Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Quando gli asini riposano sul lungomare o in collina. Da Finale agli alpeggi imperiesi

L’asino fedele compagno di lavoro, così era considerato, nei nostri paesi liguri, fino agli anni ’50. Poi è quasi scomparso per tornare, in casi molto limitati, in alcuni orti-pascoli dell’immediato entroterra. Non si ha più traccia, invece, del bue. Così come sono una rarità tutti i grossi animali domestici. Fa notizia, dunque, la presenza di asinelli su un lungomare.Nelle settimana scorse un lettore di Trucioli.it ha ripreso sulla passeggiata a mare di Finale Ligure  due asinelli, con il loro padrone, in ‘sosta’ nella zona di levante di Finalmarina. Una curiosità che ha attratto immancabili curiosi e tante domande per l’accompagnatore.

Una domenica di settembre, a Finale, sulla passeggiata a mare di ponente

 

I due asinelli sostano nei pressi di una pizzeria con il loro accompagnatore

 

L’ASINO CHE HA TROVATO CASA IN GALLERIA 

San Bernardo di Mendatica la segnaletica del percorso verso il Garezzo

Altre immagini  a decine di chilometri, questa volta in provincia di Imperia, sulla strada sterrata che da San Bernardo di Mendatica, raggiunge il Garezzo e l’omonima galleria dove per giorni, alla fine di settembre, aveva trovato ‘casa’ un asino piuttosto anzianotte.  Una curiosità: la galleria viene percorsa anche in auto da chi vuole raggiungere, seguendo l’alta Via delle Alpi Liguri, Triora, Molini di Triora, Colla di Sanson, Colla Melesa. Una strada militare piuttosto malconcia, ma panoramica. L’animale, incustodito, non ha creato problemi al transito.

A fine settembre in località Garezzo di Montegrosso Pian Latte (IM)
L’animale non intralcia il traffico sul percorso sterrato

 

ASINI NELLA MALGA DELLA FAMIGLIA DONATI SULLE ALPI MARITTIME (REZZO) 

Altro scenario quello che si trova lungo il percorso finale del Bosco di Rezzo (Comune di Imperia) dove durante l’estate. La famiglia Donati (in inverno torna a Pompeiana) occupa una malga, con 200 mucche, un’ottantina di capre, e quattro asini che sono stati ripresi a fine settembre.

 

Rezzo: nella malga del pastore Donati anche gli asinelli

BORGHETTO S. SPIRITO DI UN TEMPO: UN ASINO COMPAGNO DI LAVORO

 

Un’immagine degli anni ’30 sulla storia di Borghetto S. Spirito

Infine  riproduciamo una foto degli anni ‘3o  contenuta nel libro Borghetto Santo Spirito di un tempo.  Nel testo a corredo si legge che  anche lungo la fascia costiera quando la meccanizzazione  non era ancora arrivata, nelle campagne  abbondava il bestiame che aiutava l’uomo nel lavoro della terra. Fornica anche latte, carne e produceva stallatico indispensabile per la concimazione del terreno. L’asino, poi, e più ancora il mulo, adatti alle nostre colline, trasportavano a basto o tirando il carro, l’occorrente alla casa, ai campi, alla stalle ed erano pure cavalcatura generalmente mite come si vede dalla foto.

 

Avatar

Trucioli

Torna in alto