Numero visualizzazioni articolo: 1.128

Commercialista di Loano alla ribalta,
da Genova una storia che scuote
Maristi, Salesiani, sindacati e la Conad

E’ stata la Repubblica, del 7 giugno scorso, a firma di Marco Preve, a titolare “Conad piace ai frati. Dopo lo Champagnat tocca ai Salesiani. I dipendenti dei Maristi protestano in strada”. Nell’approfondito servizio viene chiamato in causa, come superconsulente, Luigi Raineri commercialista di Loano “che segue le trattative con Conad sia per lo Champagnat – maristi, sia per i Salesiani di Quarto”. Nella città dei Doria, Raineri, professionista mai salito alla ribalta, forse qualche problemino di vecchia data per l’amministrazione di condomini. Ha l’ufficio nella palazzina conosciuta per essere stata la nuova sede del compianto notaio Giacomo Burastero, personalità ricca di storia.

La prima pagina dell’articolo di la Repubblica (fai un click per ingrandire la lettura)

La vicenda raccontata e descritta dal prestigioso quotidiano non è una ‘spy story‘ di cui il giornalista svela misteriosi retroscena. C’è una trama, c’è il sospetto di intrighi ? Voci e sussurri riferiscono che, per ‘sventare’ un’operazione con 21 dipendenti rimasti senza lavoro dal primo giugno, si è chiesto aiuto al cardinale Bagnasco e persino al Santa Padre, papa Francesco. In ballo ci sarebbe materia d’affari immobiliari e commerciali, pare una ‘pentola’ da scoperchiare. Mancherebbe solo l’intervento dell’autorità giudiziaria inquirente, ma soprattutto le indiscusse capacità investigative della Guardia di Finanza con i suoi reparti specializzati.  C’è, ad esempio, un primo interrogativo o se volete l’alone di un giallo. Il commercialista di Loano, interpellato dal cronista, quando parla di trattative di vendita di aree dei Maristi  e della società genovese Virgin si tira indietro: ” Non è stata una mia decisione, ma un patto di riservatezza che contrattualmente  legava in allora i Maristi e Virgin”.

Attorno al tema caldissimo delle strategie dei Maristi ci sarebbe stato un primo incontro a Genova in cui ha presenziato il dott. Raineri – non siamo riusciti a trovare  nell’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Savona, dopo averlo contatto al telefono ed era assente, lasciando comunque il numero del nostro cellulare –  ed il sindacato, in particolare Cisl.  In un secondo incontro a Roma con l’associazione ‘datoriale’, i sindacati della scuola, Padre Cicimarra (maristi) avrebbe sostenuto di non conoscere il consulente Luigi Raineri. A quanto si dice ci sarebbe stata la richiesta di un incontro urgente del dott. Raineri con il vice sindaco di Genova, ma sul tappeto ora c’è il  presunto ‘disconoscimento’ dei Fratelli Maristi, alla presenza di sette testimoni (le segreterie nazionali  Cisl, Cigl, Snals,.. scuola”  in merito al ruolo del superconsulente Raineri.

Tra l’altro, in un recente articolo del Secolo XIX – Genova si da notizia che l’avvocato Francesco Bugada ha dato una risposta per conto dei Maristi dopo l’appello  del cardinale Bagnasco (” Chi ha responsabilità  in queste cose ha il dovere ed il compito di chiarire le posizioni in modo da non creare panico e paure”). “Risposta del legale – annota il giornale – che però non svela  quali siano i partner per il futuro della Champagnat”.  E oltre: “I Maristi  sostengono che il motivo  alla dolorosa, ma inevitabile decisione  di chiudere il Centro Sportivo Champagnat non è indissolubilmente legato alle gravi perdite finanziarie che lo stesso ha accumulato. Perdite aggravate  dal calo delle vocazioni che impedisce di ricorre a risorse ‘interne’ per la gestione del Centro….La cessazione dell’attività che metterebbe sul lastrico 21 dipendenti è completamente svincolata dall’esito delle trattative in corso con i soggetti che i Fratelli Maristi hanno da tempo individuato per garantire lo sviluppo dell’area e dare nuova linfa alla Scuola. E che costituisce (la Scuola) la missione per cui il Fondatore ha creato l’istituto ed oggetto di un ambizioso progetto di rinnovamento…Infine i Maristi hanno  avanzato una proposta  economica assolutamente congrua  e che tuttavia i lavoratori dipendenti  hanno ritenuto di respingere”. Il Secolo XIX non fa cenno alla consulenza di Raineri.

Marco Preve scrive che “Allo Champagnat di Albaro di Padri Maristi, proprietari del complesso, hanno deciso di vendere il centro sportivo e il pole position  c’è la cordata formata da Conad e Virgin per aprire un nuovo punto vendita ed una nuova palestra. Sempre la Conad è interessata ad aprire un punto vendita nei locali di Quarto dell’Opera Pretto di Don Bosco”.

Si potrebbe aggiungere che anche nel comprensorio loanese  e di Savona- Vado – Quiliano, la Conad ha una robusta e qualificata presenza e in due casi (Toirano e Quiliano) non sono mancate polemiche, lacerazioni del mondo politico, dubbi sulla filiera delle concessioni edilizie. Nel Comune di Toirano, in passato, era stato risposto picche all’apertura di un centro commerciale, dove sorge la Conad, ad un altro gruppo a dimensione nazionale. Trucioli.it ha pubblicato inoltre trascrizione di e mail in cui l’imprenditore arch. Andrea Nucera di Ceriale lamentava, con il suo consulente arch. Luciano Campagnolo, commistioni d’affari a suo dire poco limpide. Nessun replica è pervenuta a trucioli.it.

E’ sempre Preve  ad  ipotizzare  che “La Conad  vada all’assalto o in soccorso degli ordini religiosi in difficoltà”. Aggiungendo: “Il colosso aderente a Legacoop sta trattando in queste ore  due grossi affari nel levante di Genova. Entrambe le trattative vengono  gestite per conto dei sacerdoti  da Luigi Raineri, commercialista di Loano e consulente nazionale di padri  Maristi e Salesiani”.

Al giornalista genovese Raineri  avrebbe confermato: “ Sto seguendo, per conto dei Salesiani di Quarto, una trattativa con Conad che escluso preveda  però la trasformazione  di campi di calcio  in un’area commerciale….” Raineri, annota il giornalista di Repubblica, pare abbia un’antica amicizia con il cardinale  Giovanni Battista Re, prefetto emerito della Congregazione dei vescovi”, in pratica l’organo  che designava i nuovi prelati. E aggiungiamo noi, il cardinale Re che non fa parte della schiera degli ‘innovatori di papa Francesco. A Roma, incontrava anche a tavola Claudio Scajola. In una circostanza, aveva confidato il compianto, comm. Marco Lengueglia, “ci trovammo a pranzo e il cardinale chiese al ministro, allora dell’Interno, se era a conoscere di un malessere che interessava la diocesi di Albenga – Imperia e coinvolgeva  il vescovo Olivieri, bersagliato da lettere  firmate e anonime inviate in Vaticano. Scajola rispose – disse Lenguegliache si trattava solo di pettegolezzi e non c’era nulla di vero”.

A Loano, il dott Luigi Raineri pare non faccia vita pubblica e ‘si vede raramente’. In ufficio nel primo mattino o a tarda sera. Un  professionista rispettato, non chiaccherato, non ha mai fatto parlare di se. Lontano dai riflettori insomma. C’è chi dice che ‘si sarebbe spesso occupato, nella sua attività,  di istituti religiosi. A Loano, in particolare,  della Casa Marina Virgillito del suore Domenicane di Bologna’. Una struttura ricettiva, con annessa chiesa,pare ora affidato alla gestione di un parente del  commercialista. Raineri, peraltro, abita con la famiglia nel complesso residenziale di Pineland, a Borghetto S. Spirito, ai confini di ponente con Loano. Una figlia ha sposato un dipendente del porto turistico della cittadina.

Secondo quanto scrive Marco Preve,  il commercialista loanese- borghettino sarebbe  socio accomandatario di una società genovese, La Maddalena Srl, che si occupa di  compravendite ed ha come socio  accomodante  la Fondazione San Michele Arcangelo , con sede  nel paradiso fiscale di Vaduz capitale del Liechtentstein e aggiunge “La Fondazione però, spiega Raineri ‘è totalmente estranea alle trattative tra Conad, Maristi e Salesiani”.  Infine: “ Raineri chiarisce a Repubblica ‘ Ho contatti col Gruppo Conad perchè, quale consulente sia dei Maristi, sia dei Salesiani sono stato incaricato, per conto dei clienti, di seguire le trattative, peraltro non avviate, nè favorite da me”.

C’è un ultimo passo, a quanto si vocifera, lo stesso Raineri avrebbe chiesto un incontro ‘chiarificatore’ con il vice sindaco di Genova. Forse già avvenuto, mercoledì di questa settimana. Pare dunque di capire un’attività professionale, con i crismi di trasparenza, seppure necessariamente ‘riservata’ come la deontologia prevede in questi casi, oltre a possibili ragioni di opportunità. Resterebbe da sapere, anche da parte di un vecchio cronista con 47 anni di esperienza in questa provincia, se effettivamente il professionista figura tra i ‘principi’ e persona di massima fiducia, di ordini religiosi, Piccoli o grandi affari. Il trait d’union con ruoli importanti e delicati. Peccato sia finito nella graticola di uno scontrodove non mancano vistosi cartelli, per presidio 24 ore su 24, dei dipendenti Champagnat, che  ’urlano e scrivono: ‘ Fratelli Maristi uguale  Fratelli affaristi”. Le facce di una stessa medaglia ?

L. Cor.

 

Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Archivio Articoli

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su “accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi