Numero visualizzazioni articolo: 1.998

Pagine di storia e testimonianze a Loano. A Luceto festa della solidarietà ANPI

A Luceto,  di Albisola Superiore, per iniziativa Anpi – sezione Casarino, Ferrari, Saettone – festa della solidarietà (leggi manifesto). Per Loano, invece,  riproponiamo l’intervento inedito davanti al Monumento ai Caduti, il 25 aprile 2012, dell’avvocato Stefano Carrara Sutour. Con parole di circostanza pronunciate dal presidente della sezione Anpi Pietro Pastorino e dal sindaco Luigi Pignocca

IL TESTO INTEGRALE DISCORSO AVVOCATO CARRARA

 

La celebrazione del 25 aprile unisce alla commemorazione  per  coloro che della libertà e della democrazia in  Italia furono artefici, la continuità e l’attualità  dell’impegno e della lotta per la quotidiana conquista degli obbiettivi che la RESISTENZA   ha prefigurato e promosso.

La grande mobilitazione iniziò l’8 settembre 1943. Dopo la destituzione di Mussolini successiva al 25 luglio e  l’improvvido  proclama “La Guerra continua” del Governo Badoglio,  si assistette alla fuga del re e di una parte dello stesso governo  a Brindisi, sotto la protezione degli alleati.

Dall’esercito, abbandonato a se stesso, sorsero i primi nuclei di resistenza armata sulle montagne e anche nelle città, mentre, già il  9 settembre,  si costituiva , prima in Roma, poi  in tutte le città italiane, il comitato antifascista che prese il nome  Comitato di liberazione nazionale (CLN),  ad opera dell’antifascismo militante con  rappresentanti del PCI, del PSI, della D.C., del Partito d’azione, del PLI , del partito Democrazia del Lavoro (Partito Demolaburista), del Partito Repubblicano. Esso fu l’Organo politico di coordinamento e di direzione in Italia  dei  movimenti  impegnati in tutta Europa contro il nazifascismo . Il CLN diede la precedenza alla lotta guerreggiata contro il nemico, rinviando a dopo la vittoria il problema dell’assetto istituzionale dello Stato (Monarchia o Repubblica- Costituzione).

Ricordiamo i nomi dei caduti partigiani in Loano : DARIO VOLPI e GUGLIELMO SIMI, ventenni fucilati davanti al Cimitero ;  GUIDO D’ALONZO , catturato dai fascisti della San Marco e fucilato alle spalle, proditoriamente, in viale Toti: AGIDE MACCARI, caduto sulle alture, presso Giustenice in seguito ad un’imboscata.

Ricordiamo anche i nomi dei  componenti del  Comitato di Liberazione di Loano che svolsero il loro ruolo senza allontanarsi dalla città, con gravissimo rischio per la vita propria  e dei propri familiari: Secondo Celesia  (PCI), Giuseppe Giusto (PCI), Luigi Adolfo (PSI), Giuseppe Lerda (DC),Giuseppe Rembado (D.C.), Pietro Gherardi (PLI), Stefano Carrara (P.d’A) –  nominato poi Sindaco il 25 aprile, con la presa di tutti i poteri in Comune in nome  del governo nazionale,  espressione del CLN .

Anche a Loano, come a Genova,  la “Liberazione” non attese l’arrivo degli Alleati e si impose il 25 aprile 1945 in perfetta autonomia, con le proprie forze partigiane, assumendo il controllo del territorio.  I fascisti si diedero alla fuga. I tedeschi, invece, erano presenti e si attestarono in un treno blindato che, all’altezza del capo Santo Spirito, minacciava con la sua artiglieria tutta la zona fino a Pietra Ligure, con l’intento di distruggere il Cantiere Navale. Furono ore di grande tensione. Alla fine le trattative con il comandante tedesco, cui fu garantito l’allontanamento, volsero al meglio e il pericolo venne scongiurato.

A ponente di Savona, nella zona delimitata dalla statale per il Piemonte fino all’entroterra di Albenga, dal 15 luglio 1944, operava la  2° Brigata d’assalto Garibaldi di cui fu primo comandante Hermann Vigoda (Enrico) un ebreo polacco che era riuscito a raggiungere le formazioni partigiane. Uomo di indubbio valore, dalle grandi risorse umane e militari. Lo ricordiamo con gratitudine e affetto.

Ricordiamo anche il conterraneo Sandro Pertini, responsabile dell’organizzazione militare del CLNAI, da noi tutti  conosciuto ed amato, futuro Presidente della Repubblica.

            La dialettica politica che intercorreva tra i componenti del CLN,  di diversa estrazione sociale e ideale , così come quella che intercorreva tra i giovani combattenti, non attenuò ma anzi rafforzò la comune strategia di liberazione affermatasi  con l’insurrezione nazionale decisa  per il 25 aprile 1945 (Aldo dice 26X1).

Con la “Resistenza”  furono rilanciati sul piano politico i valori democratici di libertà, giustizia sociale ed uguaglianza, soffocati nel ventennio fascista e ripresero forma i  principi stessi del Risorgimento che hanno condotto alla Costituzione Repubblicana e all’UNITA’ della Nazione.

UNA e INDIVISIBILE, come ha riaffermato in  varie occasioni ed ha ora scritto in un aureo volume il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

I 15.000  civili massacrati dai nazifascisti con vili attacchi a villaggi e  città italiani, i  36.000 caduti partigiani e i 21.000 mutilati e invalidi stanno a dimostrare come la Resistenza sia stata e permanga, oggi più che mai, movimento di Popolo.

            Così come lo fu il Risorgimento.

Non credete a coloro che  definiscono il Risorgimento come un movimento elitario,  condotto da uomini delle classi sociali agiate solo vogliose di abbattere confini doganali:  Il Risorgimento è stato un grande movimento di Popolo.  Erano figli del Popolo i 20.000 volontari accorsi dalla Lombardia  per mettersi agli ordini di  Giuseppe Garibaldi. E proprio  il geniale Comandante nizzardo, che possiamo ben considerare un nostro concittadino per la madre  loanese–Rosa Nicoletta Raimondi-,  accolto da folle di cittadini in delirio a Varese e a Como, nonché liberatore di tutta la zona lombarda del Lago Maggiore con i Cacciatori delle Alpi,  consegna  le sue grandi vittorie al governo Sardo Piemontese prima della defezione degli alleati francesi che, sotto l’imperio di Napoleone III, firmano l’armistizio di Villafranca, provocando l’anticipata conclusione della seconda guerra di indipendenza. Una vittoria monca.

Sono figli del Popolo i “Mille” , professionisti, studenti, artigiani, operai che, a bordo del Piemonte  e del Lombardo salpano da Quarto il 6 maggio 1860 per raggiungere la Sicilia in quella che sembrava un’impresa folle, liberare la Sicilia e il mezzogiorno dal regime Borbonico e unirlo al resto d’Italia. E sono figli di Popolo le migliaia e migliaia di volontari siciliani e gli altri che ancora raggiungono Garibaldi e rendono possibile la sconfitta dell’esercito borbonico, superiore per mezzi e organizzazione, a Calatafimi e a Milazzo con l’ingresso di Garibaldi a Messina il 27  luglio portato in trionfo dalla folla di Popolo che lo acclama. Lo stesso accadrà nel continente fino alla consegna delle proprie vittorie, benché egli fosse repubblicano,  a Vittorio Emanuele II, nel fine prevalente dell’Unità d’Italia.

L’Unità è stato e resta il filo conduttore delle lotte popolari che hanno segnato , con il Risorgimento e con la Resistenza, la storia in positivo della nostra Nazione.

Finita la seconda guerra mondiale è stata ancora la volontà popolare, con il Referendum Istituzionale, a decidere la forma repubblicana dello Stato e si è aperta quindi la fase costituente.  Il vincolo unitario non ha umiliato, anzi, ha esaltato le autonomie locali. Regioni, Province e Comuni sono stati i momenti salienti di un coordinamento amministrativo e di libertà necessario per la ripresa e la rinascita dello Stato.

L’attuazione costituzionale è stata lenta per le remore e gli strascichi del passato regime, di classi dirigenti in parte miopi, di una reazione sempre pronta a ritardare lo sviluppo della nostra giovane democrazia ma , finalmente, nel corso della 5° legislatura  (1968-1972) le Regioni a statuto ordinario hanno trovato attuazione e i principi fondamentali di libertà e solidarietà sociale si sono affermati così come dettati dalla Costituzione,  che resta uno dei documenti democratici più completi e vitali che la storia europea abbia mai  prodotto, frutto della Resistenza e delle idee di cui erano portatori i movimenti politici di più ampio consenso popolare.

Ma la Resistenza, come dicevamo, costituisce fondamento del  passato da cui siamo stati forgiati  e però è linfa del  presente, che  stiamo vivendo. La generazione che l’ha percorsa, in allora giovane e generosa, volge al tramonto e così pure  coloro che erano allora giovanissimi e ne hanno assimilato le ragioni e lo spirito. E’ con grande speranza che vediamo stringersi intorno alla bandiera dell’ANPI  i nostri giovani  ai quali passiamo le consegne perché la battaglia per la Democrazia , la giustizia, il lavoro, la dignità della persona, la libertà, l’uguaglianza – a cominciare da quella della donna -,  per l’affermazione dei principi quindi di cui all’art. 3 della Costituzione, non è mai conclusa. Perché i principi di  solidarietà e il riconoscimento e la garanzia dei diritti inviolabili dell’uomo –di cui all’art. 2 della Costituzione che non conosce confini né distinzioni- sono  affidati a norme contraddittorie, e trovano in movimenti  minoritari, affetti dal male endemico della chiusura  e del provincialismo, una sponda anti italiana.

Stiamo assistendo al perdurare di confusioni preconfezionate, illusorie vie d’uscita da una situazione di crisi economica globale che si somma ad una cattiva e annebbiata amministrazione, purtroppo tutta nostra, all’interno della quale si è rinvigorita, al di là di ogni peggiore previsione, la corruzione, sono emersi personaggi i cui valori sono esclusivamente connessi al raggiungimento della  ricchezza  privata approfittando di malversazioni con pubblico denaro, alla bancarotta mascherata, alla speculazione,  all’evasione tributaria, con enorme danno per le finanze pubbliche e per tutta la collettività, ed ampio lavoro per Polizia e Giustizia.

Facendo leva su questi mali endemici che affondano le radici sociali nelle ampie sacche di carattere mafioso, estese con nuovi mezzi e nuove forme a tutte le latitudini della nostra penisola,  sale dal ventre del ribellismo qualunquista una confusa contestazione che, facendo di ogni erba un fascio, vorrebbe porsi come “non politica o antipolitica “ che dir si voglia. Occorre innanzi tutto rilevare che coloro i quali affermano di “non volere la politica” di “non fare politica” o “ di fare antipolitica”, esprimono una BEN PRECISA POSIZIONE POLITICA . Non credete a chi vi dice “non faccio politica”  perché la fa nel momento stesso in cui afferma il contrario.  Solo chi vivesse in una grotta del  Monte Carmo, cibandosi di erbe spuntate dal suolo, potrebbe forse dire di non fare politica.

Qual è allora lo scopo “politico” dei cosiddetti  “antipolitici”?  Non risanare la Democrazia ma abbatterla. Essi lavorano per demolire i principi di rappresentanza popolare che sono l’anima della Democrazia, senza i quali la Democrazia non potrebbe sopravvivere, per affermare una impossibile e inattuabile gestione diretta, senza strategie, né progetti, né concretezza alcuna.  Come può constatarsi dunque: una ben precisa  pericolosa posizione politica antidemocratica, un tragicomico vaniloquio.

Noi vediamo la necessità di una battaglia dura contro mafie e corruzione, contro il malaffare dilagato in molte  amministrazioni della Cosa pubblica, ma consideriamo anche le migliaia di pubblici amministratori eletti e di pubblici funzionari – e sono la grande maggioranza- che fanno il loro dovere, in migliaia di Comuni, in molte amministrazioni regionali e provinciali:  sono onesti, a volte eroici,  ci rimettono spesso di tasca propria,  ma…non fanno notizia.  Essi sono il fulcro della Democrazia e ci consentono la civile convivenza.

 

“L’Italia è una Repubblica democratica fondata sul LAVORO”.

Così recita  il primo comma dell’articolo 1 della nostra Costituzione.

Ma che cosa accade se, come oggi  avviene, le fabbriche chiudono, la cassa integrazione si elefantizza col rischio di crollare, il lavoro scarseggia anche nei settori della nuova tecnologia? Se, malgrado l’esistenza di una “forza lavoro” altamente qualificata , come emerge anche dalle statistiche che riguardano la  maggioranza dei nostri giovani, la produzione  arretra su tutti i fronti ?

Leggiamo il secondo comma dell’articolo 3 della nostra Costituzione:

“E’ compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale,che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese.”

Ancora una volta, dunque, gli indirizzi sono dati dalla Costituzione: lo Stato, la Repubblica, deve intervenire direttamente per affrontare la questione economica, eliminando gli ostacoli che tale questione determina impedendo il pieno sviluppo della persona umana e quindi la sua libertà effettiva.

L’intervento pubblico nell’economia,pertanto, si impone.

Noi pensiamo che un piano di investimenti debba oggi  esprimersi su base europea. L’Europa deve essere sostenuta, proprio ora,  proprio da noi,  proprio in questo momento critico, nel quale subisce attacchi dettati dalla paura, dalla xenofobia, dall’arretratezza culturale dei suoi detrattori.

L’Europa appare sempre più indispensabile, deve essere  mantenuta nei suoi strumenti finanziari e monetari e deve esserne potenziata la spinta ad un  maggiore coordinamento e ad una maggiore unità.

Guai se non esistesse l’euro ! la lira, la peseta, il franco e lo stesso marco, avrebbero subito una svalutazione insostenibile.   l’Europa non può, peraltro, essere ridotta a fungere da agente contabile o bancario. Gli Stati che la compongono  devono imporsi investimenti pubblici, soprattutto l’Italia,  essendo di poco momento per un rilancio effettivo la nostra industria privata,  ancorché aumentasse il credito,  ed essendo illusori i benefici derivanti dalla totale privatizzazione della produzione e dei servizi.

Per uscire dalla crisi, sono necessari investimenti pubblici coordinati in sede europea nelle infrastrutture, nella ricerca, nell’università, nella scuola, spendendo in modo concordato e pianificando  una strategia di interventi ai quali si accompagnino le doverose scelte di equità, giustizia fiscale  e rigore. Tali scelte  non devono e non possono contrastare una corretta crescita nei settori portanti e duraturi dell’economia,  non in  quelli della speculazione  fine a se stessa, ma in quelli, ad esempio, delle energie rinnovabili, della salvaguardia del patrimonio artistico ed ambientale, della connessione dei servizi e delle scelte energetiche, per liberarci dal condizionamento asiatico.  E ciò senza essere succubi delle borse e dei mercati che dovranno, invece,  adeguarsi alle scelte degli Stati europei, se valide e corrette,  e non il contrario. Il tutto in una strategia di cammino verso la Confederazione Europea, essendo i tempi  e la situazione internazionale ormai maturi per questo grande disegno di affermazione e rilancio del nostro Continente finalmente pacificato. Così hanno lumeggiato i nostri precursori europeisti, con il manifesto di Ventotene, militanti e combattenti  dell’antifascismo e della Resistenza, uomini come Altiero Spinelli, Leo Valiani, Mario Rollier.

Permettetemi di concludere con la breve poesia di  Primo Levi, grande scrittore italiano deportato ad Auschwitz,  rivolta ad un’amica caduta nel Campo; versi,  malgrado tutto, aperti ad un futuro di luce, di un  testimone del genocidio attuato dal nazifascismo, il genocidio più vasto ed abbietto che la storia dell’umanità abbia mai conosciuto, testimone della Shoah :

Vorrei credere qualcosa oltre,

oltre la morte che ti ha disfatta,

vorrei poter dire la forza

con cui desiderammo allora,

noi già sommersi,

di potere ancora una volta insieme

camminare liberi sotto il sole.

(Discorso a nome dell’ANPI, davanti al Monumento ai caduti, il 25 aprile 2012)

Stefano Carrara Sutour

Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Archivio Articoli

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su Accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi