Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Mendatica: 700 anni fa nasceva il Comune. Inaugurazione e festeggiamenti. Marco Scajola ospite d’onore. Nuova sala multimediale

Alluvioni, frane, chiusure di strade lungo una rete viaria secolare (alcune curve ‘interdette’ ai pullman), la pandemia. “Un periodo tormentato – ha ricordato il sindaco di Mendatica- ma  ci stiamo risollevando”. La messa in sicurezza della viabilità rappresenta un traguardo significativo, seppure parziale. Intanto un’altra buona notizia: adeguamento e ristrutturazione della sala multimediale (merita di essere intitolata al benemerito Pietro Porro, Pierin da Posta, autore del libro MendaticA).

Sabato 27 novembre 2021 cerimonia civile e tradizionale ricorrenza religiosa per la festività storica di Santa Caterina e il pranzo  collettivo con obbligo green pass. E’ stato il sindaco Piero Pelassa, con gli assessori Emidia Lantrua vice sindaco, Graziano Floccia, i consiglieri comunali, a fare gli ‘onori di casa’ all’assessore regionale Marco Scajola, ringraziandolo per la sua gradita presenza e la costante attenzione (anche nei finanziamenti) alle urgenze cui si trova a far fronte il paese e le sue frazioni, già dal 2016.

In passato il territorio era stato colpito da altre frane, smottamenti e sgombero di case; danni a strade provinciali e comunali con frequenti chiusure per lavori, necessità di interventi di somma urgenza. Sempre alle prese, manco a dirlo, con le ‘povere casse comunali’ sostenute da finanziamenti regionali e statali.

Ma qui non c’è la manna degli ‘oneri di urbanizzazione’ grazie all’edilizia che continua a baciare la fascia costiera, consente milionari incassi da Imu (seconde case soprattutto ed attività commerciali), posti di lavoro. Non ci sono insomma introiti  che rendono  floridi i conti dei comuni costieri, pure beneficiari  di fondi pubblici. Finanziano fuochi artificiali e spettacoli mondani, enti ed associazioni, impianti di videosorveglianza, manifestazioni. E spesso fingono di ‘piangere’ per ‘bilanci all’osso’ sapendo che difficilmente la maggioranza dei cittadini segue delibere e determine, voci di spesa e di introiti. La ‘scarsa’ o stringata informazione  da una mano. Meglio ancora con la folla dei ‘senza memoria’.

A Mendatica, come in altri piccoli paesi montani liguri, il bilancio  del Comune è inchiodato all’osso (privato pure degli introiti delle due centraline, una quella di Monesi era stata appena inaugurata dopo una spesa di 200 mila €), come non ci sono laute prebende e gettoni per gli amministratori eletti.

In paese le opere pubbliche, post frane ed alluvioni, contribuiscono ad uscire dall’isolamento e mettere in sicurezza il territorio (a Monesi di Mendatica si proseguirà, si spera, con palificazioni, muri di contenimento, ripristino rete fognatura, acquedotto, elettricità, consolidamento complessivo,  centralina inclusa ?). Un ‘investimento pubblico’ che si aggira sui 6 milioni di € e ci vorranno almeno sei anni, se tutto va bene. Un ‘ricostituente’  con ricadute positive per l’occupazione e attività artigianali della zona.

Tutto questo però lascia irrisolto il nodo delle scelte strategiche future capaci di invertire (e non solo frenare) lo spopolamento con investimenti pubblici e privati in grado di creare posti di lavoro per i giovani. Interessante  rileggere quando ha scritto, su trucioli.it, Sergio Ravera, già funzionario della Camera di Commercio di Savona,  pubblicista, studioso di tematiche socio economiche della Liguria, del suo ponente in particolare.

Ecco:….Risollevare le sorti delle aree collinari e montane trova una sua prima rilevante significatività laddove le strade si inoltrino senza particolari difficoltà nei territori interni, dunque  salvaguardando i centri abitati, eliminando le pericolosità tra strettoie e curve a corto raggio, assicurandone nel contempo la manutenzione ordinaria costante. Sono le strade il primo asset di un serio programma di rilancio dell’economia delle aree interne,  motore primario in grado di attrarre giovani e famiglie. Non dimentichiamolo”.

Mendatica che può contare sull’apporto di idee e conoscenze di Laura Amoretti, dinamica consigliera provinciale e regionale di Pari Opportunità, da qualche anno premier femme a fianco del primo cittadino, alla sua terza legislatura, riconfermato  nel maggio 2019 con la lista Sviluppo e Tradizione, così come era accaduto  nel 2009 (eletto a 47 anni) e nel 2014.

E non mancano i rumors social di chi ne auspicherebbe, ma la legge attuale non lo consente,  un quarto mandato per ‘proseguire il lavoro e l’impegno profuso alla guida del Municipio’. Seguendo Facebook c’è chi tifa per il ritorno di una sindaca in quota rosa. E questa volta dopo Emidia Lantrua, si legge, sarebbe proprio la volta di Laura Amoretti che potrebbe contare sulla preziosa conoscenza della macchina – burocrazia amministrativa- dell’assessore tecnico Graziano Floccia, geometra, funzionario responsabile al Settore Lavori Pubblici di Albenga, con particolare impegno nella ‘bonifica idraulica’ .

C’è  chi vede invece buone chance, da futura candidata sindaca, per Paola Carli consigliera comunale e definita dal Secolo XIX “molto vicina alla famiglia Scajola” e per questo inserita (all’ultimo momento) nelle lista dei candidati del centro destra in Consiglio provinciale. E che vede un grande escluso: il sindaco di Ventimiglia Gaetano Scullino. 

Per la cronaca dal sito della Provincia di Imperia si può leggere il piccolo contributo che viene riconosciuto a Laura Amoretti: Indennità di consigliera di parità effettiva della Provincia di Imperia. Impegno e contestuale liquidazione indennità di carica per il periodo intercorrente dall’1.9.2015 al 30.6.2020. Importo:  Euro. 3.944,00“.

Mendatica l’attesa del taglio del nastro inaugurale

COMUNICATO VIA FACEBOOK DELL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE – “Una giornata di gioia e di ripresa, dopo un periodo funestato da pandemie ed alluvioni. Ieri la Comunità di Mendatica, durante le celebrazioni per Santa Caterina, ha festeggiato i 700 anni della nascita del Comune ed i 50 anni di fondazione della locale Pro Loco.

Nell’ambito dell’evento sono stati altresì inaugurati i locali, recentemente ristrutturati ed adeguati, della sala multimediale.
Un ringraziamento a tutti gli intervenuti ed a tutti coloro che hanno collaborato per l’ eccellente riuscita della festa”.
La giunta e il consiglio comunale di Mendatica con l’assessore regionale Marco Scajola

L’intervento dell’assessore regionale Marco Scajola: il sindaco Piero Pelassa e il consigliere Paolo Ramella,  un mite galantuomo, insegnante in pensione, già vice sindaco, ex direttore-presidente dell’ente Parco Alpi Liguri. E se toccasse a lui concludere la sua lunga esperienza amministrativa, dedizione a Mendatica, con l’elezione a ‘primo cittadino’ ? Ramella che aveva tentato la carta delle elezioni provinciali (con la bandiera Udc e sponsor Vittorio Adolfo) quando erano i cittadini a votare, ma la buona stella della Valle Arroscia non gli era stata amica.
QUANDO MENDATICA POTEVA CONTARE SUL COMPAESANO E UNICO PARLAMENTARE DELLA SUA STORIA: ALDO AMADEO CHE PER MOLTI ANNI E’ STATO ANCHE PRESIDENTE PROVINCIALE  COLDIRETTI.
L’inaugurazione delle tre nuove campane della chiesa parrocchiale: il vescovo Raffaele De Giuli, il parroco don Giuseppe Tassara.  Il sindaco ed il prefetto. In basso  l’on Aldo Amadeo (a sn) durante il suo intervento, si intravvede in piedi anche l’allora seminarista Luciano Corrado che frequentava il 4° ginnasio.  Nell’ultima foto, a ds), in piedi, l’ing. Emanuele Della Valle di Albenga durante un incontro al Consorzio di Arginamento del Centa, all’epoca al centro di vivaci polemiche che coinvolsero tutta la valle. Alla sua ds l’on. Aldo Amadeo. 
(Foto repertorio storico- archivio trucioli.it)

 

 

 

Avatar

Trucioli

Torna in alto