Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Borghetto S.Spirito/ La giunta Ganfolfo? Più veloce della luce

L’11 agosto 2012 il Dott. Roberto Moreno, capogruppo del PDL in seno al Consiglio Comunale di Borghetto S.S., ‘pubblica’ un articolo su LA STAMPA, nel quale giudica i primi mesi dell’Amministrazione Gandolfo definendoli: “Cento giorni di assenza imbarazzante “.

Mi permetto di contraddirlo affermando che la Giunta Gandolfo, quando vuole, è più veloce della luce.

Cronologia:

Consiglio Comunale del 24/10/2007 – Punto 2 dell’O.d.g.: “Domanda di autorizzazione unica per la realizzazione di un edificio socio-sanitario destinato a residenza protetta, Hospice e servizi sanitari integrati ubicati in via Parioli….Istanza di variante al P.R.G. vigente e al P.U.C. adottato”.

Nella premessa il Sindaco Santiago Vacca dice: “…riguarda la realizzazione di un  polo di servizi sanitari integrati” (in seguito questo polo verrà chiamato Villa Maddalena di proprietà della società PARVAM srl. Ndr). Il nuovo edificio comprenderà una residenza protetta, un poliambulatorio dei medici di famiglia, un ospedale di comunità (ricoveri brevi di 1/3 giorni.Ndr) e un hospice (assistenza dei malati terminali negli ultimi giorni di vita. Ndr).”

Il gruppo consiliare di minoranza “UNA MANO A BORGHETTO”, attraverso la voce della consigliera Rosangela Ferrando, contesta all’Amministrazione il fatto che la variante, richiesta dalla società PARVAM srl, stravolgerebbe quanto era stato previsto dalla precedente amministrazione e cioè che l’area in discussione era “…d’interesse comune, denominata UTAP, Unità Territoriale di Assistenza Primaria per servizi socio-assistenziali del Comune, guardia medica, Croce Bianca, servizi territoriali dell’ASL per la medicina di base e altri eventuali servizi di competenza dell’ASL…” privando la cittadinanza di tutti questi servizi pubblici e favorendo, di fatto, degli interessi privati, anche se la struttura socio-sanitaria diventerà, in parte, una residenza protetta per anziani (ma a pagamento).

Segue un’animata discussione alla fine della quale i consiglieri di minoranza abbandonano l’aula. Il punto 2 dell’O.d.g. sarà approvato con 11 voti favoreli su 11 presenti.

– Consiglio Comunale del 4/6/2008 – Punto n. 3 dell’O.d.g.: “Realizzazione  di edificio socio-sanitario…richiesto dalla società PARVAM srl. Approvazione atto unilaterale d’obbligo. Schema di convenzione preordinato al rilascio dell’autorizzazione urbanistica…”.

In questa seduta del Consiglio Comunale, con l’approvazione di questo punto all’O.d.g., viene concesso alla Società PARVAM il 25% in più nella struttura socio-sanitaria privata, cioè l’area che era UTAP al servizio del cittadino, diventa di uso e sfruttamento privato.

Voto favorevole all’unanimità.

– Consiglio Comunale del 30/11/2011 – Punto 4 dell’O.d.g.: “Domanda di autorizzazione unica per la conversione, senza opere, della superficie destinata a Hospice in area destinata all’uso di servizi sanitari privati…”.

Con questa delibera viene concesso alla società PARVAM  di destinare l’area in precedenza riservata a Hospice per l’accoglienza di malati terminali (poiché l’ASL ha tagliato i fondi per tali convenzioni) in area destinata a servizi sanitari privati, in pratica a residenza protetta per anziani. In cambio di questa destinazione d’uso l’Amministrazione chiede alla società PARVAM di sottoscrivere una convenzione favorevole verso i cittadini di Borghetto S.S. (finalmente!).

Con quest’ultimo provvedimento Villa Maddalena diventa definitivamente e totalmente una struttura privata socio-sanitaria.

Approvazione con 11 voti favorevoli e 5 astenuti (i consiglieri di minoranza).

Delibera della Giunta Comunale n° 80 del 4/5/2012 (mancano due giorni alle elezioni amministrative).

Delibera molto importante, nella quale vengono stabilite le “linee d’indirizzo in merito alla stipula di atto convenzionale” tra il Comune di Borghetto S.S. e la PARVAM .

Ecco le clausole:

– La società PARVAM , nella nuova struttura socio-sanitaria denominata Villa Maddalena, dovrà mettere a disposizione  di cittadini residenti in Borghetto S.S., segnalati dai Servizi Sociali n° 4 posti letto. Tali cittadini avranno la priorità nella lista di attesa.

– La retta giornaliera sarà ridotta del 50% (Esempio: retta giornaliera 80,00 €. Costo per il Comune 40,00 € al giorno).

– Inoltre dovrà essere garantita, per la durata di 30 giorni, massimo 60 giorni, una sistemazione d’urgenza per un cittadino segnalato anch’esso dai Servizi Sociali (dopo 60 giorni ripetibile per un altro cittadino, quindi in sostanza un posto letto in più).

 

Ma a questo punto succede qualcosa. Finisce la collaborazione quinquennale tra la società PARVAM e la Giunta Vacca, nonostante le delibere di Consiglio Comunale e di Giunta i cui contenuti ricapitoliamo di seguito:

1) permesso di costruire la struttura modificandone la destinazione d’uso;

2) aumento del 25% del volume dell’ex area UTAP;

3) cambio d’uso dell’area destinata ad Hospice ad area socio-sanitaria    privata.

 

Due giorni dopo si svolgono le elezioni amministrative. La lista del PDL, con candidato sindaco Roberto Moreno (nella foto) perde clamorosamente e la vittoria è assegnata, per una differenza di 31 voti, alla lista “Noi per Borghetto” il cui candidato sindaco è Giovanni GANDOLFO. Tra gli eletti nella maggioranza figura la Sig.ra Stefania Maritano, che ha ottenuto ben 184 voti di preferenza (voti determinanti per la vittoria della LISTA-GANDOLFO), la quale presta la sua opera presso un noto studio medico di Borghetto S.S., di cui fa anche parte suo cugino, il Dott. Giancarlo Maritano, i cui figli detengono il 30% delle quote della società PARVAM.

Il 17 maggio 2012, dopo appena dieci giorni dalla vittoria e ancor prima di prestare giuramento pubblico, la Giunta GANDOLFO con delibera n° 81 decide di abolire le linee d’indirizzo dell’atto convenzionale tracciate nella precedente delibera n° 80 del 4/5/2012 (Giunta Vacca) e detta le seguenti nuove linee di indirizzo:

1) I posti letto a disposizione dei cittadini di Borghetto S.S. segnalati dai

     Servizi Sociali passano da 4+1 a 3.

2)  Viene soppresso il posto letto per le sistemazioni d’urgenza.

3) Viene abolita la riduzione del 50% sulla retta giornaliera (ripetiamo l’esempio: retta giornaliera 80,00 €. Costo per il Comune 40,00 € al giorno) ed introdotto lo sconto di € 27,27 sulla stessa retta giornaliera (Esempio: retta giornaliera 80,00 € meno sconto di € 27,27 = costo per il Comune € 52,73 al giorno. La differenza di € 12,73 al giorno moltiplicata per tre posti letto e per un anno dà un maggior costo di € 13.939,35).

Il tutto a svantaggio della comunità borghettina e a vantaggio di Villa Maddalena (tra l’altro, per quanto mi consta, la somma di € 27,27 giornaliera è il corrispettivo che l’ASL rimborsa alla residenza protetta). In buona sostanza Villa Maddalena con la  nuova convenzione non ci rimette un centesimo mentre il Comune, e quindi i cittadini di Borghetto S.S., si accolla un  costo molto più alto per un servizio ridotto del 40%.

Infine con Delibera n° 90 dell’1/6/2012 la Giunta Gandolfo approva la nuova convenzione tra il Comune di Borghetto S.S., la società PARVAM srl, proprietaria dell’immobile Villa Maddalena, e la società RESIDENZE IL SESTANTE srl che gestisce la struttura socio sanitaria presso Villa Maddalena.

Fine della storia.

 

Come abbiamo potuto costatare, Egr. Dott. Moreno, la Giunta GANDOLFO è perfettamente funzionante e tempestiva. Quindi né lei, né i cittadini di Borghetto S.S.  si devono preoccupare per apparenti ritardi: siamo in ottime mani.

=====

 
Per dovere di cronaca comunichiamo che durante le sedute di Giunta del 17/05/2012 e del 1/6/2012, sopra citate, risulta assente la Signora Stefania Maritano.

Era invece presente, fra gli altri, il Signor Emanuele Parrinello, segretario del locale circolo del Partito Democratico e figlio di Rosangela Ferrando, la già citata consigliera di minoranza nella precedente Amministrazione e facente parte del gruppo di opposizione “UNA MANO A BORGHETTO” , il cui atteggiamento nei confronti di tutta questa storia, fu sempre molto critico e sospettoso.

=====

 

–         STRALCIO DAL PROGRAMMA ELETTORALE DELLA LISTA “NOI PER               BORGHETTO”, CANDIDATO SINDACO GIOVANNI GANDOLFO:

“Politiche Sociali: ….convenzione tra il Comune e le strutture sanitarie per permettere agli anziani non autosufficienti con un reddito basso di accedere comunque ai servizi di residenza protetta”.

 

–         STRALCIO DAL PROFILO DI EMANUELE PARRINELLO PUBBLICATO DURANTE L’ULTIMA CAMPAGNA ELETTORALE SUL SITO INTERNET DELLA LISTA “NOI PER BORGHETTO”.

“I miei genitori Piero Parrinello e Rosangela Ferrando mi hanno trasmesso l’amore per il mio paese e per la politica, intesa come lotta alle ingiustizie, alle diseguaglianze di ogni tipo e per l’affermazione piena della democrazia, della libertà, delle capacità e delle potenzialità di ciascuna persona”.

 

Silvestro Pampolini

Villa Maddalena a Borghetto (foto IVG.it)
Avatar

S.Pampolini

Torna in alto