Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Ceriale e orario Poste, il vice sindaco promuove raccolta firme. A quando la petizione per riaprire chiosco bar e Wc a Peagna. E quel tappeto rosso… Borghetto S.S. dove i vacanzieri dormono ma spendono a Loano e chi propone al Comune…

Ceriale tutti con il vice sindaco Luigi Giordano promotore (e ‘distributore’ del modulo) di una raccolta firme per chiedere che l’unico Ufficio Postale torni ad essere aperto anche di pomeriggio. Nessuno invece pare preoccuparsi che a Peagna, con le sue bellezze, sia chiuso dall’estate 2019 l’unico bar con servizi. Solo colpa della burocrazia? O dell’assessore competente (Maineri?). E a Borghetto c’è chi mette il dito su un’altra ‘piaga’. La denuncia: “I vacanzieri dormono qui ma vanno a spendere a Loano”.

Dalla pagina Facebook del vice sindaco Luigi Giordano – “Da oggi comincia la raccolta firme a sostegno della riapertura pomeridiana dell’ufficio postale di Ceriale. Potete trovare i moduli, come da foto, in tutti i bar di Ceriale. In alternativa, io ho sempre i moduli con me e oltre a scambiarci due parole potete anche firmare”.

COMMENTI – Marilena Costa: Luigi, fai il giro anche a Peagna per favore. Sestilio Gori: Accettate le firme di chi ha 2a casa? La problematica è la stessa. Giordano: certamente anche seconde case. Gianni Fasano: OTTIMO, GIORDANO SINDACO ! Sara Santuccione: Grande Luigi ❤️ fino a quando abbiamo tempo? Giordano: Almeno per 40 giorni. Francesco Pittella: Bar Sabrina…porta i moduli grazie…vogliamo contribuire alla raccolta delle firme….Graziella La Grotteria: Tutti i Bar ? Giordano: Ho cominciato stasera a portare i moduli domani passo da voi e altri.

NESSUNO FIRMA PER RIAPERTURA DELL’UNICO CHIOSCO BAR CON SERVIZI DI PEAGNA
RESTA CHIUSO DA OLTRE DUE ANNI. E DIRE CHE TUTTI, A PAROLE, SI FANNO IN 4 PER  RENDERE VIVO E OSPITALE  UN BORGO PITTORESCO.
Peagna il grazioso e decoroso edificio realizzato dal Comune e destinato ad ospitare un chiosco bar ma chiuso da fine estate 2019

E’ verissimo che a Peagna i veri peagnoli rimasti si contano quasi sulle dita di una mano. Che ad accrescere la disintegrazione di quella che era una laboriosa e coesa comunità contadina, con le sue tradizioni, i suoi agricoltori e pastori, persino un ex sindaco (Carlin Vacca) è stato l’allontanamento di fatto, anzianità inclusa, del  compianto parroco (per 60 anni) mons. Fiorenzo Gerini.  Che anche il Gruppo Amici di Peagna ha via via smarrito membri e forza propositiva, organizzativa.  Si aggiunga che Peagna, rispetto al passato, per quanto poteva contare, non ha neppure più un rappresentante in consiglio comunale. E se c’è un consigliere delegato alla frazione non pare abbia peso e dinamismo, a prescindere da “Peagna sotto le Stelle‘ con Miss Eleganza. C’è da sorridere ?

Può una frazione decantata, ammirata, apprezzata anche da tanti turisti (il mondo web lo testimonia) e da chi ha comprato casa, non avere neppure un esercizio pubblico, punto di riferimento e di servizio soprattutto per i visitatori ? E non da un giorno…. Che in caso normalissimo di ‘bisognini‘, non potendo usufruire di locali WC, deve arrangiarsi. Cercare un angolino appartato.  Il chiosco era gestito indirettamente da una ‘Pro Loco‘ che parrebbe tenacemente in sonno. Nella sua sede sul lungomare è rimasta solo una targa. Nella pagina Facebook le ultime notizie sono dell’aprile 2021, con una cronistoria, programmi e buoni propositi più che invitanti. “La Pro Loco di Ceriale nasce nel 1996 con lo scopo di: collaborare con l’Amministrazione Comunale per organizzare, promuovere e realizzare iniziative di interesse turistico e culturale; ricercare, attivare, promuovere e mantenere in atto tradizioni locali, con particolare riferimento a quelle legate alle espressioni artistiche e culturali; sviluppare l’ospitalità e stimolare il miglioramento della ricettività; fornire servizi di informazione turistica e culturale a carattere pubblico”.

Chissà, fosse ancora in vita, come avrebbe commentato il primo presidente dell’Azienda autonoma di Ceriale, il cav. Carlo Camino, ex sindaco, ex assessore provinciale ed esponente della vecchia guardia del Psi, strenuo difensore dell’economia agricola della piana, schierato contro la cementificazione delle aree agricole e per la salvaguardia dell’integrità di Peagna da tutelare  con il Piano regolatore. Peagna bella e ‘ospitale’ senza bar e senza servizi igienici: impagabile biglietto da visita per tutta l’amministrazione comunale e chi la supporta con il silenzio. Totò direbbe: “Non c’è scusa che tenga !”. E del resto neppure i mass media, o la stampa amica, si sono finora accorti della ‘spettacolare’ situazione di disagio. Avanti piano e alla prossima tornata elettorale con tanti buoni e immancabili propositi.
I pegnaoli con i capelli bianchi ricorderanno quando ‘arrivò’ il primo televisore in paese (1954 ospitato in un locale della vecchia canonica abitata dal compaesano don Menini) e si correva per non perdere programmi nazionali di successo come Carosello, Lascia e Raddoppia di Mike Bongiorno, Campanile sera, i comici Toto e Gilberto Govi. Le serate del Festival di Sanremo, il telegiornale di Rai 1 delle 20. Poi arrivò, nel ’62, il posto telefonico pubblico ospitato dalla famiglia Rosso(L.C.)
CERIALE: IN CENTRO STORICO IL ‘TAPPETO ROSSO’ 
SI INTERROMPE NELL’ULTIMO TRATTO

Una domenica, 2 gennaio 2021, ore 12, 26 (errata l’ora della fotocamera), il tappeto nel centro storico

Una scenografia da feste natalizie. Non ci sono solo le luminarie e gli angoli della cittadina resi più suggestivi. C’è pure un tratto del centro storico di levante  ‘risparmiato’ (e privato) del tappeto rosso. Una scelta dettata dal risparmio, nessuno può ragionevolmente crederlo, dalla mancanza di materiale (tappeto), oppure dal fatto che quel tratto di pedonale più ‘diseredato’ di così non si può.

Da anni chiuse le ultime resilienti attività commerciali, ristorante – pizzeria compresi. L’ex sindaco Fazio, sui mass media, si era lasciato prendere dall’ottimismo, asserendo che con la nuova cittadella portuale, al confine con Borghetto, sarebbe sorta anche una discoteca per rilanciare commercio e turismo in una zona soffre una crisi finora senza sbocchi. Abbiamo già scritto che si era pure pensato (idea panzana) che vietando di trasformare i locali con le attività esistenti (allora) in ‘agenzie immobiliari’ si ridava slancio a pochi passi dal lungomare.

Non sappiamo se il Comune ha mai optato per mettere a punto, con l’ausilio di esperti di problematiche socio – economiche, strategie che possano offrire speranze ed opportunità. Forse da scommessa. Difficile ipotizzare, ad esempio, incentivi solo per quel tratto di abitato, quanto a Imu e imposte varie. E dai privati affitti meno cari di locali potenzialmente ‘commerciali’.

Va da se che i più penalizzati restano i proprietari degli immobili, soprattutto quelli al piano strada. Qui ci sono ancora portoni  di magazzini dell’anteguerra. Difficile anche credere che non si possano tentare soluzioni anzichè arrendersi al fato, alla cattiva sorte.

Centro storico, almeno quel tratto in particolare, copia quasi perfetta di cosa sta accadendo nel cuore della vecchia Borghetto S. Spirito imbattuta ‘capitale’ delle seconde case vuote.  Ceriale, almeno, rifiorisce quanto a dinamica e sviluppo commerciale, nel suo ponente. Con il suo primato di supermercati, persino l’unica concessionaria Ferrari- Maserati della Liguria. Un ponente in costante consolidamento ed espansione con il prossimo fine lavori della T 1 che tuttavia merita – e lo faremo – un capitolo a se stante perchè ci sono molti aspetti e verità taciute ad oggi e che invece la comunità ha diritto a conoscere. Poi restano sempre sulla carta i progetti immobiliari, turistico ricettivi dell’imprenditore cerialese Franco Fresia. Tutta colpa sua se abbiamo giù superato il decennio e tre amministrazioni civiche ? Sempre colpa della burocrazia e degli ‘amici degli amici’ di turno alla Regione Liguria ? (L.C.)

A BORGHETTO C’E’ CHI RECLAMA:
“Qui i vacanzieri dormono ma vanno a spendere a Loano”
Francesco Silvano – ….Visto che tutti quelli che dormono a Borghetto vanno a spendere Loano…chiedo non si può pretendere una divisione degli introiti.
Lucia Mallardo – Francy hai ragione, ma a parte ristoranti e bar cosa c’è a Borghetto ?
Silvano – Non c’è niente perché vanno altrove, per esempio a Loano e sono dell’idea che bisognerebbe attivarsi anche verso i proprietari dei locali di affittarli ad un costo ragionevole visto la crisi; piuttosto che vederli chiusi e deperire meglio affittarli a minor costo dico io, ma questo e a farlo come sprone, toccherebbe all’Amministrazione comunale.
Lucia Lo Presti- Ci chiediamo ancora perché succede ?
Avatar

Trucioli

Torna in alto