragioni di votare per Mario Monti, se non significasse votare anche per Fini e Casini. E ci sarebbero persino ottime ragioni di votare per Silvio Berlusconi, se non significasse votare per Silvio Berlusconi (Mattia Feltri).
1981, GIA’ SI SAPEVA
” I partiti sono sopratutto macchine di potere e di clientela: scarsa o mistificata conoscenza della vita e dei problemi della società e della gente, idee, ideali, programmi pochi o vaghi, sentimenti e passione civile zero.
Gestiscono interessi, i più disparati, i più contradditori, talvolta anche loschi, comunque senza alcun rapporto con le esigenze e i bisogni umani emergenti, oppure distorcendoli, senza perseguire il bene comune. La loro struttura organizzativa  si è conformata su questo modello e non sono più organizzatori del popolo, formazioni che ne promuovono la maturazione civile, ma federazioni di correnti, di camarille, ciascuna con un ‘boss’ e dei ‘sotto boss'”(Enrico Berlinguer, anno 1981).
 TANGENTOPOLI, MARIUOLI E GIORNALISTI
“Perchè mai Mani Pulite dovrebbe terminare? mica si può attendere altri vent’anni per scoprire che la mala pianta si è riprodotta ed è diventata un bosco gigantesco”: parole profetiche dell’avv.Giuliano Spazzali difensore di Sergio Cusani al processo su Tangentopli”.
A circa vent’anni dal processo su Tangentopoli, ottobre del 1994, riportiamo le impressioni di alcuni giornalisti accreditati al palazzo di Giustizia di Milano e riferiti a personaggi politici coinvolti.
Marco Brando, l’Unità, su Paolo Cirino Pomicino: ‘ha improvvisato una sceneggiata napoletana, una piece da Pulcinella, in compenso ha messo il pubblico di buon umore’.
Su Gianni De Michelis: ‘è stato saporifero come e più di  Forlani senza persuadere nessuno, una figuraccia per uno come lui considerato il principe nottambulo delle discoteche’.
Peter Gomez, il Giornale, su Umberto Bossi: ‘è stato piuttosto ammosciato per aver sempre dichiarato di avercelo duro’.
Su Arnaldo Forlani: ‘è stato l’immagine vivente di quarant’anni di potere della Democrazia Cristiana, se c’ero dormivo, se dormivo non sentivo, se sentivo non vedevo’.
Fabrizio Rizzi, il Messaggero, su Bettino Craxi: ‘forte come un leone, più che in un’aula del Tribunale sembrava essere a un comizio, pur con una testimonianza zeppa di buchi neri’.
Su Claudio Martelli: ‘un uomo di classe, furbo, studiato nelle espressioni ma privo della virtù dell’onestà, troppi bugie e misteri  abilmente occultati.
Piero Colaprico, la Repubblica, su Severino Citaristi: ‘di lui non si poteva pretendere di più, ha confessato tutto con la tristezza dell’uomo giunto ormai al tramonto’.
Su Carlo Sama: ‘ha cercato per tutta la vita di rendersi simpatico con i potenti e anche in aula non ha cambiato atteggiamento nei confronti dei Giudici’.
Susanna Marzolla, la Stampa, su Paolo Cirino Pomicino: ‘come faceva a non sapere nulla delle tangenti quando la sua segretaria ritirava le buste per suo conto?… la vecchia volpe, sempre con lo stesso pelo’.
Su Severino Citaristi: ‘in aula ha tenuto un comportamento curiale, da abatino, da vero democristiano ha spifferato ogni cosa per non dovere pagare per tutti’.
Goffredo Buccini, Corriere della Sera, su Arnaldo Forlani: ‘una figuraccia, un  comportamento miserevole  per un uomo così pugnace’.
Su Bettino Craxi: ‘il leone dei vecchi tempi, lucido e grintoso, ha provato a ribaltare la situazione passando da accusato ad accusatore’.      (segue)
L’AGENDA  –  Ogni anno il solito regalo, ma l’Agenda 2013 omaggiata da Monti, è particolare, in bella rilegatura in pelle umana, le pagine in carta riciclata proveniente dai rotoli non utilizzati dai bagni dell’Ucciardone, i mesi aumentati da 12 a 13,  le festività totalmente abolite fatto salvo il Natale e la Pasqua, le domeniche come gli altri giorni tutti a lavorare politici e pelandroni compresi.
Intanto le gallinelle centriste, Montezemolo, Fini, Casini, cercano d’imbucarsi nel pollaio delle elezioni politiche prossime e quando qualcuno chiede a Monti come vanno a proposito le cose, risponde sornione ‘ va tutto bene, la scaletta del pollaio è sporca e piena di cacca ma le gallinelle continuano a fare coccodè’.
L’unico che ancora non ha capito, forse perchè abbeverato da troppo Sangiovese, è Bersani: ‘aspetto di vedere se Monti sarà super partes…‘ ma come! se è candidato ‘di parte’, con tanto di nome e cognome e con il marchio ‘Agenda’ come fa ad essere super partes?.
SMEMORANDA  –  ‘Smemoranda’  chi non ricorda la mitica agenda-diario di noi studenti?i: ora che siamo cresciuti, magari già nonni e papà, proviamo ad aggiornarla sul filo ‘dell’Agenda Monti’.
In questo 2013 è previsto l’aumento del canone RAI, l’aumento sostanzioso della tariffa per i rifiuti urbani, utenze (acqua, gas, telefono, riscaldamento, leggero risparmio per l’elettricità), assicurazioni auto, tariffe postali, servizi bancari, asili e mense scolastiche, servizi sociali, cultura e vacanze, sanità (raddoppiato il costo del ‘viagra’), autostrade, biglietti aerei e treni, alimentari, multe comunali per divieti, lotterie e ‘gratta e vinci’, Imu maggiorata a seguito delle previste rivalutazioni degli estimi catastali e quant’altro: chiediamo scusa per le dimenticanze.
Comunque ‘tutto sommato tutto è sopportabile’ non per nulla siamo Italiani e accettiamo il calvario con rassegnazione, ben  consci che dopo questa vita terrestre e disgraziata, ci sarà come premio il Paradiso: non per nulla il Vaticano, che di queste cose se ne intende, per aiutarci in tale celestiale obiettivo si è schierato apertamente con il nostro Santo Patrono Monti; molti di noi ricorderanno di quando nel dopo guerra i parroci nelle loro prediche domenicali  invitavano i fedeli a votare Democrazia Cristiana pena l’Inferno; oggi è desolante constatare che ancora si mettono in atto simili strategie  di parte da chi invece, dal prestigio morale e responsabile della propria Autorità, dovrebbe essere esempio di non ingerenza, di rispetto della libertà di pensiero dei cittadini, ‘ perchè le parole sono semi, lievito, virus, veleno’.
POKER  –  Discusso alla chetichella in notturna dalla Commissione Bilancio, è di pochi giorni fa la notizia che è stato rimandato (a decidere sarà il prossimo esecutivo), l’emandamento che autorizza l’apertura di 1000 nuove sale da gioco da aggiungersi alle 400mila slot già ubicate nei bar e alle 2400 nelle sale video: che i quattrini, con la scusa del raggiungimento di bilancio nel 2013, contano ben di più della moralità o del dramma di moltissimi italiani che nel vizio del gioco, malati dipendenti, trovano falsi surrogati al difficile quotidiano, nel concreto distruggendo se stessi e le loro famiglie.
ARANCIONI  DA MATURARE  –  Il dr. Antonio Ingroia ha sciolto la riserva, si candiderà alle politiche del 2013 nel neonato movimento degli ‘Arancioni’ iniziativa  dall’ex P.M e attuale sindaco di Napoli il dr. Luigi De Magistris.
E’ difficile comprendere, abbiamo sempre considerato il dr. Ingroia  come ‘un uomo giusto al posto giusto’, integerrimo nel suo impegno di alta professionalità, ugualmente come siamo rimasti perplessi per l’abbandono repentino, solo un mese, della missione in Guatemala  alla quale era stato chiamato dalla Comunità  Europea.
Sarebbe giusto e corretto conoscere del perchè di certe motivazioni e scelte, noi, semplicemente, invitiamo il dr. Ingroia a ripensarci e a ritornare a fare il nobile mestiere di P.M., da tutti auspicato, in quanto riconosciuto come uomo (e non politico)capace e irreprensibile.
OLTRE IL PARADISO –  ‘Quando la nostra Costituzione entrerà in funzione sarà bellissimo’ e ancora ‘nella Costituzione ci sono le regole per vivere tutti insieme in pace e lavorando’, queste le battute maggiormente graffianti pronunciate da  Benigni sulla Lectio Magistrali, spettacolo in prima serata su Rai 1: in effetti è un po’ di tempo che aspettiamo che tutto ciò si verifichi, dai nostri nonni, poi noi padri, i figli e forse i nipoti: ma abbiamo perso ogni speranza, e non solo quella, a meno che non accada il  miracolo è cioè che tutti, ma proprio tutti, gli attuali politici vadano a fottere ben oltre il Paradiso.
CITAZIONI  –  ‘L’Italia è stata gettata nel baratro da Berlusconi e Monti l’ha seppellita’.
                 *  Simpatici questi nostri  figlioli che ogni mattina, prima di entrare in classe ‘ si fanno di spinelli e altro’ e uscendo di casa salutano affettuosamente la mamma con : ‘ci vediamo per l’ora di pranzo se riesco a sopravvivere’.
                 *  C’è ancora qualcuno che si ricorda del rapimento surreale del rag. Spinelli, ufficiale pagatore delle olgiattine’?  come dice la Santa Romana Chiesa ‘chi sà parli ora o mai più’.
                 *  Uno dei pochi problemi risolti in Italia: mai più terremoti, infatti tacciono circa 60 dei 300 sismografi operanti sul territorio nazionale, mancano i fondi per ricaricare le batterie utilizzate per far funzionare i dispositivi di
allarme e, di conseguenza, sono stati licenziati i 250 precari a suo tempo assunti per tali mansioni.
                 *  Ormai è certo, è imminente il matrimonio tra l’Ente di Stato delle Ferrovie e l’Alitalia, matrimonio non solo di
opportunità e convenienza economica ma anche perchè obbligato e riparatore in quanto la ‘signora Ferrovia’             accusa ‘un certo ritardo nelle sue cose’ .
Gianni Gigliotti
Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Archivio Articoli

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su Accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi