Numero visualizzazioni articolo: 515

Laigueglia, Zanoni e la maglia nera
Si correva (anche) per arrivare ultimo

E’ stato un corridore professionista di eccellente valore, mettendo il suo nome nell’albo d’oro ( o sul podio) di importanti competizioni ciclistiche internazionali. Eppure il suo nome, ancora oggi, viene associato alla maglia nera che negli anni di splendore della bicicletta indicava l’ultimo in classifica al Giro d’Italia. Bruno Zanoni, bergamasco, ma cittadino di Laigueglia praticamente dall’infanzia, ha avuto l’onore di correre con i grandi protagonisti degli anni ’70 che tutti ancora oggi ricordano. Va detto che lui non fa nulla per nascondere quel poco invidiabile primato sul quale, con la sua grande simpatia, ha costruito il suo personaggio.

<Quanta fatica per arrivare primi- attacca Bruno-  ma quanta anche per arrivare ultimi ! Che battaglie per ottenere quella maglia nera che per me, per quanto se ne dica nell’ambiente ciclistico, non ha mai rappresentato nulla di offensivo. Nelle tappe di montagna facevamo a gara, io ed altri pochi eletti a voler indossare quella maglia, a farci staccare perbene, sempre ricordando di non arrivare fuori dal tempo massimo stabilito dalla giuria. Devo dire che in alcune tappe non ho poi così faticato ad indossarla….>.

Bruno però è stato un grande corridore professionista che ha scritto pagine importanti per il ciclismo ligure e ponentino in particolare.

<La corsa che ricordo di più? Ma la Parigi-Roubaix. Me la sogno ancora oggi quando ho incubi o febbre alta: passare per quei lunghi tratti di pavè era una tortura. Ecco quelli sono i momenti nei quali ti chiedi perché hai scelto questo mestiere e non optato ad una vita più tranquilla. E pensare che da piccolo giocavo a calcio….>.

Bruno è stato colonna portante del Trofeo Laigueglia che vive il suo 54° anno di vita. Una corsa che, fino a quando il ciclismo è stato sport lontano dal business, apriva la stagione delle due ruote, con le squadre ciclistiche che, già da metà gennaio, soggiornavano nella Riviera di Ponente. Poi anche il ciclismo, come altri sport, ha venduto la sua anima al diavolo, a sponsor che a febbraio ti costringono a correre negli Emirati Arabi.

Bruno Zanoni una vita a pedalare

<Ed il Laigueglia- osserva amaramente Zanoni- non è più stato l’evento che apriva la stagione, con tanto di diretta Rai. Già, anche la televisione pubblica da anni ha rinunciato a trasmettere la corsa nel pomeriggio, preferendo una sintesi serale. I tempi cambiano….>. E anche Bruno, che la passione per la bici non l’ha mai perduta continua a pedalare, anche se la stanchezza si fa sentire, soprattutto in salita: <L’ultima volta che ho voluto affrontare il Testico mi sono accorto che anche la mia ombra mi aveva staccato: e allora ho capito che è meglio guardare il ciclismo in tv>.

Guglielmo Olivero

Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Archivio Articoli

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su “accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi