Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Rubrica/ Caffeina per restare svegli: Buon 2013 che il Natale lo hanno rubato

Buon Anno 2013 che il Natale lo hanno rubato. Ci hanno rubato anche i sogni e la speranza. Ecco perché. Il Santo Cavaliere delle Favole.
HANNO RUBATO ANCHE I SOGNI E LA SPERANZA  –   Già archiviato il misero Natale azzerato dall’IMU come regalo di Babbo Monti, ci inoltriamo in questo incerto 2013 con l’amaro disagio dell’anno appena trascorso, uno dei peggiori, in tutti i sensi, della nostra storia Repubblicana, per alcuni aspetti più tragico di quelli della guerra se non fosse altro per l’aridità dei rapporti umani, egoismi e amoralità, mancanza di cultura.   Vorremmo essere portatori di qualche buona parola ma onestamente non ce la sentiamo di essere emuli di questi amministratori ciarlatani ed egoisti dove al posto del cuore hanno evidentemente trapiantato un portafoglio e qualche registratore di cassa.
Se c’è ancora qualcosa che ancora puo essere salvato da questo Maya-lissimo marciume, ricordiamoci che, malgrado e comunque, siamo noi, straordinari Cittadini Italiani, a dover difendere la nostra prerogativa di essere uomini liberi e dignitosi e non sudditi ignoranti.
TUBICOL  – Il naturale decadimento fisiologico si può cercare di rallentarlo ma non si può  bloccare anche per coloro particolarmente beneficiati da madre natura, oppure con l’aiuto del bisturi, qualche trapIanto di peli qua e la, iniezioni di ‘tubicol’ per accendere il desiderio sessuale.
Diamo comunque atto al Cavaliere della Sua debordante vitalità, basta guardare la grinta ritrovata in questi giorni d’impegni
pre elettorali, oltre tutto senza tralasciare nulla della sua feconda sfera privata esibendo l’ennesima conquista femminile, questa volta definita come ‘fidanzata ufficiale’, Francesca, una splendida e verace napoletana di 28 anni di età, comunque ben al di sopra della media delle olgiattine e della  punta di diamante della minorenne  Ruby.
                                                                    *  *  *
INCONGRUENZE E MISTERI ITALIANI  –  Il gettito tributario è stato talmente alto da superare ogni più rosea previsione, malgrado ciò il debito pubblico continua a debordare; lo spreed, con Monti, dopo innumerevoli sacrifici, si era assestato su 320 punti circa, dopo la discesa in campo di Berlusconi è sceso a 290.
BERLUSCONIANA 
E’ solo un fattore fisiologico, l’invecchiamento umano si può solo cercare di rallentare ma non bloccare anche per coloro particolarmente beneficiati da madre natura, oppure con l’aiuto del bisturi, qualche triapanto di peli qua e la, iniezioni di ‘tubicol’ per accendere il desiderio sessuale.
Diamo comunque atto al Cavaliere della Sua debordante vitalità, basta guardare la grinta ritrovata in questi giorni d’impegni pre elettorali, oltre tutto senza tralasciare nulla della sua feconda sfera privata esibendo l’ennesima conquista femminile, questa volta definita come ‘fidanzata ufficiale’, Francesca, una splendida e verace napoletana di 28 anni di età, ben al di sopra della media delle olgiattine e della  punta di diamante della minorenne  Ruby.
                                                                    *  *  *
Il siculo Alfano, più gattopardo che fico d’india, tutto ‘culo e camicia’ pro il suo padre politico e padrone Berlusconi, circa un mese fa si era risvegliato da una sorta di coma, dichiarando a muso duro che le primarie PdL, annunciate e predisposte, si sarebbero effettuate ‘senza se e senza ma’, a dispetto di chichessia, o al contrario si sarebbe nell’immediato dimesso dal ruolo di segretario; trascorsi pochi giorni, evidentemente ‘fulminato sulla strada di Arcore ben più larga di quella di Damasco’, con una giravolta di 360° gradi, il prode Angelino ha pensato bene di afflosciare ogni velleità e fare atto di geneflussione  al Santo Cavaliere dell’Italia delle favole.
Un po’ per nostra storia, un po’ perchè bimbartelli e maliziosi, ‘noi quattro gatti con il resto di due’ (Azione Riformista, Futuro è Socialismo, il Movimento, Socialisti Riformisti) abbiamo elaborato una riflessione che qui, ‘Signore e Signori’ andiamo ad enunciare.
Berlusconi si candida a sorpresa con lo scopo verosimilmente d’ingarbugliare, rimescolare le carte in questa prima fase che lo vede in forte difficoltà politica in tutti i sensi.
Pochi giorni dopo esordisce che ben volentieri si farà da parte, appoggerà  Monti se si candiderà a Premier alla testa di una coalizione di moderati centristi a baluardo della solita sinistra comunista (ancora quella che ‘mangiano i bambini’). Monti tergiversa ma è probabile che scenda in campo, dando così modo a Berlusconi di ritirarsi salvandosi il sedere, e non solo quello, dalla graticola.
Nell’ipotesi che Monti rinunci, all’ultimo momento Berlusconi candiderà a Premier il mesto Sant’Angelino (tutto concordato, ecco il motivo della geneflessione)  che ovviamente non riuscirà a vincere le elezioni ma darà modo di giustificare il Cavaliere con: ‘avrei dovuto essere io il naturale candidato a Premier ma è tempo, è giusto fare un passo indietro (il solito, ormai è come ‘la stanza dei passi perduti’) riservandomi il solo ruolo di padre nobile del PdL, spazio quindi ai giovani anche se ancora non totalmente svezzati con o senza il quid’.
BUON ANNO 2013 che il Natale lo hanno rubato 
A pochi giorni di quando questo articolo uscirà, molte cose e molti fatti saranno cambiati o stravolti, o palesati in quanto facenti parte di un progetto articolato a lungo termine.
Una settimana fa Berlusconi annunciava la sua discesa in campo con ‘baldanzoso sproloquio e clamore mediatico’ , l’altro ieri ha dichiarato che avrebbe fatto un gesto di grande responsabilità il (solito) passo indietro ad appogiare Monti nella eventualità avesse deciso di candidarsi. Monti ha ufficializzato la sua candidatura, togliendo verosimilmente Berlusconi dalle ‘castagne sul fuoco’, le uniche a disperarsi, oltre alle olgiattine, sono le nonne e le mamme che già avevano ripreso a canticchiare ‘meno male che Silvio c’è’.
In questo nostro Paese così burlesque, tanto strampalato quanto imprevedibile, viene naturale chiedersi  se mai tutto ciò fosse  concordato a priori, un giochino ‘tra il gatto e la volpe’ a beneficio degli allocchi cittadini: a tale proposito noi abbiamo le nostre idee ma perchè appunto ‘nostre‘, potrebbero essere viziate, voi cari lettori provate a riflettere.  Dispiace che qualcuno avesse creduto di liberarsi, finalmente!, di personaggi come il celeste Formigoni, il libraio esoterico dell’Utri, il metistofele La Russa, la Trota del lago prosciugato, la rockettara Polverini, la ridipinta rossa Brambilla, l’occhialuta miope Gelmini, la menestrella Santachè, tutti riapparsi come fantasmi di ventura dalle nebbie del PdL a puntellare lo scricchiolante castello del Cavaliere ‘senza macchia e senza paura’.
Intanto la campagna elettorare è già iniziata, da queste prime battute pare alquanto rissosa, si cercano alleanze innaturali pur di ‘salvare scranni e poltrone’ mentre altre già conclamate si sciolgono come neve al sole; i problemi non mancano, Bersani si deve scriroppare Vendola, Casini si deve sciroppare tutto e tutti, Di Pietro cerca una casa dove poter alloggiare pur avendo un patrimonio immobiliare non da poco, Grillo ha iniziato a sproloquiare molte delle sue fans cicale l’hanno abbandonato tutto sommato meglio un maschio calabrone che un comico, Alfano è alla ricerca di se stesso sprofondato in una profonda crisi depressiva dopo che dell’Utri l’ha apostrofato come ‘senza balle’ e la Santachè ‘con balle di velluto’.
Si voterà ancora con il ‘Porcellum’ (che come dicevano i nostri nonni, ‘del maiale non si butta nulla’), d’altra parte era umanamente impossibile che in soli sette anni si riuscisse a modificarlo, c’è speranza nei prossimi sette anni, ma non è detto, dipenderà dalla buona volontà dei nostri politici.
C’è poi l’inghippo del Festival di Sanremo, stesso periodo delle votazioni, ma pare che si sia arrivato ad un accordo unanime di rimandare le elezioni e permettere così agli italiani di divertirsi con le canzonette e poi, Fabio Fazio, è un bravo presentatore anche se il personaggio TV più raccomandato d’Italia.
Comunque a tutti, ma proprio a tutti, ‘belli & brutti’, ‘consapevoli & stonati’, ‘poveri ricchi & poveri veri’, ‘disoccupati & esodati’, ‘gnocche in carriera & politici con carriera già terminata’,   B U O N  2013 . 
MEGLIO CICERONE O MONTI?  –  Già nel 55 a.C. Cicerone aveva evidenziato i problemi dell’Impero Romano, tali e quali, gli stessi dell’Italia di oggi: La finanza pubblica deve essere sana, il bilancio deve essere in pareggio, il debito pubblico deve essere ridotto, l’arroganza dell’amministrazione deve essere combattuta, l’aiuto ai paesi stranieri deve essere diminuito per evitare il fallimento economico. la popolazione deve ancora imparare a lavorare invece di vivere di sussidi pubblici‘.  
Gianni Gigliotti
 
Avatar

G.Gigliotti

Torna in alto