Numero visualizzazioni articolo: 1.490

Ciappellette in saccoccia

Ragazzi in giostra per un novel Pidì- basta con i matusa- richiamare il giovinotto Bertinotti maestro sfasciacarrozze.

            Il vangelo secondo Matteo fiorentino, detto “Il Renzi”, si sostanzia di cospicua aria fritta e cela, sotto l’ansimante vecchio e molto partitico anelito a primati  personalistici, la voglia di disarcionare alcuni mezzi busti cui peraltro si deve l’esistenza stessa del Partito Democratico.

Il tutto potrebbe essere il prezzo da pagare nel momento in cui la sconvolta debolezza politica dell’avversario,  più che la propria forza, indica nel PD il probabile vincitore delle prossime elezioni (sempre che non ecceda nell’ormai tradizionale autolesionismo).

Il tentativo di una maggiore presenza in mezzo al popolo sovrano è sperimentalmente in atto : l’invenzione delle primarie è finalizzata a provocare il riavvicinamento tra cittadini, elettori e partito, problema comune a tutte le rappresentanze politiche in regimi di democrazia formale.

Sennonché, al di là di una dialettica da organigramma interna alla logica partitocratica, il movimento personalistico del Renzi deborda in attese e chiamate dalle quali risulta intorbidito il comune denominatore politico che deve, pur sempre, unire le parti concorrenti all’interno di un unico movimento.  Perché non si può affermare che si cerca di raccogliere i voti degli elettori berlusconiani delusi senza conclamare, contestualmente, che la loro delusione sarà vieppiù rafforzata da una vittoria che si prefigge di annullare tutti gli obbiettivi del berlusconismo, quelli raggiunti e quelli in fieri.

Altrimenti i berlusconiani delusi sarebbero legittimati a credere che i novelli democratici siano lì per fare quello che… “Lui” non è riuscito a fare!

Non si può concludere, come ha fatto il Renzi in TV  da Fazio ( in “Che tempo che fa” di lunedì otto ottobre), che vanno bene le parole d’ordine di Bersani, che tutto quello che dice e fa Bersani va bene ( in più, ha aggiunto, il “merito”, categoria da chiarire) e poi combatterne e volerne sostituire la designazione, ottenendo –sotto l’implicita minaccia di sfasciare il partito- la doppia candidatura alle primarie per poterci entrare anch’egli. Noi non vogliamo dire che la modifica dello Statuto per consentire detta doppia candidatura  per il Pd , nell’ambito della coalizione con gli altri partiti, sia stato un atto di debolezza ma, certamente, costituisce una contraddizione, perché svilisce la “coalizione” facendo assumere al PD una posizione oggettivamente privilegiata., facendo quindi delle primarie un fatto interno al PD.

Ma di tutto quanto sopra non sembrano preoccuparsi  i giovanili formettatori  dei gruppi di sostegno ai due candidati, pullulanti nella nostra sorridente plaga savoningauna.

Scrive su “Il Secolo XIX” di lunedì scorsa Dario Freccero di scontri a colpi di “frecciate” (che Freccero scriva di frecciate ci pare ovvio) le quali, però, ci sembrano più battute da bar alla Minetti che proposizioni di valenza politica.

“Se si votasse oggi per le primarie prenderebbero (i sostenitori di Bersani) una gran tranvata!” (sic!)

Ora, non sappiamo se Dario Freccero abbia fatto una qualche ricerca sulla parola “tranvata” , noi però  abbiamo consultato il volume “Nuove parole italiane dell’uso” di Tullio De Mauro – UTET 2007- e non ce l’abbiamo trovata.

E con questo, ci si potrà dire, forse che non si capisce?  Ma certo, per capire si capiscono anche i grugniti però, insomma, vi sembra un linguaggio consono a chi si prefigge di governare il paese?  Se è derivata da tranvai, come è probabile, sarebbe come affermare una sconfitta simile all’arrotamento  da parte di un tram .

Volgare o tragicomica che la si voglia considerare, la parola resta comunque sintomatica di una sconsolante puerilità.

Ma allora, giovanotti, figgieûx, provvedete a “richiamare”e incorporare il Faustino! Egli, più Berti-rotti che Bertinotti, in una situazione del genere potrebbe darvi una bella mano. E poi del suo spirito giovanilissimo non v’è da dubitare, altro che il Renzi: non potreste assumere nessun miglior rottamatore di lui.

Intanto, se incontrate il vetero-compagno Pistarino cercate di scansarlo, è un provocatore: si è fatto due saccocciate di ciappellétte per offrirvele alla prima occasione, si è preparato anche la frase da dirvi: Vegne chi, mattettô, süssite due ciappellétte e ti vegghiâe che ti pêu côrrī anche se ti è persô ô tranvai.

 

                                                                                     BELLAMIGO

Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Archivio Articoli

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su Accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi