Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Lettere e commenti. Annuncio dell’on. Paita: ‘Al posto dei binari la pista ciclabile più bella al mondo’. E proposta da Borghetto S.Spirito

Raffaella Paita, già vice presidente della Regione Liguria con il presidente Claudio Burlando, parlamentare renziana e sostenitrice del trasferimento dei binari a monte: ‘Ricaveremo la pista ciclabile più bella del mondo», ossia la ciclovia tirrenica. E da Borghetto S. Spirito una proposta. Infine commento di un capostazione in servizio.

E il sindaco di San Lorenzo al Mare, Paolo Tornatore, ha dichiarato al Secolo XIX: “La pista ciclabile sta rilanciando il mattone, con un aumento delle vendite immobiliari del 30 % e lievitazione dei prezzi.  A beneficiarne i piccoli comuni ed un volano anche per il commercio”

Lettera a trucioli.it di Michele De Francisci- Premetto che il mio terreno di 2500 mq e la mia casetta di campagna sarà soggetto ad esproprio. Al solo fine di contestare le montature e le stupidaggini che ho letto, riportati da trucioli.it, pubblico i tratti di interesse delle aree agricole del Comune di Borghetto S. S. Se si valuta lo spazio della vecchia linea ferroviaria, tutta lungo il mare, come amministratore Comunale, comprerei le aree agricole per permutarle con il sedime dismesso dalle ferrovie. Anche così si sviluppa il Turismo, Borghetto Libero dalla ferrovia sul mare.

Elena Gandolfo (Borghetto)- Io voglio vederci chiaro…. Dov’è questo progetto? Personalmente investirei sui treni

Elena Gandolfo

che sono vecchi e i locomotori che prendono fuoco e sopratutto sul personale, perché è inutile fare nuovi tracciati e dire che ci saranno treni in più (non ricordo quanti dichiarati), se poi mancano i macchinisti, capitreno e controllori. Direi che anche con uno spostamento dei binari se manca il personale i treni continueranno a mancare.

La Gandolfo (risponde anche ad un post di Gaetano Corsaro)- Le dichiarazioni ai telegiornali sono state queste, con lo spostamento arrivano tot treni in più, non cito il numero perché non mi ricordo con precisione, ma penso che sia un po’ utopia. Non è uno spostamento dei binari che fanno aumentare il passaggio dei treni. Credo sicuramente ai costi raddoppiati, sono sempre più perplessa su questo tracciato fantasma, soprattutto per il danno ambientale proprio su Borghetto, che si prende tutti i materiali di risulta di entrambe le gallerie e oltre al tracciato, la stazione più parcheggi, strade nuove che vogliono fare, il terrapieno o ponte, non si capisce, di 12 metri ci becchiamo aree, dove ora sono coltivate, più quelle che potrebbero esserle, che diventano depositi di macerie e di automezzi. In sostanza tutta l’agricoltura di Borghetto viene danneggiata così come le sue eccellenze. Ed è esattamente uno dei motivi per la quale l’agricoltura borghettina è così ai minimi termini, a chi viene voglia di investire?
CAPOSTAZIONE SAVONESE COMMENTA-
Alessandro Panizza – Ogni tanto un articolo che riporta dati, quindi fatti. Non se ne può più delle balle che raccontano i nostri politicanti locali. Tra Savona e Genova i tempi di percorrenza sono aumentati di molto, nonostante i mezzi abbiano minori tempi di accelerazione e frenata, l’accessibilità sia migliorata, i tempi di sosta ridotti. I problemi evidentemente sono altri. Di certo non il binario unico, dato che stiamo parlando di una tratta esclusivamente a doppio binario…..
Avatar

Trucioli

Torna in alto