Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Noli vota, Niccoli getta la spugna, si ritira e spiega. 2/Il ‘Progetto Calla Purgatorio’ è realtà

La rinuncia ufficiale, il dr. Pino Niccoli, medico di famiglia in pensione, tre volte sindaco, l’ha affidata ad un post nella serata di mercoledì. “Con un certo rammarico dobbiamo comunicare che ‘Rinascimento Nolese’ non sarà presente alla prossima competizione  elettorale per l’elezione  del sindaco. …Tutti hanno cercato il nostro appoggio (voti) senza darci  adeguata visibilità tra i candidati…”.

Ecco il post in cui ai simpatizzanti di Niccoli si lascia libertà di voto a chi “ritengono più idoneo ad affrontare le sfide che aspettano la nostra amata Noli”. E’ probabile che dopo aver annunciato la discesa in campo di ‘Rinascimento Nolese‘, essersi proposto candidato sindaco, Niccoli abbia trovato non poche difficoltà a formare una squadra spendibile di candidati. Del resto quattro liste, nella piccola Noli, come ha ben spiegato  l’avv. Marco Genta (è presidente della benemerita Croce Bianca), non  rispondono ad alcuna logica diciamo di buon senso, utilità collettiva e confronto democratico. Se non ripicche ed odiose divisioni personali. Basti pensare che nella popolosa Cairo Montenotte tre sono gli schieramenti in campo, tanto per fare un utile confronto.

A questo punto i candidati sindaci restano tre: l’ex due volte primo cittadino Ambrogio Repetto (centro sinistra- lista civica) che certe fonti darebbero per favorito, l’ex capogruppo di “In Repubblica 2.0Marina Gambetta, l’ex capogruppo  Marino Pastorino (Noli nel Cuore- lista civica). Quanto sono destinati a pesare i voti di Niccoli fuori dalla competizione ? Chi sarà il maggiore beneficiario ? Voti di centro destra e personali.  Sarà davvero la volta della svolta con un volto rosa ?

2) Una buona notizia per Noli … dopo mesi di lavoro …Un’altro progetto collegato alle scoperte di “Dante, Noli e il Purgatorio”, va in porto!
DALLA PAGINA FACEBOOK DI GIOVANNI TOSO –
IL PROGETTO “CALLA DEL PURGATORIO” É REALTÀ!
Ho ricevuto dal Presidente Luciano Pasquale la gentile anticipazione, che la Fondazione De Mari ha deliberato un significativo finanziamento, per creare la ‘Calla del Purgatorio‘ sul nostro monte Orsino. Si tratta dell’installazione di eleganti pannelli (esempi e bozze sotto) basati sui contenuti del mio libro, per guidare e informare turisti e studiosi lungo l’antico, bellissimo percorso, che conduce al Castello, partendo dalla Spiaggia, inclusi il Vescovado (Valletta dei Principi’) e la Porta ‘du Scin’ (‘Porta del Purgatorio’).
Sarà illustrato in  circa 25 ‘stazioni’ il reale percorso descritto e immortalato nel Purgatorio dantesco: i luoghi dove il Poeta trovò rifugio per anni, trasse ispirazione, scrisse e revisionó gran parte della Commedia.L’itinerario strutturato potrà divenire una grande attrazione storico-letteraria, ‘istituzionale’, unica e inimitabile al mondo, per fare conoscere il profondo legame tra Dante e Noli (con la sua storia ricchissima) a nuovi e ampi segmenti di turismo culturale su tutto l’arco annuale.
Un sentito ringraziamento al Commissario prefettizio Sandra Lazzari, che ha creduto subito nel progetto e lo ha portato avanti, ed a Laura Garbarino, che ha ben istruito la pratica di finanziamento, presentata dal Comune di Noli. Ora dobbiamo passare alla fase realizzativa della nostra straordinaria “Calla” … con qualità e rapidità! Altri progetti sono in corso. Buona giornata!

Cristina Gandoglia- La Torre di Papone, la chiesa di San Francesco, la chiesetta di San Michele e chissà quanto altro meriterebbe un sano restauro. Purtroppo il nocciolo del pubblico sono i soldi. Sono pochi e quei pochi spesso vengono destinati dagli enti (sovrintendenza) a opere più “grandi” a scapito di piccoli centri come Noli che riescono ad avere soltanto le briciole e a volte neanche quelle. Ricordo diversi anni fa che il Comune partecipo ad un bando per San Michele (firmai un petizione partita da un gruppo di cittadini) qualcosa ottenne e fece pure un piccolo progetto per evitare che la chiesetta crollasse definitivamente…. be furono talmente tanti gli intoppi burocratici che alla fine non se ne fece nulla.

Emma Caviglia a Gandoglia- Io penso che bisogna “ combattere” per smuovere l’esistente, non si può accettare una situazione del genere… non ci sono soldi, purtroppo, ma si può indire una raccolta fondi; poi perché non coinvolgere programmi televisivi nazionali ad illustrare il problema, ad esempio “ Striscia la Notizia” che dia risalto a quanto sta accadendo: lo ha già fatto in altre occasioni, penso che, se ciò si verificasse, verrebbero smosse le acque e parecchi si darebbero da fare! Penso che non ci si debba arrendere ad un inevitabile destino ma provare a cambiare la situazione in ogni modo e con ogni mezzo! Scusate se vi sembro ottimista ma quella era la torre dinanzi a cui sedevo da bambina per riempire i miei occhi e le mie orecchie dei voli e dei garriti delle rondini…

E CHE BELLA NOTIZIA IL ‘RITORNO DELLE CONCHIGLIE’ SUL LITORALE NOLESE !

Il post di Marina Gambetta: “Il ritorno delle conchiglie! Sono emozionata. Il ricordo risale ai fuori stagione da bambina quando andavo con la mia nonna Eugenia in riva al mare a raccogliere le conchiglie da usare per farne delle fantasiose collane”.
Maria Chiara Reale-  Devo confessare le mie colpe: mi piace raccogliere conchiglie. Meglio raccogliere conchiglie che inquinare il mare con discariche che poi magari fanno morire le conchiglie.
Chiara Rebella – Questi giochi da fuorilegge…. Molto meglio comprare i ciondoli in edicola ..che poi vengono persi creano micro plastiche e li mangiamo nei pesci… Effettivamente molto meglio.
Marina Gambetta a Rebella- Però si voleva far passare legale riversare sulle spiagge di Noli la rumenta di “terreno risultante dagli scavi“ del buco di IV novembre. In sintesi, il Comune con l’ufficio Lavori Pubblici, pur di fare ripartire (illegalmente) i lavori dei box si era reso disponibile a esentare la società Progetto Noli dal pagamento dei costi di discarica e si era impegnato a far usare come discarica gratuita il nostro mare.
Avatar

Trucioli

Torna in alto