Numero visualizzazioni articolo: 1.415

Rifiuti e differenziata(2) Comuni imperiesi: Diano Arentino maglia nera al 5,22%)


Imperia – La TARSU è una tassa per lo smaltimento della rifiuti solidi urbani in continuo aumento che incide su tutti i cittadini. La provincia di Imperia è quella che sta peggio, caratterizzata da commissariamenti e inchieste dell’Autorità giudiziaria. Che dire e pensare dei fatti delittuosi ripetuti nell’imperiese per incendi dolosi di camion della nettezza urbana e cassonetti nel comune di Taggia e altre località?

A livello regionale scopriamo che i sindaci, gli assessori e i consiglieri comunali (salvo rare eccezioni) – dovuta a negligenza amministrativa – continuano a farci pagare sempre più cara la raccolta dei rifiuti urbani. Solo negligenza?

Ancora più grave che gli Amministratori regionali e provinciali, da anni, navigano nelle nebbie di interessi che non coincidono prioritariamente con quella dei cittadini liguri. A livello nazionale abbiamo riscontrato i casi clamorosi, da terzo mondo, delle Regioni Campania e Sicilia. Non si può non ricordare che nel governo Berlusconi è prevalsa la tesi di fare nuovi termo valorizzatori (inceneritori) anziché migliorare la raccolta differenziata con obiettivo finale di “rifiuti zero“.

Nel 2006, con Decreto Lgs: n. 152/06, erano state introdotte nuove disposizioni in materia di raccolta differenziata (RD) dei rifiuti. L’art. 205 della citata legge fissa obiettivi puntuali di RD dei rifiuti urbani da raggiungere in ogni ambito territoriale nell’arco di 6 anni dall’entrata in vigore del decreto, che prescrive:

a)- almeno il 35% entro il 31 dicembre 2006;

b)- almeno il 45% entro il 31 dicembre 2008;

c)- almeno il 65% entro il 31 dicembre 2012.

Nel caso in cui a livello di ambito ottimale non siano conseguiti gli obiettivi minimi previsti, è applicata un’addizionale del 20% al tributo di conferimento dei rifiuti in discarica a carico dell’Autorità d’ambito, che ne ripartisce l’onere reale tra quei comuni del proprio territorio che non abbiano raggiunto le percentuali previste sulla base delle quote di Rifiuti Differenziati raggiunte nei singoli comuni.

Come è la situazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti nella provincia di Imperia?

Ecco i dati delle percentuali relativi agli anni 2007 – 2008 – 2009 – 2010 e 2011 che sono stati pubblicati nelle delibere di Giunta Regionale:

Provincia di Imperia

Comuni

Abitanti

al 31/12/2011

Percentuale

raccolta

differenziata

Anno 2007

Percentuale

raccolta

differenziata

Anno 2008

Percentuale

raccolta

differenziata

Anno 2009

Percentuale

raccolta

differenziata

Anno 2010

Percentuale

raccolta

differenziata

Anno 2011

Airole

495

21,02%

22,17%

24,25%

23,18%

22,53%

Apricale

587

27,32%

28,35%

27,43%

22,44%

22,60%

Aquila d’Arroscia

174

10,13%

28,43%

30,80%

33,22%

26,77%

Armo

123

21,92%

30,61%

27,15%

20,29%

43,72%

Aurigo

347

3,27%

2,75%

13,37%

12,74%

16,17%

Badalucco

1.205

11,71%

14,21%

16,02%

17,24%

17,19%

Baiardo

323

n.i

19,64%

21,67%

7,84%

22,02%

Bordighera

10.745

24,31%

24,16%

25,94%

27,37%

28,62%

Borghetto d’Arroscia

477

4,52%

7,54%

16,17%

14,99%

18,92%

Borgomaro

884

10,71%

7,32%

9,24%

13,40%

13,77%

Camporosso

5.804

29,53%

42,80%

52,24%

50,80%

54,61%

Caravonica

307

3,06%

6,62%

15,00%

24,33%

16,07%

Carpasio

156

23,54%

21,23%

26,97%

23,17%

25,61%

Castel Vittorio

353

23,12%

26,48%

29,52%

28,23%

23,40%

Castellaro

1.258

11,14%

16,65%

16,12%

17,83%

21,23%

Ceriana

1299

8,03%

9,65%

8,94%

10,93%

14,11%

Cervo

1.153

4,26%

n.i

17,88%

20,86%

23,98%

Cesio

294

5,68%

5,17%

15,92%

20,94%

25,78%

Chiusanico

616

6,46%

7,69%

13,29%

20,18%

31,41%

Chiusavecchia

587

5,97%

4,27%

9,07%

23,91%

10,36%

Cipressa

1.370

7,37%

9,40%

11,62%

14,13%

19,36%

Civezza

650

n.i

6,91%

10,24%

6,32%

13,23%

Cosio d’Arroschia

244

3,66%

6,71%

12,33%

16,91%

17,05%

Costarainera

890

8,31

10,95%

8,65%

8,75%

8,37%

Diano Arentino

744

9,79%

6,22%

9,91%

12,65%

5,22%

Diano Castello

2.365

2,03%

1,93%

2,77%

4,27%

11,39%

Diano Marina

6.173

12,28%

16,41%

16,87%

18,12%

18,68%

Diano San Pietro

1.130

21,18%

12,65%

14,76%

17,07%

22,87%

Dolceacqua

2.063

22,15%

20,56%

23,17%

21,52%

23,36%

Dolcedo

1.491

n.i

n.i

4,91%

7,74%

5,53%

Imperia

42.915

19,71%

21,55%

26,27%

26,79%

24,53%

Isolabona

707

18,33%

15,49%

18,38%

19,67%

18,59%

Lucinasco

285

7,68%

11,81%

14,61%

16,37%

16,97%

Mendatica

223

3,57%

9,33%

12,17%

15,55%

12,47%

Molini di Triora

704

14,45%

14,67%

16,35%

19,13%

24,03%

Montalto Ligure

373

16,74%

13,96%

16,01%

18,57%

20,94%

Montegrosso Pian Latte

122

12,85%

18,92%

13,62%

29,15%

26,23%

Olivetta San Michele

240

21,75%

20,96%

24,61%

24,49%

19,91%

Ospedaletti

3.639

21,19%

26,41%

18,99%

32,85%

40,33%

Perinaldo

914

22,32%

29,36%

24,17%

25,54%

23,48%

Pietrabruna

558

2,52%

7,21%

10,61%

10,24%

10,93%

Pieve di Teco

1.433

4,08%

3,76%

18,91%

27,09%

23,03%

Pigna

907

18,88%

23,26%

23,64%

20,09%

23,71%

Pompeiana

846

11,92%

13,81%

14,92%

17,03%

18,58%

Pontedassio

2.360

6,35%

3,39%

5,13%

27,89%

8,14%

Pornassio

623

5,39%

10,81%

10,84%

12,71%

13,81%

Prelà

525

n.i

n.i

7,01%

6,87%

11,23%

Ranzo

560

9,88%

9,44%

13,22%

17,51%

21,04%

Rezzo

381

19,27%

22,16%

21,75%

30,49%

36,64%

Riva Ligure

2.951

10,65%

13,37%

14,78%

19,46%

21,82%

Rocchetta Nervina

273

19,59%

22,75%

25,11%

25,58%

24,06%

San Bartolomeo al Mare

3.120

13,79%

20,12%

21,65%

21,04%

29,21%

San Biagio della Cima

1.323

11,02%

18,51%

18,16%

12,91%

18,62%

San Lorenzo al Mare

1.383

13,25%

25,16%

28,96%

24,53%

34,01%

Sanremo

56.962

19,54%

20,25%

20,17%

20,11%

30,51%

Santo Stefano al Mare

2.291

6,68%

2,58%

3,01%

3,36%

36,71%

Seborga

323

25,29%

21,39%

25,55%

25,71%

28,91%

Soldano

1.007

19,64%

28,12%

29,24%

28,25%

30,07%

Taggia

14.541

26,79%

30,39%

35,91%

35,98%

39,44%

Terzorio

236

23,46%

23,62%

24,68%

23,82%

22,91%

Triora

401

12,41%

12,36%

12,25%

14,14%

14,65%

Vallebona

1.339

11,08%

14,81%

18,25%

20,83%

20,57%

Vallecrosia

7.226

25,23%

26,83%

26,38%

30,07%

29,49%

Vasia

441

8,17%

9,63%

17,65%

21,32%

25,01%

Ventimiglia

25.624

13,84%

15,82%

15,71%

16,91%

20,58%

Vessalico

299

2,87%

7,08%

13,32%

15,24%

21,06%

Villa Faraldi

500

0,43%

n.i

1,74%

17,42%

13,64%

Totale e media %

220,69

12,58%

15,02%

17,85%

19,94%

22,09%

Fonte dati:www.regione.liguria.it

La tabella conferma che nessun comune ha superato l’obiettivo del 65%. Primo è il comune di Camporosso con il 54,61%, secondo Armo (43,72%),terzo Ospedaletti (40,33%) e quarto Taggia (39,44%). In evidenza (per numero superiori a 10.000 abitanti) i comuni di: Sanremo (30,50%), Bordighera (28,62%), Imperia (24,53%), Ventimiglia (20,58%).

I Comuni al di sotto del 20% sono 23: Olivetta San Michele (19,91%), Cipressa (19,36), Borghetto d’Arroscia (18,92%), Diano Marina (18,68%), San Biagio della Cima (18,62%), Isolabona (18,59%), Pompeiana (18,58%), Badalucco (17,19%), Cosio d’Arroscia (17,05%), Lucinasco (16,97%), Aurigo 16,17%), Caravonica (16,07%), Triora (14,65%), Ceriana (14,10%), Pornassio (13,80%), Borgomaro (13,77%), Villa Faraldi (13,64%), Civezza (13,23%), Mendatica (12,47%), Diano Castello (11,39%), Prelà (11,23%), Pietrabruna (10,93%), Chiusavecchia (10,36%), Costarainera (8,37%), Pontedassio (8,14%), Dolcedo (5,53%), Diano Arentino (5,22%).

La percentuale annuale dei 67 comuni imperiesi negli anni: 2007 (12,58%), 2008 (15,02%), 2009 (17,85%), 2010 (19,94%), 2011(22,09%).

Demerito dei Sindaci e loro collaboratori? Non hanno nulla da chiarire e giustificare sulla gestione della raccolta differenziata dei rifiuti? Escludono di poterla effettuare a “Rifiuti zero”? Se sì, quali le motivazioni e le giustificazioni? I cittadini hanno il diritto di essere informati. Gli Amministratori hanno il dovere e obbligo di provvedere a norma della dovuta trasparenza.

Nel prossimo numero di trucioli.it pubblicheremo le tabelle dei comuni delle Province di Genova e La Spezia. 

Gilberto Costanza

email: gilberto.costanza@alice.it

Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Archivio Articoli

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su Accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi