Numero visualizzazioni articolo: 1.241

La memoria degli anziani? Migliora con carta, penna e lettura ad alta voce

Anziani col cervello in forma grazie alla ‘cura’ di Ryuta Kawashima, il neuroscienziato giapponese che ha inventato il videogioco Brain Training. L’esperto ha spiegato, oggi in un incontro all’Università di Milano-Bicocca, la sua ricetta per migliorare le capacità delle persone affette da demenza senile senza l’uso farmaci, ma utilizzando quasi solo carta, penna e semplici calcoli.

Lo ha fatto nel corso di un incontro organizzato dai ricercatori dell’ateneo coi quali collabora a un progetto internazionale sulla popolazione che invecchia.Nel 2020 più anziani che bambini .

Entro il 2020, secondo gli esperti, il numero delle persone con più di 65 anni supererà nel mondo quello dei bambini con meno di 5 anni, mentre entro il 2040 quello delle persone con più di 80 anni sarà aumentato del 233%.

In Italia, nel 2040, il 32,6% della popolazione avrà più di 65 anni, il 10,4% più di 80. In questo scenario è nato il Progetto Alias (acronimo per ‘Alta formazione, Internazionalizzazione nell’Ageing Society’) col quale l’Università Bicocca ha avviato una collaborazione scientifica sull’asse Giappone-Italia, Paesi caratterizzati da dinamiche di invecchiamento molto simili.Contro il decadimento esiste una strategia vincente.

La terapia dell’apprendimento nella demenza senile, ha spiegato Kawashima (nella foto), “è una risposta al problema del decadimento delle capacità cognitive degli anziani. Si tratta di un percorso di formazione, ormai somministrato a più di diecimila persone in Giappone, solo lo scorso mese sono stati in 15 mila a partecipare. E’ basato su semplici operazioni con i numeri fatte con carta, matita, lettura ad alta voce e interazione verbale con un allenatore”.

Questo sistema, ha aggiunto il neuroscienziato, “è stato anche il punto di partenza per lo sviluppo del mio videogioco”.Un sistema che permette un notevole risparmio per le casse del sistema sanitario.

L’effetto è quello di mantenere in esercizio e migliorare la funzione pre-frontale, compresa quella cognitiva, la capacità di comunicazione e d’indipendenza. L’efficacia di questo trattamento, “è confermata su pazienti giapponesi affetti da demenza senile, sui quali ha agito come sistema di riabilitazione cognitiva permettendo una riduzione del carico assistenziale e quindi del relativo costo sociale”.

Terapia dell’apprendimento costa circa un quinto. Kawashima ha quantificato il risparmio per le casse del sistema sanitario Giapponese: 865 dollari all’anno per ciascun paziente (1054 dollari è il costo pieno del trattamento convenzionale contro i 189 dollari della terapia dell’apprendimento).

“Le conseguenze del progressivo invecchiamento globale della popolazione – ha concluso Stefania Bandini, ordinario di Intelligenza artificiale nel Dipartimento di Informatica dell’Università Bicocca e coordinatrice del Progetto Alias – sono importanti soprattutto in termini di aumento della spesa pubblica e della contemporanea contrazione della crescita economica, dovuta alla diminuzione del numero di lavoratori e al rallentamento del risparmio”.

(Redazione Tiscali)

Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Archivio Articoli

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su Accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi