Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Così si votava in provincia di Savona nel ’48. Record affluenza, oltre il 90 per cento

Le elezioni politiche del 1948 riproposte in un grafico curato dal dr. Bartolomeo Fazio su ‘Pagine Savonesi’ (aprile 1993). Alle ultime elezioni provinciali del presidente Vaccarezza si è toccato il fondo col 45,88 per cento di votanti. Nel dopoguerra la soglia minima, nei comuni della provincia, fu dell’89% a Pietra Ligure, la massima del 97,25 a Cengio. Oggi gli astenuti rappresentano il primo partito del Bel Paese.

Ecco i risultati elettorali in 29 comuni della provincia di Savona, con la sbalorditiva percentuale di votanti. Il primo partito, in Italia, come nel savonese fu la Dc che in due comuni raggiunse il 67,56 % (Bardineto) ed il 67,25% (Noli), Il picco minimo la Dc lo raccolse a Vado Ligure (28,22%) e a Garlenda (38,11).  Il secondo schieramento, come consistenza elettorale, era il Fronte Democratico (poi diventerà Pci) che a Vado ottenne il maggiore successo (60,65 %), seguito da Cairo con il 57,44 %. Al terzo posto l’Unità socialista che ha primeggiato a a Calizzano (24,13%).  Al quarto posto il  Blocco Nazionale (Bn), al quinto il Partito Nazionale Monarchico (PNMA), al sesto il Movimento sociale, per ultimo il partito Repubblicano.   La percentuale nazionale dei votanti (nel 1948) era stata del 92,2 per cento.

Avatar

Trucioli

Torna in alto