Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

L’incompiuta di Alassio, il nuovo tubo dell’acquedotto in galleria sempre a secco

La rete idrica di  Alassio, per guasti, resta spesso all’asciutto? C’è un tubo – potenzialità di 17 mila litri al minuto – installato nel corso dei lavori della galleria dell’Aurelia bis. Un’opera ultimata da due anni e mezzo. E’ costata alla comunità 2 milioni e mezzo di euro.  La realizzazione con Marco Melgrati sindaco, grazie ad un finanziamento  che aveva reperito, a prestito, Roberto Avogadro, tornato al comando del governo cittadino. L’obiettivo portare acqua ad Alassio. Invece…

Inaugurazione della ‘bretella-variante’ Villanova-Alassio: era il maggio 2004 (foto d’archivio).

Altra chicca, da Albenga  fino alla nuova galleria esiste una condotta. Basterebbe fare l’allaccio per affrontare l’annoso problema dei black out di cui è afflitta da anni la città del Muretto. Un altro aspetto strano è che questa tematica per un evidente spreco (considerato l’inutilizzato della tubazione) sia sparita dai temi e dai dibattiti della vita pubblica alassina. Dimenticato, finito in cavalleria. Nonostante l’importanza strategica per i cittadini, la sua economia turistica, tante piccole aziende a conduzione famigliare. Con un frequente tam tam di notizie di questo tenore: un guasto ad una tubazione dell’acquedotto ha causato l’interruzione del servizio idrico, forti disagi e proteste dei cittadini, delle attività turistiche. Testimonia la rassegna stampa e web.

Un’opera incompiuta, dunque, che non provoca  indignate proteste o inchieste. Eppure potrebbe essere l’attesa soluzione, nell’immediato, ad un problema prioritario come è l’acqua. Nella speranza che un giorno tutta la rete idrica cittadina sia messa in condizioni di scongiurare rotture, interruzioni, disservizi, dovute alla vecchiaia.

Aggiungiamo, come tutte le opere incompiute (in questo caso non messa in funzione, non collegata), anche quella di Alassio dovrebbe essere iscritta alla ‘banca dati’ nazionale. Infatti non spaventa  neppure lo spettro di eventuali sanzioni di fronte ad una palese inadempienza.  Non pare siano necessarie nuovi risorse, ma il buon senso, la gestione corretta dell’ordinaria amministrazione, senza la quale è inutile dilaniarsi in sterili polemiche, spesso con il solo obiettivo dei polveroni e di rivalsa.

L’8 maggio 2004 – come documenta la foto – avvenne la cerimonia d’inaugurazione della ‘variante complementare alla ex statale Aurelia bis (bretella)’.  Fa parte della politica del fare che ha contraddistinto il ligure-imperiese on. Claudio Scajola.  Nel suo blog ricordava: “La cerimonia di oggi non è soltanto un giorno di festa per noi che useremo questa strada, anch’io utilizzo l’aeroporto di Villanova, sono eletto in questo collegio, ma direi che è l’occasione per tracciare un panorama più complesso delle infrastrutture di questa Regione”.

La posa dei tubo lungo la galleria è stata voluta per risolvere un serio problema idrico di Alassio. Peccato che alla fine manchi pure la riconoscenza verso quanti si sono adoperati per l’opera stradale.  A chi dire grazie?

 

Avatar

Trucioli

Torna in alto